programmi per affiancare foto



programmi per affiancare foto

I migliori programmi per affiancare foto.

Paint .Net

IMMAGINE QUI 1

Paint .Net è un programma gratuito per il fotoritocco di base che si pone come un’alternativa potenziata del classico Paint ma che non dispone di tutte le funzionalità avanzate che possono avere software del calibro di GIMP o Photoshop.
È molto leggero e la sua estrema semplicità di utilizzo – data anche dalla traduzione in italiano della sua interfaccia – lo rende perfetto per “lavoretti” come l’affiancamento di due immagini digitali.
Supporta tutti i principali formati di file grafici ed è compatibile con tutte le principali versioni del sistema operativo Windows.
Scarica da qui.



PicPick

IMMAGINE QUI 2

PicPick è un programma di grafica gratuito (solo per uso personale) caratterizzato da un’interfaccia utente praticamente identica a quella del Paint di Windows 7.
Tra le sue funzioni, oltre a quelle incluse nel Paint originale, ci sono la possibilità di catturare istantanee dello schermo, aggiungere scritte ed annotazioni al desktop, zoomare lo schermo, gestire le tavolozze di colore e molto altro ancora.
L’interfaccia utente del software è tradotta completamente in italiano ed include un wizard iniziale con l’elenco di tutte le funzioni che è possibile utilizzare.
Scarica da qui.



GIMP

IMMAGINE QUI 3

Disponibile per Windows, Mac OS X e Linux, GIMP è quello che viene definito da molti come la migliore alternativa gratuita a Photoshop.
Si tratta dunque di un software per il fotoritocco molto ricco di funzioni che permette di compiere tantissime operazioni differenti, da quelle più basilari (come l’affiancamento di due foto) a quelle più avanzate (correzione di difetti, applicazione di effetti speciali, ecc.).
La sua interfaccia utente è tradotta completamente in italiano ed anche se abbastanza differente da quella di Photoshop o Paint, molto facile da usare anche per gli utenti meno esperti.
Scarica da qui.

Photoshop

IMMAGINE QUI 4



Definirlo un programma per affiancare foto è assai riduttivo, ma Photoshop può fare anche questo! Il software di fotoritocco più potente e famoso al mondo permette di modificare e manipolare le immagini digitali in qualsiasi modo, applicando delle semplici correzioni alle foto venute male (correzione luminosità, colori, contrasto, ecc.) o creando delle vere e proprie opere d’arte digitali ricche di effetti speciali.
Il software è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 7 giorni.
Scarica da qui.

Shape Collage

IMMAGINE QUI 5



Per chi non è alla ricerca di semplici programmi per affiancare foto ma di soluzioni in grado di realizzare delle opere più artistiche ed elaborate mettendo due o più immagini insieme, Shape Collage è l’ideale.
Stiamo infatti parlando di un programma che permette di creare collage di foto con varie forme in maniera estremamente semplice e veloce su tutti i principali sistemi operativi:
non solo Windows ma anche Mac OS X, Linux e perfino il Web, visto che ne è disponibile una versione funzionante completamente online.
La versione free applica un watermark ai collage generati, per rimuovere la limitazione occorre acquistare la versione Pro.
Scarica da qui.

Photofiltre

IMMAGINE QUI 6

Photofiltre è un programma per il fotoritocco gratuito e leggero che si caratterizza per una gamma abbastanza assortita di funzioni ed un’interfaccia utente ultra-essenziale.
Supporta tutti i principali formati di file grafici e permette di modificare le foto in vari modi, correggendo i difetti più comuni degli scatti digitali ed applicando loro vari effetti.
È disponibile anche in versione no-install che non necessita di installazione per poter funzionare.
È in lingua inglese ma è possibile tradurlo in italiano scaricando il file della lingua dal sito ufficiale del software.
Scarica da qui.



programmi per aprire file iso



programmi per aprire file iso

Di recente hai scaricato l’immagine ISO di un programma e vorresti installarlo sul tuo computer, senza però utilizzare dei DVD per masterizzarlo.
Il tuo amico ti ha passato il file ISO di un gioco e non sai come aprirlo?
Nessun problema.
Per aprire i file ISO basta utilizzare gli appositi programmi.
Come dici?
Non sai quali programmi utilizzare?
Non preoccuparti, posso aiutarti io a risolvere tutti i tuoi dubbi in materia informatica.

Devi sapere che esistono dei programmi per aprire file ISO che creano delle unità virtuali:
in questo modo potrai utilizzare tutti i dati presenti nei file ISO senza dover montare l’immagine su un DVD/CD o Blu-Ray.
Immagino che detto così possa sembrare un po’ complicato, ma mettiamola in questo modo:
questi programmi non fanno altro che simulare la presenza di un disco all’interno del computer, permettendo l’installazione/l’utilizzo di software o giochi contenuti al loro interno, senza che vi sia l’effettivo utilizzo di un supporto fisico.

I programmi per aprire file ISO esistono sia su Windows che su Mac e utilizzarli per montare l’immagine ISO in unità virtuale è molto più semplice di quanto tu possa immaginare.
La maggior parte di questi programmi è disponibile in maniera del tutto gratuita e per montare un file ISO vi sono richiesti soltanto pochi minuti di tempo libero per effettuare una procedura veramente basilare.
Se l’argomento ti interessa e desideri saperne di più, prenditi qualche minuto di tempo libero per scoprire quali programmi utilizzare per aprire file ISO su Windows e Mac.
Potrai così montare un file ISO sfruttando al meglio le potenzialità dei software indicati.
Vedrai che alla fine della lettura di questa guida converrai con me che si trattava di una procedura decisamente semplice.
Sei pronto per iniziare?
Sì?
Benissimo! Ti auguro una buona lettura.



Utility di sistema (Windows)

IMMAGINE QUI 1

Se possiedi un computer Windows con sistema operativo Windows 10 o Windows 8.x, non devi scaricare nessun programma per aprire file ISO.
Il modo più semplice e immediato per aprire un’immagine ISO, in questo specifico caso, consiste nel ricorrere all’utilizzo dell’utility di sistema che permette di montare un file ISO.
In poche parole, con un programma “di serie”, già incluso nel sistema operativo Microsoft, puoi montare in un batter d’occhio un file ISO.



Pensi che sia impossibile?
Prova tu stesso.
Cerca nel tuo computer l’immagine ISO che desideri aprire e, con il mouse, fai clic destro su di essa.
A questo punto fai clic sulla voce di menu Monta dal menu che comparirà e attendi qualche secondo.
Avrai così completato l’operazione in tempo record, avendo creato un’unità CD/DVD virtuale.
All’interno di essa potrai trovare tutti i dati presenti nel file ISO che hai montato.

Per accedervi, seleziona la voce Computer oppure Questo PC dalla barra laterale di Esplora Risorse.
Troverai la tua nuova unità virtuale montata:
per avviarla ti basterà fare doppio sull’icona dell’unità virtuale che hai appena creato.
Hai visto che era semplicissimo?

WinRAR



IMMAGINE QUI 2

WinRar è uno tra i programmi più famosi per la creazione e la gestione di archivi compressi.
Permette di aprire file ISO, di estrarne il contenuto ma non di crearne di nuovi o di modificare quelli esistenti aggiungendo o rimuovendo file da questi ultimi.



Si tratta di un programma che è a pagamento ma è scaricabile con una versione di prova gratuita della durata di 45 giorni.
Al termine del periodo di prova, alcune funzionalità del software vengono disabilitate e ad ogni apertura viene mostrato un avviso che invita all’acquisto di una licenza. Per utilizzare WinRAR ti basterà scaricarlo gratuitamente da questo link che rimanda al sito ufficiale.

Per scaricare il programma sul tuo computer, fai clic sul pulsante Preleva e attendi il che il  file .exe si sia scaricato.
Avvia ora il pacchetto di installazione facendo clic sulla sua icona e premi poi su e poi su Installa, Ok e Chiudi.

A questo punto, per aprire un file ISO con WinRAR dovrai semplicemente cercare nel tuo computer l’immagine ISO che desideri aprire e, con il mouse, fai clic destro su di essa.
Dal menu che si apre, fai clic sulla voce Apri con WinRAR per aprire l’immagine ISO e visualizzarne il contenuto.
Come hai visto, anche in questo caso si tratta di una procedura estremamente semplice.



7-Zip

IMMAGINE QUI 3

Tra i programmi più frequentemente utilizzati per aprire file ISO vi è 7-Zip, un ottimo programma gratuito per la gestione, la creazione e l’estrazione di archivi compressi.
Supporta archivi in formato 7Z, ZIP, RAR, TAR, ecc.
ma anche le immagini di CD e DVD in formato ISO.



È in grado solo di visualizzare ed estrarre il contenuto dei file ISO ma non di modificarlo o di creare nuovi file ISO partendo da zero.
La sua leggerezza e la sua interfaccia utente semplicissima da usare lo rendono perfetto per chi vuole semplicemente consultare il contenuto delle immagini ISO senza particolari esigenze. Per utilizzare 7-Zip ti basterà scaricarlo gratuitamente da questo link che rimanda al sito ufficiale.

Premi quindi sul pulsante Download e salva sul tuo PC il file .exe del programma.
Per avviarle l’installazione di 7-Zip fai doppio clic sulla sua icona scaricata.
Per avviare l’installazione fai clic su Install e poi su Close.

Per aprire un file ISO con 7-Zip apri quindi il programma facendo clic sulla sua icona e, tramite il software, cerca in Windows il file ISO da montare, navigando tra le cartelle del tuo Computer.
Per aprire il file ISO, una volta individuato, fai doppio clic su di esso.
Potrai così visualizzarne il contenuto e avviare l’installazione di eventuali software presenti.



Daemon Tools Lite

IMMAGINE QUI 4

Daemon Tools Lite è probabilmente il più popolare programma per aprire file ISO disponibile per Windows.
Permette di montare i file immagine di CD e DVD in formato ISO, CCD, NRG, ecc.
in delle unità virtuali che permettono di simulare la presenza all’interno del PC di un vero dischetto.



Il punto di forza di Daemon Tool Lite è inoltre la sua semplicità di utilizzo e anche se è disponibile una versione a pagamento, per aprire i File ISO non è obbligatorio pagare:
la versione gratuita di Daemon Tool Lite svolge ottimamente il suo ruolo.

Nella sua versione gratuita, consente anche di creare immagini ISO di CD, DVD e Blu-Ray inseriti nel computer dando la possibilità di proteggerle con delle password. Per utilizzare Daemon Tools Lite ti basterà scaricarlo gratuitamente da questo link che rimanda al sito ufficiale.

Quindi, pr scaricare la versione gratuita di Daemon Tools sul tuo PC, non devi fare altro che recarti al sito Internet del programma e cliccare sul bottone Download.
Una volta che avrai scaricato il programma, apri il pacchetto d’installazione chiamato DTLiteInstaller.exe e clicca prima su  e poi su Free License with ads.
Potrai così installare la versione gratuita che si supporta tramite banner pubblicitari.



A questo punto dovrai attendere qualche minuto, affinché il software scarichi e installi tutti i suoi componenti necessari.
Ad operazione completa, avvia l’installazione di Damon Tools facendo clic sul pulsante Install.
A questo punto, dal menu a tendina, seleziona la lingua italiana e vai avanti nell’installazione premendo il pulsante Next.
Metti il segno di spunta accanto alla voce Licenza gratuita per poi premere il pulsante Avanti per due volte consecutive.
Inoltre, assicurati di rimuovere il segno di spunta accanto alle voci che ti chiederanno di installare software aggiuntivi promozionali e concludi l’installazione premendo sul pulsante Avanti, Installa e Termina.

Per incominciare a utilizzare Daemon Tools Lite, salta il tutorial iniziale premendo sul pulsante Salta per due volte consecutive.
A questo punto, per montare un file ISO premi sulla voce di menu Monta velocemente che si trova in basso a sinistra e cerca tra i file di Windows, l’immagine ISO da “montare”. Una volta che hai finiti di utilizzare il programma, puoi smontare l’immagine ISO attraverso l’icona gialla per l’espulsione del file ISO che comparirà mettendo il mouse sopra alla voce Monta velocemente di Daemon Tools Lite.



Programmi per aprire file ISO su Mac

IMMAGINE QUI 5

Se hai un Mac non ti serve scaricare un programma per aprire file ISO.
Anche i computer Apple possiedono uno strumento “di serie” che ti consentirà di montare i file ISO.
Ti eviterai così la noiosa installazione di programmi esterni.
Vuoi sapere come montare il file ISO attraverso il programma Mac incluso, chiamato DiskImageMounter?
D’accordo, allora continua a leggere, te lo spiego nel dettaglio nelle righe che seguono.

Per aprire un file ISO su Mac, utilizzando DiskImageMounter ti basta individuare nel tuo computer l’immagine ISO da aprire e fare doppio clic su di essa per aprirla.



Nel caso in cui riscontrassi dei problemi, puoi provare ripristinare l’associazione predefinita dei file ISO su Mac, seguendo i passaggi che sto per indicarti:

  • Per prima cosa clicca sull’icona di un qualsiasi file in formato ISO;
  • In seguito, dalla tastiera, premi la combinazione di tasti cmd+i  per richiamare la finestra che riguarda nel dettaglio le informazioni avanzate sul file;
  • Espandi il campo Apri con;
  • Seleziona la voceDiskImageMounter dal menu a tendina collocato sotto alla voce Apri con;
  • A questo punto non ti resta che premere sul pulsanteModifica tutto.

Se hai seguito tutti i passaggi che ti ho indicato in maniera corretta dovresti, a questo punto, riuscire in maniera semplice ad aprire i file ISO su Mac, semplicemente facendo doppio clic sulla sua icona.



Nel caso in cui dovessi riscontrare delle difficoltà o dei messaggi di errore, ti suggerisco di installare un software aggiuntivo per aprire file ISO.
Tra i migliori programmi disponibili su Mac che puoi utilizzare per montare le immagini ISO vi è il programma The Unarchiver, scaricabile gratuitamente su Mac App Store.

Dopo averlo scaricato sul tuo computer, per usarlo come programma per aprire file ISO non devi far altro che cliccare con il tasto destro del mouse sull’icona dell’immagine ISO da estrarre e selezionare la voce Apri con > The Unarchiver dal menu che comparirà.
I dati contenuti nell’immagine verranno automaticamente estratti in una cartella che verrà creata nello stesso percorso del file ISO.

programmi per aumentare le prestazioni del pc



programmi per aumentare le prestazioni del pc

I migliori programmi per aumentare le prestazioni del PC.

Glary Utilities

IMMAGINE QUI 1

Glary Utilities è una collezione gratuita di programmi per aumentare le prestazioni del PC che permette di liberare spazio sul disco fisso del computer, eliminare le chiavi corrotte ed obsolete dal registro di Windows, riparare i collegamenti che non funzionano più, debellare gli spyware più diffusi, eliminare le tracce della navigazione in Rete e ridurre i tempi di caricamento di Windows disattivando i programmi superflui impostati per l’avvio automatico con il sistema operativo.
Tutto con un semplice click, oppure scegliendo singolarmente gli strumenti da eseguire.
È completamente in italiano ma la lingua va impostata nelle opzioni del software dopo l’installazione.
Scarica da qui.



CCleaner

IMMAGINE QUI 2

CCleaner è uno dei programmi per aumentare le prestazioni del PC più popolari ed efficaci disponibili per il sistema operativo Windows (ma ne esiste una versione anche per Mac).
Attraverso la sua interfaccia utente curata e facile da usare (tradotta completamente in italiano), permette di ripulire l’hard disk del computer da tutti i file inutili, elimina le tracce della navigazione Internet, elimina i dati temporanei delle applicazioni e corregge gli errori presenti nel registro di sistema.
Permette inoltre di disattivare i programmi superflui impostati per l’avvio automatico.
Scarica da qui.



Wise Registry Cleaner

IMMAGINE QUI 3

Wise Registry Cleaner è uno dei migliori programmi gratuiti per pulire ed ottimizzare il registro di Windows.
Gode di un’interfaccia utente molto elegante e semplice da usare attraverso la quale si può liberare il registro di sistema da tutte le chiavi obsolete o corrotte, che possono influire negativamente sulle performance di Windows, e deframmentare l’intero registro per rendere il funzionamento del sistema operativo più fluido.
Al contrario di altri programmi simili, è molto sicuro da usare in quanto indica all’utente quali sono le chiavi di registro che si possono eliminare senza rischi per la stabilità del PC.
Scarica da qui.

Malwarebytes Antimalware

IMMAGINE QUI 4



Uno dei principali motivi per i quali i PC possono diventare lenti è rappresentato dall’infezione dei malware.
Per correre ai ripari, oltre ad installare un buon antivirus e fare una scansione del sistema con quest’ultimo, non c’è nulla di meglio di Malwarebytes Antimalware, un potentissimo antimalware gratuito che permette di scansionare il PC ed eliminare ogni tipo di malware, come trojan e keylogger.
Sono disponibili due tipi di scansioni differenti, rapida e completa, mentre la protezione in tempo reale è riservata alla versione a pagamento del software.
Scarica da qui.

IObit Smart Defrag

IMMAGINE QUI 5



L’utility per la deframmentazione del disco inclusa in Windows 8, Windows 7 e Vista è ottima e funziona in maniera completamente automatica non costringendo l’utente a doversi ricordare di questa importante opera di manutenzione per il PC.
Windows XP invece include un sistema di deframmentazione obsoleto e poco efficace che è consigliabile sostituire con programmi tipo IObit Smart Defrag, il quale provvede a deframmentare il disco fisso del computer in maniera completamente automatica ed usando un algoritmo molto più efficace di quello dell’utility predefinita di Windows.
Scarica da qui.

Revo Uninstaller

IMMAGINE QUI 6

Quando si disinstalla un programma, questo lascia sul PC diverse tracce.
Revo Uninstaller è un’applicazione gratuita che permette di evitare ciò andando a potenziare la procedura di rimozione standard dei software con un sistema di scansione intelligente che va ad individuare e a rimuovere le tracce residue lasciate dai programmi disinstallati sull’hard disk e nel registro di Windows.
È completamente in italiano e funziona con qualsiasi tipo di software.
Ne è disponibile anche una versione a pagamento con maggiori funzionalità.
Scarica da qui.



programmi per blog



programmi per blog

I migliori programmi per scrivere sui blog.

Windows Live Writer

IMMAGINE QUI 1

Windows Live Writer è uno dei migliori programmi per blog disponibili su Windows.
Fa parte del pacchetto di applicazioni gratuite Windows Essentials prodotto da Microsoft e permette di scrivere sui blog ospitati da tutte le principali piattaforme in maniera molto comoda e veloce.
È caratterizzato da un’interfaccia simile a quella di Word ed include una serie di funzioni avanzate che facilitano incredibilmente il lavoro dei blogger, come la gestione di tag e categorie, la possibilità di programmare i post, l’applicazione di effetti speciali alle immagini, l’inserimento di contenuti multimediali, come i video di YouTube, nei post senza usare il codice HTML e l’anteprima in tempo reale degli articoli.
Le sue funzioni possono essere estese con l’ausilio di plugin prodotti da terze parti.
Scarica da qui.



BlogDesk

IMMAGINE QUI 2

BlogDesk è un blog editor essenziale pensato per tutti coloro che gestiscono un blog, non amano troppo lavorare dall’interfaccia Web di quest’ultimo e non hanno bisogno di funzioni particolarmente avanzate.
Supporta tutte le principali piattaforme di blogging permettendo di operare sia in modalità visuale che in modalità codice, consente di gestire tag, categorie e rende semplicissima la formattazione dei testi.
Non viene aggiornato molto spesso ma ha il pregio di funzionare agevolmente anche sui computer più datati.
Scarica da qui.



Qumana

IMMAGINE QUI 3

Qumana è un programma per gestire blog che permette di scrivere post sia in modalità visuale (WYSIWYG) che in modalità codice.
È caratterizzato da un’interfaccia utente molto “pulita” e semplice da usare attraverso la quale è possibile operare su tutte le principali piattaforme di blogging gestendo tag, categorie, bozze e modificando persino i post già pubblicati sul blog.
Supporta la correzione degli errori ortografici, permette di allineare semplicemente le immagini al testo e consente di gestire trackback e pinging.
È disponibile gratuitamente per Windows e Mac OS X.
Scarica da qui.

ScribeFire

IMMAGINE QUI 4



ScribeFire non è un programma per blog stand-alone ma una estensione per Mozilla Firefox, Google Chrome, Opera e Safari che permette di scrivere e gestire facilmente sui blog ospitate da tutte le principali piattaforme di blogging.
Supporta la gestione di tag, categorie, bozze e permette di operare sia con un editor visuale che con un editor HTML.
È molto semplice da usare e consente di inserire facilmente nei propri post qualsiasi tipo di elemento multimediale, come immagini o video di YouTube.
Scarica da qui.

Zoundry Raven

IMMAGINE QUI 5



Zoundry Raven è un blog editor WYSIWYG/XHTML di ultima generazione che permette di rendere più semplice e rapida la pubblicazione di post su tutte le principali piattaforme di blogging.
È comodo come un qualsiasi programma di word processing consente di gestire agevolmente tag, foto, file musicali, video e molto altro ancora.
Supporta la gestione contemporanea di più blog e più servizi di hosting e lavora perfettamente in modalità offline.
È disponibile gratuitamente ed è compatibile con tutte le principali versioni di Windows.
Scarica da qui.

MarsEdit

IMMAGINE QUI 6

MarsEdit è a giudizio di molti il miglior programma di blogging per Mac OS X.
Permette di scrivere post sia in modalità visuale (WYSIWYG) sia in modalità codice (HTML) su tutte le principali piattaforme di blogging (WordPress, Blogger, Tumblr, TypePad, Squarespace 5, Movable Type, ecc.) e si integra perfettamente con programmi come iPhoto e Lightroom.
consentendo l’inserimento di foto presenti in questi ultimi nei post.
Consente di lavorare comodamente anche in modalità offline e di gestire in maniera semplificata i file da caricare sul blog.
Il software è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.
Scarica da qui.



programmi per cellulari android



programmi per cellulari android

I migliori programmi per gestire cellulari Android dal PC.

Unlock Root

IMMAGINE QUI 1

Sui telefonini equipaggiati con il sistema operativo Android, è possibile effettuare un’operazione di sbloccaggio denominata root.
Il root permette di acquisire i privilegi da amministratore sul dispositivo e compiere operazioni che normalmente non sono possibili, ad esempio accedere ad alcuni file di sistema o modificare la frequenza della CPU del telefonino.
Unlock Root è un programma gratuito per Windows che permette di eseguire il root su tutti i principali cellulari Android semplicemente collegando questi ultimi al PC e cliccando sul pulsante Root.
L’elenco dei dispositivi supportati è sul sito del software.
Scarica da qui.



MyPhoneExplorer

IMMAGINE QUI 2

MyPhoneExplorer è un programma gratuito molto pratico e leggero che permette di sincronizzare i dati salvati sui cellulari Android o sui telefonini Sony Ericsson collegandoli al PC tramite cavo USB o Wi-Fi.
Permette di salvare tutti i contatti presenti nella rubrica del telefono sul PC, sincronizzare gli SMS, le annotazioni e molto altro ancora.
Durante la fase di setup, si può anche scegliere di non installare il programma ma di copiarlo in versione portable in una cartella del PC, anche se in questa modalità presenta diverse limitazioni.
Scarica da qui.



Android Commander

IMMAGINE QUI 3

Android Commander è un potente file manager per cellulari Android che permette di esplorare il contenuto dei telefonini Android collegati al PC tramite cavo USB attraverso un’interfaccia molto comoda e semplice che ricorda quella di Total Commander.
Tra le sue funzioni principali ci sono il supporto alla copia e al trasferimento di più file tra PC e smartphone contemporaneamente, la cancellazione di file dal telefonino, il supporto ai segnalibri e al drag-and-drop, la possibilità di rinominare file e cartelle e la capacità di modificare i permessi delle directory.
Scarica da qui.

DroidExplorer

IMMAGINE QUI 4



Come suggerisce abbastanza facilmente il suo nome, DroidExplorer è un altro file manager per Android che permette di esplorare in maniera semplice e rapida il contenuto dei telefonini Android connessi al PC tramite cavo USB.
Permette di navigare liberamente in tutte le directory del telefono offrendo la possibilità di modificare qualsiasi file e cartella, gestisce le applicazioni, permette di catturare screenshot dello schermo dello smartphone, supporta il trasferimento di file tra PC e telefonino tramite drag-and-drop e molto altro ancora.
Per funzionare, necessita dell’Android SDK che provvede a scaricare in automatico durante la fase d’installazione.
Scarica da qui.

Android Sync Manager Wi-Fi

IMMAGINE QUI 5



Un altro programma per cellulari Android dal nome abbastanza inequivocabile.
Android Sync Manager WiFi è un software gratuito che permette di copiare e sincronizzare i dati presenti sugli smartphone Android con il PC tramite connessione Wi-Fi.
Supporta la sincronizzazione di contatti, messaggi, foto, video, brani musicali, applicazioni, file ed altro ancora.
Ha un’interfaccia molto semplice da usare e supporta la maggior parte dei telefonini equipaggiati con il sistema operativo mobile di Google.
Scarica da qui.

Videora Android Converter

IMMAGINE QUI 6

Videora Android Converter è un convertitore di video gratuito in grado di creare video ottimizzati per la maggior parte dei telefoni Android.
Ha profili preimpostati per i dispositivi HTC ma va bene anche per gli smartphone Android di altri brand.
Guida l’utente passo passo nella conversione di file avi, divx, xvid, flv, x264, vob e mpeg, DVD ed anche dei video di YouTube (che si possono anche scaricare con un apposito add-on) in video ottimizzati per la visione su cellulari Android.
Scarica da qui.



programmi per cpu



programmi per cpu

La CPU, vale a dire il processore, è tra le componenti hardware più complesse e al tempo stesse delicate del computer.
Volendo usare un eufemismo, è essenzialmente il cuore pulsante del PC e in quanto tale va trattato con cura.
Avere a disposizione degli strumenti grazie ai quali riuscire a ricavare informazioni dettagliate riguardo la CPU, come ad esempio la temperatura, può, dunque, essere utilissimo in più e più circostanze.

Altrettanto utili possono rivelarsi quegli strumenti tramite i quali mettere alla prova le prestazioni del processore e quelli per aumentarne le performance.
Ma quali sono queste risorse e, soprattutto, come vanno usate?
Domanda lecita, anzi di più.
Per scoprirlo, non posso far altro se non suggerirti di leggere questo mio articolo incentrato proprio sui programmi per CPU, quelli che a mio avviso costituiscono i migliori della categoria, sia per Windows che per macOS (oltre che per Linux).

Se la cosa ti interessa, posizionati bello comodo dinanzi il tuo fido computer e inizia subito a concentrarti su tutto quanto riportato qui di seguito.
Spero vivamente che alla fine tu possa ritenerti ben contento e soddisfatto di quanto appreso.
Are you ready?



Indice

  • Programmi per temperatura CPU
    • CPUID HWMonitor (Windows)
    • SpeedFan (Windows)
    • XRG (macOS)
  • Programmi per stressare CPU
    • Geekbench (Windows/macOS/Linux)
    • PassMark PerformanceTest (Windows)
  • Programmi per aumentare CPU
    • Process Lasso (Windows)
    • Full Throttle Override (Windows)

Programmi per temperatura CPU

Iniziamo questo excursus tra i programmi per CPU andando a passare in rassegna quelli utili per il monitoraggio della temperatura del processore e che possono eventualmente far comodo anche per raffreddarla.
Trovi i software che a parer mio costituiscono i più affidabili della categoria proprio qui sotto.

CPUID HWMonitor (Windows)

IMMAGINE QUI 1



CPUID HWMonitor è una rinomata applicazione gratuita per sistemi operativi Windows che permette di monitorare lo stato di salute del PC.
Controlla voltaggi e temperature di tutti i componenti essenziali del computer, fra cui la CPU, oltre che la velocità delle ventole e molti altri parametri che possono aiutare gli utenti più esperti a capire se c’è qualcosa che non va nella propria macchina.

Supporta la tecnologia S.M.A.R.T.
E e altri sistemi di monitoraggio, come abit uGuru e Gigabyte ODIN.
È disponibile anche in versione no-install, la quale non necessita di installazioni per poter funzionare. Da notare che è eventualmente disponibile in variante Pro, a pagamento (presenta un prezzo base di 19,95€), che include alcune funzioni extra, come il supporto sino ad un massimo di dieci connessioni remote.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma, fai clic sul pulsante ZIP • English che si trova a sinistra e poi sul bottone Download Now.
A download completato, estrai l’archivio ZIP ricavato in una qualsiasi posizione di Windows e fai doppio clic sul file .exe corrispondente alla versione di Windows che stai usando (a 64 bit oppure a 32 bit), dopodiché clicca sul pulsante Si.



Nella finestra del programma che a questo punto ti sarà mostrata sul desktop, potrai visualizzare tutte le informazioni del caso relative alla temperatura della CPU, in corrispondenza del menu a tendina con il nome del tuo processore, sotto la dicitura Temperatures.
Et voilà!

SpeedFan (Windows)

IMMAGINE QUI 2

Se hai bisogno di un programma che ti consenta non solo di conoscere la temperatura del processore ma anche di raffreddarlo, in caso di necessità, il miglior suggerimento che posso darti è, senza dubbio alcuno, quello di rivolgerti a SpeedFan.
Si tratta di un software che, appunto, permette di mantenere sotto controllo la temperatura della CPU e dei componenti interni del PC, offrendo altresì la possibilità di regolare la velocità delle ventole per mantenere in salute il computer.



Per scaricarlo, visita il sito Internet del programma e clicca sul collegamento SpeedFan x.xx che si trova al centro della pagina visualizzata.
A download completato, apri il file .exe ottenuto e fai clic sul pulsante Si nella finestra che compare sul desktop.
Successivamente, premi sui bottoni I Agree, Next, Install e Close per completare la procedura di installazione.

Avvia, dunque, SpeedFan, richiamandolo dal menu Start o facendo doppio clic sul relativo collegamento che è stato aggiunto sul desktop, e clicca sul pulsante .
A questo punto, ti troverai finalmente al cospetto della finestra principale del software, con un elenco di tutti i componenti del computer (CPU, GPU, Hard Disk ecc.) con le relative temperature accanto.
Per regolare la velocità delle ventole per raffreddare la CPU, seleziona la voce Automatic fan speed e aspetta che il software assolva al suo compito.



Volendo, puoi anche regolare manualmente le percentuali di utilizzo delle varie ventole per raffreddare il processore compilando i campi Speed01, Speed02 e via di seguito che si trovano in basso a sinistra. Se te la senti di configurare SpeedFan in maniera più approfondita, puoi poi fare clic sul pulsante Configure posto in alto a destra per accedere al pannello con le impostazioni avanzate del software.

XRG (macOS)

IMMAGINE QUI 3

Se possiedi un Mac, puoi scoprire la temperatura della CPU rivolgendoti a XRG, un’applicazione a costo zero che, appunto, mostra informazioni in tempo reale su CPU, RAM e connessione a Internet.
È facile da usare e svolge in maniera impeccabile il suo compito.
Provare per credere.



Per effettuarne il download, visita il sito Internet dell’applicazione e clicca sul collegamento Download XRG che si trova in basso a sinistra.
A scaricamento ultimato, apri il file ZIP ottenuto e trascina l’icona del software nella cartella Applicazioni di macOS, dopodiché facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri dal menu che compare, in modo tale da avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni che Apple impone nei confronti degli sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

A questo punto, vedrai comparire una finestra sulla scrivania con all’interno tutte le statistiche del computer aggiornate in tempo reale.
La temperatura della CPU si trova nel riquadro denominato, appunto, CPU.

Se vuoi, puoi anche accedere alle impostazioni dell’applicazione per scegliere quali informazioni relative alla CPU e alla temperatura visualizzare, che aspetto deve avere la finestra del programma ecc.
Per riuscirci, clicca sulle voci XRG > Preferences sulla barra dei menu (in alto a sinistra) e intervieni mediante la finestra che si apre.



Programmi per stressare CPU

Passiamo ora ai programmi per stressare la CPU, ovvero quelli di cui puoi avvalerti per testare le performance del processore.
Trovi indicati proprio qui sotto quelli che ritengo essere i più utili e affidabili.
Provali subito.

Geekbench (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 4

Hai mai sentito parlare di Geekbench?
No?
Strano, è un programma molto famoso per testare le performance dei computer.
Ad ogni modo non c’è problema, rimediamo subito.
Si tratta di un software per Windows, macOS e Linux che, mediante un’interfaccia utente semplice ma ben curata, consente di valutare lo stato di CPU e GPU, senza troppi tecnicismi o grafici di difficile interpretazione.
È a pagamento (costa 9,99$), ma lo si può scaricare in versione di prova gratuita funzionante per 30 giorni.



Per effettuarne il download sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma e clicca sul bottone Download.
A scaricamento ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, clicca sul pulsante Esegui e su quello Si.
Premi poi sui bottoni Next I Agree, premi nuovamente sul pulsante Next, su quello Install e, per concludere, fai clic sul bottone Finsh.

Se, invece, stai usando macOS, apri l’archivio ZIP ricavato e trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del Mac.
Successivamente, facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu che compare e premi sul bottone Agree nella finestra visualizzata sulla scrivania.

Ora che visualizzi la finestra di Geekbench sullo schermo, clicca sul bottone Later, per dare il via al periodo di prova gratuito del programma, e premi sul bottone Run CPU Benchmark, per effettuare i test sulla CPU.
Su macOS, devi prima selezionare la scheda CPU (a sinistra). Completato il test, potrai conoscerne l’esito nella finestra del browser che andrà ad aprirsi in automatico.



PassMark PerformanceTest (Windows)

IMMAGINE QUI 5

In un articolo dedicato ai migliori programmi per CPU è praticamente impossibile non fare il nome di PassMark PerformanceTest. Si tratta di uno dei più interessanti software per benchmark in circolazione.
Mette a disposizione dei suoi utilizzatori tutti gli strumenti necessari a testare le performance non solo del processore (eseguendo operazioni matematiche, compressioni, cifrando file ecc.), ma anche della scheda grafica, dell’hard disk e della RAM. Funziona solo su Windows ed è a pagamento (costa 29,00$), ma è disponibile in una versione di prova a costo zero che consente di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.

Per scaricare il programma sul tuo PC, visita il relativo sito Internet, fai clic sul pulsante Download now situato a destra e, nella nuova pagina che si apre, premi sul collegamento Download PerformanceTest 9 (32 & 64 Bit) posto in alto.



A scaricamento completato, apri il file .exe ricavato e, nella finestra che compare sullo schermo, clicca sul bottone Si.
Seleziona poi la voce I accept the agreement, clicca sui pulsati Next (per tre volte) e Install e, per concludere, premi sul bottone Finish.

Ora che visualizzi la finestra di PassMark PerformanceTest sul desktop, premi sul bottone Continue per iniziare a usufruire del periodo di prova del programma, clicca sul pulsante CPU MARK situato a sinistra e scegli quale test effettuare sulla CPU tra quelli disponibili nella parte destra della finestra.
Per avviarli, premi sul relativo pulsante RUN.



Se, invece, vuoi eseguire tutti i test insieme, recati nel menu Tests > CPU posto in alto e seleziona l’opzione All. Una volta completati i test, ti saranno mostrarti i risultati, con tutti i dettagli del caso e il relativo punteggio.

Programmi per aumentare CPU

Per concludere in bella, come si suol dire, voglio indicarti alcuni programmi che possono tonare utili per aumentare le performance della CPU in caso di bisogno, ad esempio quando sono in esecuzione molti programmi e si vuole fare in modo che alcuni di essi possano sfruttare al massimo il processore.
Per saperne di più, prosegui pure nella lettura.

Process Lasso (Windows)

IMMAGINE QUI 6

Process Lasso è un programma molto popolare che permette di ottimizzare l’uso della CPU da parte delle applicazioni, in modo che i programmi in primo piano abbiano sempre il massimo delle risorse a propria disposizione.
Si basa su un sistema di classificazione intelligente dei processi che provvede ad aumentare la priorità degli stessi andando a limitare le applicazioni in secondo piano o che comunque fanno un eccessiva richiesta di risorse. È disponibile sia in versione gratuita (con funzionalità limitate) che in versione completa a pagamento (costa 22,82€) ed è compatibile con tutte le principali versioni di Windows.



Per scaricarlo sul tuo computer, visita il sito Internet del programma e fai clic sul pulsante Download.
A scaricamento completato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, premi sul pulsante Si.
Successivamente, clicca sul bottone OK e sui pulsanti Accetto, Avanti e Installa.
Regola quindi le opzioni di avvio e premi sui pulsanti Avanti e Fine.

Una volta visualizzata la finestra del programma sul desktop, Pocess Lasso entrerà immediatamente in azione.
Troverai indicati al centro della schermata i processi in esecuzione e i dati della CPU ad essi relativi.



Se lo ritieni opportuno, puoi anche modificare la modalità in base alla quale viene sfruttata la CPU.
Per riuscirci, seleziona il menu File (in alto a destra) e scegli uno dei profili disponibili in elenco.
Ulteriori personalizzazioni possono poi essere apportate intervenendo sulle voci annesse al menu Opzioni.

Full Throttle Override (Windows)

IMMAGINE QUI 7

Un altro tra i programmi per CPU che ti invito a prendere in considerazione è Full Throttle Override.
Si tratta di un software per soli sistemi operativi Windows che permette di sfruttare massimo un dato programma andando a impiegare il piano di prestazioni massime solo per un’applicazione.
È gratis ed è molto facile da usare.



Per scaricare il programma sul tuo computer, visita il sito Internet di Full Throttle Override e fai clic sul collegamento Download:
FullThrottle.exe
che si trova in alto.
A scaricamento completato, apri il file .exe ottenuto e fai clic sul pulsante Si nella finestra che si apre su schermo.
Successivamente, premi sui pulsanti OK e Next, seleziona la casella accanto alla voce I accept the terms of the License Agreement e clicca ancora sul pulsante Next.
Per concludere, premi sui bottoni Install e Finish.

Una volta in esecuzione, il software andrà a collocarsi nell’area di sistema (accanto all’orologio di Windows).
Per indicare al programma per quale software vuoi dedicare l’uso della CPU, fai clic destro sull’icona di Full Throttle Override e seleziona la voce Add program dal menu che compare.

Qualora la cosa ti interessasse, ti segnalo che, sempre dal summenzionato menu, puoi gestire il resto delle impostazioni d’uso del programma (selezionando la voce Options) e disattivare momentaneamente Full Throttle Override (selezionando la voce Disabled).



programmi per decomprimere



programmi per decomprimere

Sei ancora abbastanza inesperto riguardo l’uso del computer, un amico ti ha spedito via email un archivio compresso contenente alcuni documenti e sono ore che provi ad accedere al suo contenuto, senza però riuscirci.
Insomma, una situazione parecchio seccante, direi.
Se solo avessi a tua disposizione dei programmi per decomprimere… molto probabilmente a quest’ora avesti già risolto!

Come dici?
Vorresti sapere se posso darti una mano in tal senso consigliandoti, dunque, quelli che sono i migliori software della categoria per Windows e macOS?
D’accordo! Prenditi qualche minuto di tempo libero tutto per te, mettiti bello comodo e inizia subito a concentrarti sulla lettura di questo mio tutorial, che è dedicato proprio all’argomento di tuo interesse.

Posso assicurarti che, alla fine, i file ZIP, RAR ecc.
non saranno più un problema per te. Qualora, poi, avessi bisogno di scompattare archivi compressi anche in mobilità, ti anticipo subito che esistono delle risorse ad hoc anche per Android e iOS, e provvederò a segnalartele nella parte finale di questo tutorial.
Ora però basta chiacchierare e passiamo all’azione.
Buona lettura e buon lavoro!



Indice

  • Programmi per decomprimere su Windows
    • Gestore archivi predefinito
    • 7-Zip
    • WinRAR
  • Programmi per decomprimere su Mac
    • Utility Compressione
    • iZip Archiver
    • Keka
  • App per decomprimere

Programmi per decomprimere su Windows

Stai usando un PC con su installato Windows e ti piacerebbe capire di quali programmi per decomprimere puoi avvalerti per intervenire sui file ZIP e RAR che hai ricevuto?
Allora metti subito alla prova le risorse apposite che ho provveduto a segnalarti qui di seguito.
Spero vivamente che possano soddisfarti.

Gestore archivi predefinito

IMMAGINE QUI 1



Se hai bisogno di scompattare (o di creare) archivi in formato ZIP, puoi rivolgerti al gestore di archivi già incluso in tutte le versioni di Windows senza scaricare né installare alcunché sul PC.
Certo, presenta un funzionamento decisamente basilare, ma se non hai pretese e/o esigenze particolari può essere più che sufficiente.

Per usarlo, ti basta semplicemente fare doppio clic sull’archivio compresso che vuoi decomprimere, cliccare sul bottone Estrai tutto situato nella parte in alto della finestra di Esplora File che si apre, specificare la posizione in cui desideri salvare i file una volta estratti e premere sul pulsante Estrai.
Se il file ZIP è protetto da password, per finalizzare l’operazione ti verrà inoltre chiesto di immettere quest’ultima.

Oltre che così come ti ho appena spiegato, puoi decomprimere gli archivi compressi in Windows facendoci clic destro sopra, selezionando l’opzione Estrai tutto dal menu contestuale e premendo sul pulsante Estrai nella finestra che vedrai successivamente comparire sul desktop.



Vuoi estrarre solo alcuni dei file presenti nell’archivio?
Si può fare anche questo.
Per riuscirci, fai doppio clic sul file ZIP di riferimento, dopodiché trascina gli elementi di tuo interesse dalla finestra che vedi comparire su schermo alla posizione di output e il gioco è fatto.

7-Zip

IMMAGINE QUI 2

Se il gestore di archivi compresso predefinito di Windows non ti soddisfa, puoi prendere in seria considerazione l’uso di 7-Zip, quello che viene considerato da molti come il miglior programma gratuito per la gestione degli archivi compressi.



Supporta tutti i principali formati di archivi compressi in lettura (7Z, ZIP, RAR, ARJ, CAB, CHM, CPIO, CramFS, DEB, DMG, FAT, HFS, ISO, LZH, LZMA, MBR, MSI, NSIS, NTFS, RAR, RPM, SquashFS, UDF, VHD, WIM, XAR ecc.) e i formati 7z, XZ, BZIP2, GZIP, TAR, ZIP e WIM in fase di compressione.
Inoltre, è estremamente leggero e si integra nel menu contestuale di Esplora File per intervenire “al volo” sui file.

Per scaricarlo sul tuo PC, recati sul sito Internet del programma e fai clic sul collegamento Download situato in alto, in corrispondenza della versione di Windows che stai impiegando (64 bit oppure 32 bit).
A scaricamento ultimato, apri il file .exe ricavato e, nella finestra che vedi comparire sul desktop, clicca sui pulsanti Si e Install e, per concludere il setup, sul bottone Close.



Completata l’installazione, per decomprimere un file con 7-Zip, fai clic desto sull’elemento di riferimento, seleziona la voce 7-Zip dal menu contestuale e poi quella Apri.
Nella finestra che si apre, fai clic sul bottone Estrai, specifica la posizione sul tuo computer in cui vuoi salvare i file una volta estratti e clicca sul pulsante OK.
Se l’archivio è protetto da password, ti verrà altresì chiesto di digitare quest’ultima.

In alternativa a come ti ho appena indicato, puoi estrarre gli archivi compressi con 7-Zip facendoci clic destro sopra, selezionando, dal menu che si apre, la voce 7-Zip e scegliendo l’opzione Estrai qui (per estrarre i file nella posizione corrente) oppure Estrai i files (per indicare una posizione esatta sul tuo computer in cui estrarre i file).

Se, invece, vuoi estrapolare dall’archivio solo alcuni file, facci clic destro, seleziona le voce 7-Zip e quella Apri dal menu contestuale.
In seguito, trascina i file di tuo interesse fuori dalla finestra visualizzata e rilasciali nella posizione in cui vuoi salvarli.



WinRAR

IMMAGINE QUI 3

WinRAR è uno di quei software che non hanno bisogno di presentazioni:
si tratta, infatti, di uno dei più popolari programmi per la gestione degli archivi compressi che, appunto, permette di comprimere e decomprimere tutti i principali formati di archivio compresso. Dispone di un’interfaccia utente molto curata, si integra perfettamente nella shell di Windows e garantisce una velocità di elaborazione molto alta.

Il software è a pagamento, ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di tempo limitato.
Una volta scaduta la trial, continua a funzionare ma con alcune limitazioni (es.
la visualizzazione di banner promozionali e l’impossibilità di creare archivi RAR cifrati).



Per effettuarne il download sul tuo computer, visita il sito Web di WnRAR e premi sul bottone Preleva che trovi in corrispondenza della dicitura WinRAR per Windows Xp/2003/Vista/2008/7/8/10 a 64 bit (se usi una versione di Windows a 64 bit) oppure su quello che trovi accanto alla voce WinRAR per Windows Xp/2003/Vista/2008/7/8/10 a 32 bit (se stai usando Windows a 32 bit).
A download completato, apri il file .exe ricavato e, nella finestra che compare sul desktop, clicca, in sequenza, sui bottoni Si, Installa, OK e Chiudi.

Adesso puoi iniziare a servirti di WinRAR per decomprimere i tuoi file.
In che modo?
Semplice: fai clic destro sull’archivio compresso di tuo interesse, seleziona la voce Estrai i file dal menu che si apre, indica la posizione di output desiderata nel campo apposito, definisci la modalità di aggiornamento e di sovrascrittura selezionando le opzioni che preferisci sulla sinistra e clicca sul pulsante OK situato in basso. Se l’archivio è protetto da password, ti verrà inoltre chiesto di digitare quest’ultima.



Vuoi estrarre i file presenti nell’archivio direttamente nella posizione corrente?
Alloa fai clic destro sul file e seleziona, dal menu contestuale, l’opzione Estrai qui.
Se, invece, selezioni, sempre dal menu contestuale, la voce Apri con WinRAR, puoi visualizzare il contenuto dell’archivio senza estrarlo, mentre scegliendo l’opzione Estrai i file in [nome archivio] puoi estrarre il contenuto dell’archivio in una cartella con lo stesso nome di quest’ultimo.

Programmi per decomprimere su Mac

Utilizzi un computer a marchio Apple e ti piacerebbe scoprire quali sono i programmi per decomprimere di cui puoi avvalerti su macOS?
Allora prova subito le risorse apposite che trovi segnalate qui sotto:
sono quelle che a parer mio costituiscono le migliori della categoria.

Utility Compressione

IMMAGINE QUI 4

Al pari di Windows, anche macOS include uno strumento grazie al quale è possibile gestire gli archivi compressi senza ricorrere a software di terze parti:
si tratta di Utility Compressione che consente di aprire le più diffuse tipologie di archivio compresso (ZIP, TAR ecc.) e permette di creare archivi in formato ZIP.



Per servirtene per decomprimere un file, tutto quello che devi fare è un semplice doppio clic sull’icona dell’archivio.
Gli elementi in esso contenuti verranno successivamente estratti nella posizione corrente.
Se poi l’archivio risulta protetto da password, ti verrà altresì chiesto di digitare quest’ultima prima di procedere.

Oltre che così come ti ho appena indicato, puoi decomprimere i file con Utility Compressione facendo clic destro sull’archivio compresso di tuo interesse e scegliendo l’opzione Apri dal menu che si apre.
Facile, vero?

iZip Archiver

IMMAGINE QUI 5



iZip Archiver è un’applicazione gratuita grazie alla quale è possibile decomprimere i più diffusi formati di file compressi (ZIP, RAR ecc.) su Mac.
Si differenzia da molti altri strumenti analoghi per la possibilità che offre di visualizzare il contenuto degli archivi senza doverli necessariamente estrarre prima.
Da notare che, decompressione a parte, permette anche di creare file ZIP.

Per scaricare iZip Archiver sul tuo computer, visita la relativa sezione del Mac App Store Online, premi sul bottone Vedi in Mac App Store e, nella finestra del Mac App Store che compare sulla scrivania, fai clic sul bottone Ottieni/Installa.
Se necessario, autorizza il download digitando la password del tuo account Apple oppure tramite Touch ID (se hai un Mac dotato di tale componente).
In seguito, avvia iZip Archiver facendo clic sul pulsante Apri comparso su schermo.



A questo punto, chiudi la finestra dell’applicazione per creare nuovo archivio compresso che si è aperta, fai clic sul pulsante Open presente nella parte in alto dell’altra finestra rimasta sulla scrivania, seleziona l’archivio compresso sul tuo Mac relativamente al quale ti interessa andare ad agire e premi sul pulsante Open in basso a destra.

Una volta fatto ciò, potrai visualizzare il contenuto dell’archivio compresso tramite la nuova finestra che ti sarà mostrata su schermo.
Per estrarre uno o più file contenuti al suo interno, trascinali fuori e rilasciali nella posizione di output desiderata.
Tieni presente che se l’archivio risulta protetto da password, ti verrà altresì chiesto di digitare quest’ultima prima di procedere.

In alternativa al procedimento sopra indicato, puoi eseguire la decompressione degli archivi con iZip Archiver facendoci clic destro sopra, selezionando la voce Apri dal menu contestuale e poi quella iZip Archiver.
Successivamente, i file saranno estratti nella stessa posizione in cui si trova l’archivio compresso.



Keka

IMMAGINE QUI 6

Un altro programma per decomprimere su Mac che voglio suggerirti di provare è Keka.
Supporta tutti i principali formati di archivio (7Z, ZIP, RAR, TAR, GZIP, BZIP2, DMG, ISO ecc.) e li apre in maniera molto rapida.
È di natura open source ed è a costo zero, ma è disponibile in una versione a pagamento sul Mac App Store (costa 3,49 euro) grazie alla quale è possibile supportare il lavoro degli sviluppatori.

Per scaricare la versione free di Keka sul tuo Mac, collegati al sito Web del programma e fai clic sul pulsante Scarica.
A download ultimato, apri il pacchetto .dmg appena ottenuto e trascina l’icona di Keka nella cartella Applicazioni di macOS.
In seguito, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri per due volte di fila, così da da aprire il programma andando ad aggirare le limitazioni che Apple impone verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).



Ora che visualizzi la finestra del programma sullo schermo, spostaci sopra, in corrispondenza della voce Rilascia qui per estrarre, i file compressi che intendi estrarre, e aspetta che la procedura di estrazione venga portata a termine.
Il contenuto verrà estratto nella stessa posizione dell’archivio compresso.
Inoltre, se l’archivio è protetto da password, ti verrà chiesto prima digitare quest’ultima.

App per decomprimere

IMMAGINE QUI 7

Come anticipato in apertura del post, esistono anche un mucchio di app per smartphone e tablet che è possibile sfruttare per decomprimere gli archivi compressi in mobilità.
Se la cosa ti interessa, qui di seguito trovi dunque indicate quelle che a mio avviso rappresentano le soluzioni più utili della categoria.
Mettile subito alla prova, sono sicuro che sapranno soddisfarti.
Scommettiamo?



  • WinZip (Android/iOS) – si tratta della versione mobile del famoso software per la creazione e l’estrazione degli archivi compressi disponibile per Windows e macOS.
    Permette di estrarre i file in formato ZIP, ZIPX, 7Z, RAR e CBZ e di creare archivi in formato ZIP e ZIPX.
    È gratis, ma si possono sbloccare alcune funzioni extra, come la possibilità di creare archivi cifrati, mediante acquisti in-app (a partire da 0,80 cent) su Android e passando alla versione a pagamento (costa 5,49 euro) su iOS.
  • ZArchiver (Android) – rinomata app per soli device Android grazie alla quale è possibile comprimere e decomprimere i file in formato ZIP, RAR, BZIP2, GZIP, XZ, ISO, TAR, ARJ e molti altri ancora.
    È gratis e non include fastidiosi banner pubblicitari.
  • iZip (iOS) – “gettonata” applicazione per iOS per creare file ZIP ed estrarre anche gli archivi in formato RAR, 7Z, ZIPX, TAR e GZIP.
    Supporta altresì i servizi di cloud storage ed è gratis, ma permette di intervenire solo sui file aventi un peso massimo di 5 MB.
    Per aggirare tale limitazione, bisogna procedere con gli acquisti in-app (6,99 euro).

programmi per driver



programmi per driver

Hai da poco reinstallato Windows e la scheda audio non sembra dare più segnali di vita?
La scheda video restituisce strani errori quando provi a eseguire i tuoi giochi preferiti?
Tranquillo! Quasi sicuramente non c’è nulla di rotto nel tuo computer.
La colpa di tutto, molto probabilmente, è riconducibile alla mancanza dei driver giusti o al mancato aggiornamento degli stessi.

Date le circostanze, perché non provi a far fronte alla cosa usando i programmi per driver che sto per consigliarti in questo mio tutorial?
Sono sicuro che potranno esserti di grande aiuto.
Usandoli, infatti, potrai riuscire a scaricare, aggiornare, installare e anche salvare i driver necessari per il funzionamento delle periferiche del tuo PC, il tutto in maniera incredibilmente semplice e senza andare incontro a inutili e fastidiose perdite di tempo.

Per completezza d’informazione, sarà altresì mia premura indicarti come gestire i driver del tuo computer sfruttando i software, o per meglio dire le funzioni, incluse “di serie” di Windows e macOS.
Ora però basta chiacchierare e passiamo all’azione.
Ti auguro, come mio solito, buona lettura e ti faccio un grandissimo in bocca a lupo per tutto!



Indice

  • Gestione Dispositivi (Windows)
  • IObit Driver Booster (Windows)
  • DriverIdentifier (Windows)
  • DriverEasy (Windows)
  • DriverMax (Windows)
  • Preferenze di sistema e Mac App Store (macOS)

Gestione Dispositivi (Windows)

IMMAGINE QUI 1

Se hai bisogno di scaricare, aggiornare e installare i driver per il tuo PC Windows, puoi in primo luogo avvalerti di Gestione Dispositivi, uno strumento già incluso in tutte le versioni del sistema operativo Microsoft, grazie al quale è possibile visualizzare e gestire tutte le periferiche del computer.



Per usarlo, apri il menu Start facendo clic sul pulsante apposito (quello con la bandierina di Windows) posto nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, digita Gestione dispositivi nel campo di ricerca e seleziona il risultato pertinente.

Nella finestra che a questo punto vedi comparire sul desktop, ti sarà mostrato l’elenco completo di tutti i componenti hardware del PC.
Quelli con accanto l’icona raffigurante triangolo giallo con il punto esclamativo sono i dispositivi per i quali i driver risultano essere mancanti o necessitano di un aggiornamento.



Per installarli, espandi la voce relativa alla periferica relativamente alla quale è tua intenzione andare ad agire (es. Controller audio, video e giochi), fai clic destro sul nome esatto della stessa (es. Dispositivo Hig Definition Audio) e seleziona l’opzione Aggiornamento software driver dal menu che si apre. Pigia poi sulla dicitura Cerca automaticamente un driver aggiornato e lascia che sia il computer a reperire e installare i driver per il componente scelto.

In alternativa, puoi selezionare, sempre dal menu di cui sopra, l’opzione Cerca il software del driver nel computer per installare i driver per la periferica di riferimento dal file apposito scaricato preventivamente dal sito Internet del produttore oppure andando ad inserire nel lettore CD/DVD del PC il relativo dischetto.
In seguito, indica il percorso in cui Windows dovrà effettuare la ricerca e attendi che la procedura venga avviata e completata.

Se la cosa ti interessa, puoi anche fare in modo che il download e l’installazione dei driver mancanti o l’aggiornamento di quelli ormai obsoleti avvenga in maniera automatica.
Per riuscirci, ti basta sfruttare Windows Update, come ti ho spiegato in dettaglio nel mio tutorial dedicato in maniera specifica all’argomento.



 

IObit Driver Booster (Windows)

IMMAGINE QUI 2

Passiamo adesso ai software per driver realizzati da terze parti.
In un articolo incentrato su quelli che sono i migliori programmi per driver è praticamente impossibile non fare il nome di IObit Driver Booster.
Si tratta, infatti, di un software gratuito e funzionante su Windows capace di rilevare in automatico i driver obsoleti installati sul sistema e di aggiornarli tutti in maniera simultanea.
È molto semplice da usare e integra anche altri strumenti utili per l’ottimizzazione generale del sistema.
Eventualmente, è disponibile in una versione commerciale (costa 26,99 euro) che comprende alcune feature aggiuntive.



Per servirtene, recati sul sito Web del programma, clicca sul bottone Scarica gratis che si trova al centro e, nella nuova pagina visualizzata, premi sul pulsante Download. A scaricamento completato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, clicca sui bottoni Si e Installa.
Dopodiché seleziona la voce No, grazie, per evitare l’installazione di programmi extra (es.
il browser Opera), e premi sui pulsanti Avanti e No, grazie, per rifiutare l’uso di servizi aggiuntivi.

Una volta visualizzata la finestra principale del programma su schermo, clicca sul bottone Scansiona ora e aspetta che l’analisi delle periferiche del PC venga avviata e portata a termine.
Successivamente, tutti gli eventuali driver mancanti obsoleti ti saranno indicati in un elenco apposito.
Per scaricarli simultaneamente, fai clic sul bottone Aggiorna adesso posto in alto a destra.
Invece, per aggiornarli singolarmente fai clic sul pulsante Aggiorna che trovi accanto a ciascun di essi.

DriverIdentifier (Windows)

IMMAGINE QUI 3



DriverIdentifier, come suggerisce il suo nome, è un programma gratuito per Windows che analizza automaticamente i componenti hardware presenti nel PC (scheda video, scheda audio, modem ecc.), e verifica che nel sistema siano installati tutti i driver più aggiornati necessari al loro funzionamento.
È estremamente semplice da usare, gratis e ha un’interfaccia molto intuitiva.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma e fai clic sul pulsante Download DriverIdentifier situato al centro. A download completato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, clicca sul pulsante Si.
In seguito, seleziona la voce I accept the agreement, clicca sul bottone Next e, infine, premi su Finish.



Una volta visualizzata la finestra principale del programma, premi sul pulsante Scan Now situato al centro e attendi qualche istante affinché DriverIdentifier effettui la scansione di tutte le periferiche e dei relativi driver. Si aprirà, dunque, una pagina Web con l’elenco dei dispositivi e i link per scaricare i driver mancanti o non aggiornati.

Se il tuo computer non risulta connesso a Internet, prima di avviare la procedura di scansione come visto poc’anzi, spunta la casella accanto alla voce I do not have internet connection.
In questo modo, completata la procedura di analisi delle periferiche del PC, anziché aprirsi la finestra del browser, verrà generato un report in formato HTML che potrai salvare sul computer e consultare all’occorrenza.

DriverEasy (Windows)

IMMAGINE QUI 4



DriverEasy è uno dei programmi per driver più facili da usare disponibili per Windows.
Una volta avviato, analizza i componenti hardware del computer e verifica che nel sistema siano installati i driver più aggiornati per farli funzionare correttamente.
È in grado di riconoscere anche i componenti sconosciuti per i quali non sono installati i driver sul PC e di fornire i link diretti a quelli che bisogna installare.
È gratis, ma è disponibile anche in una versione a pagamento (costa 59,90€) che permette di creare dei backup e di ripristinare i driver.

Per scaricarlo tuo computer, collegati al sito Internet del programma e premi sul pulsante Download Now. A download ultimato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sul pulsante Si.
Successivamente, premi sul bottone OK, poi su quello con su scritto Installa subito e, per concludere, sul pulsante Avvia subito.

Quando si aprirà la finestra del software al centro dello schermo, fai clic sul bottone Fai la scansione ora per effettuare subito una scansione dei driver del computer.
A procedura ultimata, potrai visualizzare il relativo report.
Ti saranno indicati i driver che risultano aggiornati, quelli sconosciuti e quelli che necessitano di un update, tutti organizzati in apposite categorie.



Per scaricare i driver per i componenti che necessitano di un aggiornamento oppure per scaricare i driver mancanti, fai clic sul pulsante Aggiorna posto in corrispondenza del nome di ogni periferica.
Se, invece, preferisci scaricare e installare tutti i driver necessari in contemporanea, fai clic sul pulsante Aggiorna tutto situato in basso a destra.

A scaricamento ultimato, dovrai poi preoccuparti di completare l’installazione dei driver, uno alla volta, seguendo le varie procedure guidate che ti vengono proposte.
Nella maggior parte dei casi, è sufficiente fare clic sui pulsanti Avanti/Next e Fine/Finish nelle finestre che si aprono.

DriverMax (Windows)

IMMAGINE QUI 5



DriverMax è un programma che permette di gestire i driver del computer in maniera semplice ed efficace.
Grazie ad esso, infatti, è possibile cercare i driver mancanti o più aggiornati per il computer in uso e creare una copia di backup di quelli già presenti nel sistema in modo da ripristinarli, all’occorrenza, senza dover andare a recuperare CD o pacchetti d’installazione in giro per la Rete.
È gratis, ma è disponibile anche in una variante a pagamento (la licenza a vita costa 149$, mentre quella in formato abbonamento presenta un prezzo base di 19,90$ per 1 mese) comprensiva di funzionalità aggiuntive.

Per effettuarne il download sul tuo PC, collegati al sito Web del programma del programma, clicca sul pulsante Ty for free e, successivamente, su quello Download.
A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che vedi comparire sul desktop, fai clic sul bottone Si.
Pigia poi sul pulsante Avanti, seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza, clicca sul bottone Avanti per altre tre volte, scegli l’Italiano dal menu per la scelta della lingua e, per concludere, premi sul pulsante OK.



Ora che visualizzi la finestra del software sul desktop, clicca sul pulsante Scansione per aggiornamenti:
in questo modo, saranno analizzati tutti i componenti hardware del computer alla ricerca dei driver mancanti o da aggiornare, i quali ti saranno poi mostrati nella scheda Aggiornamenti driver del software e che potrai scaricare o aggiornare singolarmente, facendo clic sul relativo pulsante Aggiorna, oppure in batch, selezionando la casella posta accanto alle periferiche di tuo interesse e cliccando sul bottone Scarica e installa situato in basso.

Se, invece, desideri creare un backup dei driver, recati nella scheda Backup del programma, seleziona l’opzione Creare archivio backup driver e clicca sul pulsante Successivo che trovi in basso.
In seguito, ti sarà mostrato l’elenco di tutti i driver installati.
Seleziona, quindi, quelli di cui vuoi creare il backup, spuntando la relativa casella, oppure selezionali tutti, selezionando la casella vuota collocata in basso a sinistra.
Dopodiché fai clic sul pulsante Backup.

Ad operazione completata, clicca sul collegamento Apri cartella backup per recarti nella posizione sul tuo PC in cui è stato salvato l’archivio ZIP con il backup dei driver (che, per impostazione predefinita, è C:\Users\nome utente\My Drivers).



Quando lo riterrai opportuno, potrai ripristinare il backup dei driver recandoti nella scheda Ripristina del programma, selezionando l’opzione Ripristinare da un backup precedentemente creato, premendo sul bottone Successivo, poi su quello Carica (per selezionare il file ZIP generato in precedenza) e seguendo la semplice procedura guidata che ti viene proposta.

Preferenze di sistema e Mac App Store (macOS)

IMMAGINE QUI 6

Anche sui Mac le procedure di aggiornamento dei driver obsoleti e d’installazione di quelli mancanti si rivela necessaria per il corretto funzionamento del sistema e delle periferiche collegati al computer.
In tal caso, però, non vi sono programmi di terze parti adibiti allo scopo.



La cosa, comunque, non costituisce un problema.
Il download dei driver mancanti, infatti, avviene in maniera automatica e silenziosa, mentre per quel che concerne la procedura di aggiornamento, si può fare tutto tramite Preferenze di sistema (a partire da macOS Mojave) oppure mediante il Mac App Store (su macOS High Sierra e versioni precedenti).

Nel primo caso, per scaricare, installare e aggiornare i driver ti basta aprire Preferenze di sistema, facendo clic sulla relativa icona (quella con l’ingranaggio) posta sulla barra Dock, selezionare l’icona di Aggiornamento software (sempre quella con l’ingranaggio) nella finestra che si apre sulla scrivania e premere sul pulsante per scaricare e installare gli eventuali aggiornamenti driver.



Nel secondo caso, invece, ti basta aprire il Mac App Store facendo clic sulla sua icona (quella con lo sfondo blu e la “A” stampata sopra) presente sulla barra Dock, selezionare la scheda Aggiornamenti posta in alto a destra e fare clic sul pulsante per scaricare e installarle gli aggiornamenti driver eventualmente disponibili.

Se la cosa ti interessa, puoi anche fare in modo che gli aggiornamenti, quanto disponibili, vengano installati in maniera automatica.
Per maggiori informazioni al riguardo, puoi leggere la mia guida specifica su come aggiornare il Mac.

programmi per editing video mac



programmi per editing video mac

Hai bisogno di modificare un video sul tuo Mac ma, essendo passato da poco al mondo Apple, non sai a quali software rivolgerti?
Tranquillo, per fortuna sei capitato nel posto giusto al momento giusto.

Qui sotto trovi una rapida rassegna dei migliori programmi per editing video Mac con una lista delle loro principali caratteristiche, le loro funzioni più importanti e i link per scaricarli.
Alcuni di essi sono totalmente gratuiti, altri invece (quelli più professionali) sono a pagamento ma, non ti preoccupare, prevedono quasi sempre un periodo di prova gratuito durante il quale è possibile testare tutte le loro potenzialità.

Ti assicuro che indipendentemente dalle tue esigenze – che tu abbia bisogno di un software per realizzare dei montaggi video veloci o di una soluzione completa per il video editing professionale – troverai sicuramente quello che fa per te.
Direi dunque di mettere al bando le ciance e passare subito all’azione:
vediamo quali sono i migliori software per il video editing disponibili su macOS e dove scaricarli a costo zero.



Final Cut Pro (a pagamento)

Final Cut Pro è uno dei programmi per editing video Mac più avanzati e completi presenti sul mercato.
Permette di modificare, montare e creare video ricchi di effetti speciali sfruttando una timeline che fa della chiarezza e della precisione le sue caratteristiche principali: chi proviene da software più semplici, come ad esempio iMovie, riesce a trovarsi quasi subito a suo agio.

IMMAGINE QUI 1



Final Cut Pro supporta le riprese multi-cam, “digerisce” i formati di file RAW di tutte le principali marche di videocamere e permette di modificare le tracce audio multicanale con estrema facilità.
Da non dimenticare, poi, il supporto ai plugin che permettono di estendere ulteriormente le capacità del programma.

Insomma:
Final Cut Pro integra tutto quello che si potrebbe desiderare da un editor video moderno nella maniera più semplice ed immediata possibile.
È a pagamento, ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.
Scarica da qui.

iMovie (gratis)

iMovie è uno dei più popolari software per editing video Mac, nonché una delle applicazioni che riesce a coniugare meglio delle funzioni avanzate per la modifica e il montaggio dei video con la semplicità di utilizzo.



IMMAGINE QUI 2

Utilizzando iMovie si può scegliere se creare un filmato o un trailer.
Nel primo caso si possono prendere video, foto e brani musicali dal proprio Mac e montarli liberamente.
Nel secondo, invece, si può scegliere un tema predefinito e trasformare i propri video in dei perfetti trailer cinematografici dallo stile hollywoodiano. Per il resto non c’è molto da aggiungere:
in basso c’è la timeline del video, in alto a destra i pulsanti per accedere agli strumenti di editing (che sono tutti facilissimi da usare).



iMovie viene fornito “di serie” su molti modelli di Mac.
Qualora non presente, si può scaricare a costo zero dal Mac App Store. Scarica da qui.

QuickTime Player (gratis)

Anche se la sua natura non è propriamente quella di un editor video, QuickTime Player, il lettore multimediale predefinito di macOS, include diverse funzioni per la modifica base dei filmati digitali.
Utilizzandolo, infatti, è possibile tagliare e unire video, capovolgerli, ruotarli e salvarli in vari formati di file per la riproduzione su computer, iPhone, iPad e Web.
C’è anche una funzione per registrare lo schermo del Mac o lo schermo dei dispositivi iOS collegati al computer.

IMMAGINE QUI 3



Per modificare un video con QuickTime, basta aprirlo in quest’ultimo e selezionare una delle tante opzioni disponibili nel menu Modifica (in alto a sinistra).
Ad esempio, per tagliare un video basta richiamare la funzione Taglia e utilizzare gli indicatori che compaiono sulla timeline del filmato (in basso) per segnare i punti di inizio e fine del video di output.

QuickTime viene fornito “di serie” su tutti i Mac.
Per approfondire il suo funzionamento consulta i miei tutorial su come ruotare un video e come registrare video desktop.



Avidemux (gratis)

Avidemux è un ottimo editor video gratuito ed open source che permette di modificare tutti i principali formati di file video tagliandoli, unendoli ed applicando loro una vasta gamma di effetti speciali.
Consente di cambiare il framerate dei video, aggiungere tracce audio differenti da quelle originali, ridimensionare i filmati e molto altro ancora.

IMMAGINE QUI 4

L’interfaccia di Avidemux non è intuitiva come quella di altri software di editing video, ma le sue potenzialità hanno davvero ben poco da invidiare a quelle di soluzioni più costose e “belle” da vedere. Supporta anche la modalità di elaborazione direct stream che consente di salvare i video senza codificarli nuovamente (facendo solo alcune modifiche di base).



Avidemux è compatibile non solo con macOS, ma anche con Windows e Linux.
Se vuoi saperne di più circa le sue potenzialità, leggi i miei tutorial su come unire file video e come convertire MKV in AVI su Mac. Scarica da qui.

Adobe Premiere Pro (a pagamento)

Adobe Premiere Pro è uno dei software di editing video più avanzati presenti sul mercato, ed è disponibile sia per macOS che per Windows.
Tra le sue caratteristiche principali ci sono una timeline molto intuitiva con scelte rapide e informazioni dettagliate; il supporto alla tecnologia Deep Color Engine che consente di applicare diverse sfumature di colore predefinite ai filmati; la possibilità di elaborare video in 8K; il supporto ai video destinati alla realtà virtuale e la possibilità di installare dei plugin esterni.



IMMAGINE QUI 5

Pur sfruttando le tecnologie di accelerazione più avanzate, Adobe Premiere risulta generalmente meno veloce di Final Cut su Mac.
Per chi non ha esigenze specifiche e non deve lavorare su più piattaforme software (Windows e macOS) questo fattore va preso in seria considerazione.

Premiere Pro si può provare gratis per 7 giorni, dopodiché per continuare a utilizzarlo bisogna sottoscrivere un abbonamento al servizio Creative Cloud di Adobe che costa 24,39 euro/mese per il solo Premiere oppure 60,99 euro/mese per tutte le applicazioni del pacchetto Creative Cloud (Premiere, After Effects, Photoshop e altro).
Scarica da qui.



VideoPad (pagamento)

VideoPad è un programma per editing video disegnato per essere estremamente facile da usare anche per gli utenti meno esperti.
Consente di montare, tagliare e unire video usando una comodissima timeline, attraverso la quale è possibile anche applicare effetti di transizione e colonne sonore personalizzati ai proprio filmati.

IMMAGINE QUI 6



VideoPad supporta tutti i principali formati di file video ed anche le foto, mentre in output è in grado di generare file destinati a qualsiasi tipo di device o servizio online (es.
YouTube).
Consente anche l’utilizzo di plugin esterni.

Come facilmente intuibile, VideoPad è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.
Scarica da qui.

OpenShot (gratis)

OpenShot è uno dei software di video editing più completi disponibili in ambito gratuito.
È open source, multi-piattaforma ed estremamente potente.
Supporta tutti i principali formati di file video e audio (grazie all’integrazione con FFmpeg), consente di gestire tracce e livelli illimitati, crea effetti di transizione e animazioni ad alta precisione con anteprima in tempo reale, supporta la creazione di titoli, gli elementi in grafica vettoriale e include tantissimi effetti per modificare i filmati.



IMMAGINE QUI 7

L’interfaccia di OpenShot è estremamente intuitiva, supporta il drag & drop, lo scrolling e lo zoom della timeline.
Insomma: in ambito free non è facile trovare un software che riesca a unire così bene potenzialità avanzate e semplicità di utilizzo.
Scarica da qui.



Shotcut (gratis)

Shotcut è un editor video gratuito e open source compatibile con macOS, Windows e Linux.
Supporta una vasta gamma di formati video e audio grazie all’integrazione con FFmpeg e fornisce la possibilità di modificare i video frame per frame con assoluta precisione.

IMMAGINE QUI 8

Tra le tantissime funzionalità di Shotcut troviamo anche la possibilità di elaborare video in 4K, la cattura dei video da varie sorgenti, numerosi effetti per migliorare  l’audio dei filmati, la possibilità di regolare colori, velocità e altri parametri dei filmati e una vastissima gamma di filtri per i video.
Il tutto racchiuso in un’interfaccia molto intuitiva con timeline multi-traccia.



Forse mancano alcune funzionalità che si trovano in soluzioni prettamente professionali (che sono molto più costose), ma Shotcut riesce a coprire brillantemente le esigenze di editing video della stragrande maggioranza degli utenti.
Scarica da qui.

programmi per estrarre audio da video



programmi per estrarre audio da video

Hai effettuato il download di alcuni video musicali e ti piacerebbe poterli convertire in file audio da riprodurre tramite il tuo cellulare o il lettore MP3 portatile che di solito utilizzi?
Hai scovato dei filmati online di cui vorresti poterne estrapolare le tracce audio per poterle ascoltare anche in assenza di connessione ad Internet?
Allora sei proprio capitato nel posto giusto al momento giusto.
Con questo mio articolo di oggi intendo infatti indicati quelli che a mio modesto avviso rappresentano i migliori programmi per estrarre audio da video attualmente in circolazione.

Tutto quello che devi fare è dunque concederti qualche minuto di tempo libero tutto per te, metterti ben comodo dinanzi il tuo fido computer e scegliere uno o più dei software indicati qui sotto, quelli che ritieni possano fare maggiormente al caso tuo.
Ce ne sono sia di gratuiti che a pagamento; sia per Windows che per Mac (oltre che per Linux).
Tutti sono accomunati da un’estrema semplicità d’uso anche da parte di chi si ritrova per la prima volta in assoluto ad avere a che fare con soluzioni di questo tipo.
Inoltre, ci sono anche soluzioni fruibili direttamente dal browser Web, senza dover installare nulla sul PC!

Allora?
Ti va di provarli?
Si?
Fantastico! Direi quindi di non perdere ulteriore tempo prezioso, di mettere al bando le ciance e di cominciare subito a darci da fare.
Sono sicuro che nel giro di breve tempo riuscirai a trovare la risorsa più adatta alle tue esigenze e che addirittura in caso di necessità sarai pronto a dispensare consigli ai tuoi amici desiderosi di ricevere qualche dritta analoga.
Scommettiamo?



ATTENZIONE: Scaricare file audio protetti da copyright in maniera abusiva equivale a commettere un reato.
Questo articolo è stato scritto a puro scopo illustrativo.
Non è assolutamente mia intenzione incentivare la pirateria, pertanto non mi assumo alcuna responsabilità sull’uso che farai delle informazioni presenti nella guida!

MediaHuman YouTube to MP3 (Windows, Mac e Linux)

MediaHuman YouTube to MP3 è un’applicazione gratuita ed open source che permette di estrarre audio dai video di YouTube in maniera estremamente facile e veloce.
Compatibile con tutti i principali sistemi operativi per computer (Windows, Mac e Linux), consente di ottenere dei file MP3 di ottima qualità da qualsiasi video di YouTube semplicemente incollando l’indirizzo di quest’ultimo nella finestra principale del programma.



È possibile scaricare decine di brani contemporaneamente e personalizzare le impostazioni per a conversione e il salvataggio dei file fin nei minimi dettagli.

IMMAGINE QUI 1

Per collegarti al sito Internet di MediaHuman YouTube to MP3 ed effettuare il download del software sul tuo computer fai clic qui.



ClipGrab (Windows e Mac)

Un altro software da tenere senz’altro in considerazione per estrarre audio da video è ClipGrab che permette di scaricare video da vari servizi online e social network (YouTube, Vimeo, Facebook ecc.) e di convertirli in tutti i principali formati di file multimediali, compresi MP3 e OGG.

È gratis, è facilissimo da usare (l’intera procedura di estrazione del file audio può essere completa nel giro di tre soli clic), presenta un’interfaccia utente decisamente user friendly e può essere utilizzato senza problemi sia su Windows che su Mac.



IMMAGINE QUI 2

Per collegarti al sito Internet di ClipGrab ed effettuare il download del software sul tuo computer fai clic qui.

Pazera Free Audio Extractor (Windows)

Come suggerisce molto facilmente il suo nome, Pazera Free Audio Extractor è un programma gratuito per sistemi operativi Windows che permette di estrarre audio da video in maniera facile e veloce.
Compatto e leggero come pochi altri, Pazera Free Audio Extractor permette di estrapolare le tracce audio dai video in formato AVI, FLV, MP4, MPG, MOV, RM, 3GP, WMV e VOB e di trasformarle in file audio MP3, AAC, AC3, WMA, FLAC, OGG e WAV.



Lascia praticamente intatta la qualità audio originale, dispone di impostazioni di output estremamente flessibili e permette di operare anche su decine di file contemporaneamente.
Insomma, è una vera propria “manna dal cielo”!

IMMAGINE QUI 3



Per collegarti al sito Internet di Pazera Free Audio Extractor ed effettuare il download del software sul tuo computer fai clic qui.

Koyote Free Video Converter (Windows)

Koyote Free Video Converter è un convertitore di video per Windows che dispone di moltissimi preset per convertire tra loro video in AVI, MP4, 3GP ed altri formati ottimizzandoli per la riproduzione su dispositivi portatili, quali iPad, iPhone, telefoni Android, e via discorrendo.
Non viene aggiornato da un po’ ma continua comunque a funzionare in maniera impeccabile oltre che ad essere una delle risorse più diffuse ed apprezzate in tal ambito.

Tra le sue tante funzioni ce n’è anche una che permette di convertire i video in file audio consentendo all’utente di scegliere fra vari formati di output, come MP3, WMA ed AAC e di impostare in maniera molto flessibile la qualità del brano da ottenere.
Il software è gratuito al 100% e non presenta limitazioni di alcun tipo.



IMMAGINE QUI 4

Per collegarti al sito Internet mediante cui effettuare il download di Koyote Free Video Converter sul tuo computer fai clic qui.



Free Video to MP3 Converter (Windows)

Un altro programma dal nome che risulta essere più che eloquente è Free Video to MP3 Converter.
Si tratta di una piccola ma efficacissima applicazione gratuita capace di trasforma i video in file musicali MP3.
Supporta tutti i principali formati di file video (AVI, IVF, DIV, DIVX, MPG, MPEG, MPE, MP4, M4V, WEBM, WMV, ASF, MOV, QT, MTS, M2T, M2TS, MOD, TOD, VRO, DAT, 3GP2, 3GPP, 3GP, 3G2, DVR-MS, FLV, F4V, AMV, RM, RMM, RV, RMVB, OGV, MKV E TS) permettendo di processare più elementi contemporaneamente.

Offre la possibilità di personalizzare le impostazioni di output in maniera estremamente dettagliata, è tradotto completamente in lingua italiana ed è destinato ai soli sistemi operativi Windows.

IMMAGINE QUI 5



Per collegarti al sito Internet di Free Video to MP3 Converter ed effettuare il download del software sul tuo computer fai clic qui.

VirtualDubMod (Windows)

VirtualDubMod è una versione modificata di VirtualDub, piccolo ma potentissimo programma gratuito per il video editing, che aggiunge a quest’ultimo il supporto ad alcune tipologie di file video, come quelli in formato MKV, e la possibilità di gestire file multimediali con molteplici tracce audio e sottotitoli.



Nella gestione dei file multimediali è contemplata anche la possibilità di estrapolare le tracce audio dai video e salvarle sotto forma di file audio nel loro formato originale, MP3, AC3 o OGG che sia.
È in lingua inglese ma è estremamente facile da usare.

IMMAGINE QUI 6

Per collegarti al sito Internet di VirtualDubMod ed effettuare il download del software sul tuo computer fai clic qui.



FormatFactory (Windows)

FormatFactory è uno dei migliori convertitori disponibili per Windows grazie al quale è possibile convertire qualsiasi tipo di file multimediale in un altro.
Questo significa che non solo consente di convertire tra loro tutti i principali formati di file video e tutti i principali formati di file audio ma anche di trasformare file video in audio estrapolandone la traccia sonora.

È completamente in italiano ed è molto facile da usare.
Dispone inoltre di opzioni di output personalizzabili e permette di operare su più file contemporaneamente.
Davvero difficile farne a meno!



IMMAGINE QUI 7

Per collegarti al sito Internet di FormatFactory ed effettuare il download del software sul tuo computer fai clic qui.

Freemake Audio Converter (Windows)

In un articolo dedicato a quelli che sono i migliori programmi per estrarre audio da video è praticamente d’obbligo parlare di Freemake Audio Converter.
Siamo infatti al cospetto di un software gratuito per sistemi operativi Windows la cui funzione base è quella di convertire musica ma che integra all suo intero anche tutta una serie di funzionalità avanzate che consentono di estrarre l’audio dai video ed unire più file audio in un unico brano ascoltabile su PC e dispositivi mobili.



Il software supporta senza problemi tutti i principali formati di file audio (MP3, WMA, WAV, FLAC, AAC, M4A, OGG, ecc.) e permette di ottimizzare qualsiasi brano per la riproduzione su dispositivi mobili quali player MP3, iPod, iPhone, iPad e PSP.

IMMAGINE QUI 8



Per collegarti al sito Internet di Freemake Audio Converter ed effettuare il download del software sul tuo computer fai clic qui.

YTMP3 (Online)

Come anticipato ad inizio articolo, esistono anche dei “programmi online” per estrarre audio da video capaci di assolvere alla maggior parte delle funzioni offerte dai “classici” software ma direttamente dal browser Web, senza dover installare nulla sulla postazione multimediale in uso.
Tra i tanti disponibili, è sicuramente il caso di menzionare YTMP3 che permette di ottenere file MP3 con un bitrate massimo di 192 kbps.

Utilizzarlo è un vero e proprio gioco da ragazzi:
basta infatti collegarsi alla sua pagina iniziale, incollare l’URL del video presente in rete da trasformare in file audio nell’apposito campo e premere sul bottone Convert per dare il via alla procedura di conversione.



IMMAGINE QUI 9

Per collegarti al sito Internet di YTMP3 e cominciare ad utilizzare il servizio dal tuo computer fai clic qui.



Convert.Files (Online)

Convert.Files è un altro servizio Web che può essere sfruttato per estrarre audio da video.
È gratis, funziona in maniera impeccabile su tutti i sistemi operativi e su tutti i più diffusi browser Web e permette di trasformare i filmati presenti online in file audio da scaricare sul PC ed eventualmente da trasferire sui propri device mobile.

Presenta un’interfaccia utente semplice e chiara, non offre particolari opzioni ma è in grado di assolvere in maniera più che egregia al compito a cui è preposto. Estrazione dell’audio dai video online parte, il servizio permette anche di convertire file di vario genere da un formato all’altro.
Insomma… da provare subito!

IMMAGINE QUI 10



Per collegarti al sito Internet di Convert.Files e cominciare ad utilizzare il servizio dal tuo computer fai clic qui.

programmi per fare video



programmi per fare video

Hai girato alcuni filmati durante la festa di compleanno di un tuo amico e vorresti realizzare un montaggio carino da condividere online?
Ti piacerebbe creare una presentazione con le foto che hai scattato lo scorso fine settimana, con musica di sottofondo ed effetti di transizione, ma non sai come riuscirci?
Vorresti registrare lo schermo del tuo PC per creare dei tutorial video ma non sai a quali software affidarti?
Non ti preoccupare:
sono tutte operazioni molto più semplici da realizzare di quello che immagini e, se vuoi, posso dimostrartelo.

Se mi dedichi qualche minuto del tuo tempo, posso illustrarti i migliori programmi per fare video da PC, Mac e perfino smartphone e tablet.
Che tu sia alla ricerca di un software di montaggio video, di un programma per realizzare video con foto e musica o di un programma per fare tutorial video registrando lo schermo del tuo computer, ti assicuro che troverai sicuramente la soluzione più adatta a te.

Che ne diresti, dunque, di mettere da parte le chiacchiere e di andare sùbito ad approfondire il discorso?
Sì?
Perfetto.
Allora non temporeggiare oltre e inizia subito a scoprire come usare le risorse che trovi elencate di seguito, grazie alle indicazioni che sto per fornirti.
Sono sicuro che, alla fine, potrai dirti ben contento e soddisfatto di quanto appreso.
Scommettiamo?



Indice

  • Programmi per fare video su PC
    • Adobe Premiere (Windows/macOS)
    • Sony Vegas (Windows)
    • iMovie (macOS)
  • Programmi per fare video con foto e musica
    • Foto (Windows 10)
    • DVD Slideshow GUI (Windows)
    • Foto (macOS)
  • Programmi per fare video tutorial
    • OBS (Windows/macOS/Linux)
    • Screencast-o-Matic (Windows/macOS)
  • Programmi per fare video online
    • WeVideo
    • Clipchamp
  • App per fare video

Programmi per fare video su PC

Iniziamo questo excursus tra i programmi per fare video su PC partendo da quelli utili per il montaggio, che permettono di realizzare produzioni video più o meno complesse, applicare effetti, colonne sonore e altro ancora.
Trovi indicati qui sotto quelli che, a mio modesto avviso, costituiscono i più interessanti della categoria.

Adobe Premiere (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 1



Il primo tra i programmi per fare video su PC che voglio suggerirti di prendere in considerazione è Adobe Premiere:
si tratta di un rinomato programma per Windows e macOS che consente di effettuare le più disparate operazioni di montaggio video mediante numerose funzioni e strumenti ad hoc.
Per usarlo bisogna sottoscrivere un abbonamento al servizio Creative Cloud (con costi a partire da 24,39 €/mese), ma si può anche scaricare in una versione trial funzionante per 7 giorni.

Per effettuare il download della versione di prova del programma, recati sul sito Internet di Adobe, seleziona la voce Versione di prova gratuita presente in alto e, nella nuova pagina visualizzata, clicca sul bottone Attiva trial.
Compila quindi il modulo che ti viene proposto, immettendo i dati richiesti, e scarica il software.

Una volta completato il download, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto, e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sul bottone Esegui.
Attendi poi che la procedura d’installazione del programma venga avviata e completata.



Se stai usando macOS, apri invece il pacchetto .dmg ottenuto, fai doppio clic sull’installer di Premiere che si trova al suo interno, immetti la password del tuo account utente su macOS e aspetta, anche in questo caso, che la procedura d’installazione venga portata a termine.

Quando visualizzi la finestra principale di Adobe Premiere sullo schermo, fai clic sul pulsante Nuovo progetto, seleziona la voce File dal menu in alto a sinistra, scegli l’opzione Importa e apri il filmato su cui desideri andare ad agire, dopodiché trascinalo sulla timeline in basso e fai clic destro su di essa, per selezionarlo.



Recati poi nelle schede poste nella parte in alto per aggiungere effetti, suoni, temi ecc.
e usa gli strumenti che si trovano a sinistra e a destra per eseguire tutte le regolazioni del caso.

Completate le modifiche, riproduci il filmato in anteprima, facendo clic sul bottone Play collocato sotto il player situato a destra.
Se vuoi esportare il filmato elaborato, invece, clicca sul menu File collocato in alto a sinistra, seleziona l’opzione Esporta e clicca su File Multimediali.
Per concludere, scegli il titolo che vuoi assegnare al video e premi sul pulsante OK.

Sony VEGAS (Windows)

IMMAGINE QUI 2



Un altro ottimo software per fare video al quale puoi rivolgerti è Sony VEGAS:
si tratta di una risorsa specifica per l’elaborazione audio e video su Windows molto amata in ambito professionale.
È a pagamento (presenta prezzi a partire da 149 dollari, a seconda della versione scelta), ma lo si può scaricare in una versione di prova gratuita funzionante per 30 giorni.

Per eseguire il download della trial del programma, recati sul sito Internet di Sony VEGAS, seleziona il collegamento Download relativo alla versione del software che ti interessa, spunta la casella Non sono un robot e clicca sul pulsante Avvia download.

A scaricamento completato, apri il file .exe ottenuto e segui le istruzioni contenute nella mia guida su come scaricare Sony VEGAS Pro per portare a termine il setup.



Quando visualizzerai la finestra principale del software sul desktop, fai clic sul menu File che si trova in alto a sinistra, seleziona le voci Import e Media da quest’ultimo e apri il video su cui è tua intenzione andare ad agire.
Successivamente, trascina quest’ultimo sulla timeline in basso e selezionalo.

Serviti poi delle voci che trovi nella scheda a sinistra per applicare effetti, transizioni e preset già pronti all’uso. Ulteriori comandi utili per quel che concerne le modifiche strutturali li trovi sulla barra degli strumenti in alto e nel menu visibile facendo clic destro sui file collocati sulla timeline.



A modifiche ultimate, fai clic sul pulsante Play che si trova sotto il player a destra per visualizzare un’anteprima del risultato finale.
Se sei soddisfatto, esporta il video (l’opzione non è fruibile nella versione di prova del programma) facendo clic sul menu File (in alto a sinistra), selezionando da quest’ultimo l’opzione Render as e cliccando sul pulsante Render.

iMovie (macOS)

IMMAGINE QUI 3

Se stai usando macOS e i programmi per fare video già menzionati non ti hanno entusiasmato, puoi rivolgerti ad iMovie:
si tratta di un famoso software per l’editing video reso disponibile da Apple a costo zero.
È abbastanza semplice da usare ed è adatto sia a un impiego domestico che professionale.
Lo si trova preinstallato su tutti i Mac (ma, qualora rimosso, può essere scaricato gratuitamente dal Mac App Store).



Per usare iMovie, avvia il programma richiamandolo dal Launchpad, tramite Spotlight, Siri o dalla cartella Applicazioni, clicca sul pulsante Crea nuovo nella finestra che compare sulla scrivania e scegli se usare la funzione Filmati (per realizzare un video personalizzato) oppure quella Trailer (per realizzare un video in stile hollywoodiano sfruttando dei modelli preimpostati).

Successivamente, importa il filmato su cui desideri andare ad agire, cliccando sul pulsante con la freccia posto in alto a sinistra, selezionando il file di tuo interesse e premendo sul bottone Importa tutto.
Il filmato importato verrà poi aggiunto alla sezione File multimediali che si trova a sinistra.

In seguito, sposta il video sulla timeline in basso e usa le funzioni annesse alle schede Audio, Titoli, Sfondi e Transizioni collocate in alto per aggiungere effetti audio e colonne sonore, scritte, sfondi ed effetti di transizione al video.
Ulteriori pulsanti e funzioni utili per, ad esempio, regolare il colore, l’audio ecc., li trovi nella parte destra della schermata del programma.



Completate tutte le modifiche, fai clic sul pulsante Play che trovi sotto il player situato a destra, per visualizzare il filmato elaborato in anteprima.
Se il risultato finale ti convince, salva il video cliccando sull’icona della condivisione (quella con il rettangolo e la freccia) posta in alto a destra e indica come esportare il file dal menu che si apre.

Per maggiori dettagli riguardo il funzionamento del programma, ti rimando alla lettura delle mie guide dedicate in via specifica a come usare iMovie, come tagliare un video con iMovie, come sovrapporre due video con iMovie, come rallentare un video con iMovie, come ruotare un video con iMovie e come doppiare con iMovie.

Programmi per fare video con foto e musica

Stai cercando dei programmi per fare video con foto e musica?
Allora prova subito le risorse che trovi segnalate qui di seguito, sono certo che sapranno soddisfarti.



Foto (Windows 10)

IMMAGINE QUI 4

Stai usando un PC con su installato Windows 10?
Forse non ne eri a conoscenza, ma un ottimo software per realizzare video con foto e musica è già incluso “di serie” sul tuo computer:
si tratta di Foto, il programma predefinito per il più recente sistema operativo dell’azienda di Redmond, grazie al quale è possibile visualizzare e gestire le raccolte d’immagini e che integra anche delle speciali funzioni utili per lo scopo in questione.

Per servirti dell’applicazione Foto per creare i tuoi video con foto e musica, espandi il menu Start, facendo clic sul relativo pulsante (quello con la bandierina di Windows) posto sulla barra delle applicazioni, cerca Foto nel campo di ricerca e seleziona il risultato pertinente.



Una volta visualizzata la finestra dell’applicazione sullo schermo, clicca sul pulsante Crea situato in alto a destra e scegli, dal menu che compare, se creare un video automatico con musica o un video personalizzato con musica, facendo clic sulla relativa opzione.

Nella schermata successiva, seleziona le foto da includere e premi pulsante Crea situato posto in alto.
In seguito, assegna un nome al video che stai per generare mediante il campo apposito visualizzato e fai clic sul bottone OK.



Serviti poi dei pulsanti in alto per personalizzare la tua creazione come meglio credi.
Ad esempio, puoi impostare un tema, modificare la durata del video, aggiungere testi, applicare filtri ecc.

Per riprodurre in anteprima il filmato, premi sul pulsante Play.
Se sei soddisfatto del risultato, clicca sul bottone con la freccia verso destra e scegli una delle opzioni relative all’esportazione tra quelle disponibili.
Al termine dell’esportazione, il video sarà salvato all’interno dell’applicazione Foto e potrai anche visualizzarlo in Esplora File, premendo sul pulsante Visualizza Esplora File.

DVD Slideshow GUI (Windows)

IMMAGINE QUI 5



Un altro ottimo programma che ti consiglio di prendere in considerazione è DVD Slideshow GUI:
si tratta di un’applicazione gratuita, solo per sistemi operativi Windows ed estremamente facile da usare, che permette di creare slideshow di foto con effetti di transizione, didascalie personalizzate e musiche.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al suo sito Web ufficiale e clicca prima sul pulsante Download e poi, quando il conto alla rovescia arriva al termine, sul bottone Avanti.

A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che vedi comparire sul desktop, clicca prima sul bottone  e poi su quello Next.
Accetta, dunque, le condizioni di utilizzo del programma, mettendo il segno di spunta accanto alla voce I accept the agreement, e concludi il setup facendo clic prima sul pulsante Next per altre cinque volte consecutive e poi sui bottoni Install e Finish.



Ora che visualizzi la finestra principale del software sullo schermo, se la sua interfaccia è in lingua Inglese, traducila in Italiano facendo clic sul menu View posto in alto, sulla voce Language settings e su quella Italian.
Dopodiché premi sul bottone per confermare le modifiche.

Successivamente, per cominciare a creare il tuo video con foto e musica, non devi far altro che cliccare sull’icona con le foto e il simbolo [+] collocata in alto a sinistra e selezionare le immagini da usare per la tua creazione.
Per modificare l’ordine delle diapositive, selezionale e usa i pulsanti con le frecce posti in alto.



Dopodiché devi cliccare sull’icona della nota musicale per scegliere la musica da usare come sottofondo del filmato e sulla lettera “A” per aggiungere le didascalie.
Se vuoi impostare uno sfondo, premi sull’icona con la foto del paesaggio.

Per impostare degli effetti di transizione, invece, seleziona le foto e clicca sull’icona del ciak situata in alto a destra.
Quando hai impostato tutti i parametri della presentazione, clicca sul pulsante con la pellicola e il floppy disk per salvare il video.
Più facile di così?

Foto (macOS)

IMMAGINE QUI 6



Se stai usando un Mac, ti consiglio di prendere in considerazione Foto, l’applicazione predefinita per organizzare foto e video inclusa “di serie” in macOS.
Per servirtene per il tuo scopo, avviala l’applicazione facendo clic sulla sua icona (quella con lo sfondo bianco e il fiore multicolore) posta sulla barra Dock e, se non hai configurato l’uso della libreria foto di iCloud o dello streaming foto, come ti ho spiegato in dettaglio nella mia guida su come archiviare foto su iCloud, importa le immagini che intendi usare facendo clic sul menu File (in alto a sinistra) e selezionando la voce Importa da quest’ultimo.
Seleziona poi l’album o le immagini che vuoi includere nella tua creazione.

Successivamente, clicca di nuovo sul menu File, seleziona la voce Crea da quest’ultimo, quindi quella Presentazione e scegli la dicitura Foto.
Assegna, dunque, un titolo alla presentazione che stai per creare, digitandolo nel campo apposito, e premi sul pulsante OK, per andare avanti.

Apporta quindi tutte le modifiche del caso al tuo video, servendoti dei pulsanti annessi all’editor che ora ti viene proposto.
Per la precisione, facendo clic sui due rettangoli situati a destra puoi selezionare il tema che preferisci, premendo sull’icona della nota musicale puoi impostare una musica di sottofondo, mentre cliccando sull’icona con il cronografo puoi modificare le impostazioni relative alla durata.



A modifiche ultimate, premi sul pulsante Play posto in basso al centro per visualizzare un’anteprima del video finale.
Se questo ti convince, esportalo facendo clic sul bottone Esporta collocato in alto a destra, indicando nome, posizione e formato e premendo sul pulsante Salva.

Programmi per fare video tutorial

Cerchi dei programmi per fare video tutorial e non sai a quali risorse rivolgerti?
Allora sono ben lieto di comunicarti che ho qui per te proprio quello che fa al caso tuo.

OBS (Windows/macOS/Linux)

IMMAGINE QUI 7



Il primo tra i programmi per fare video tutorial che ti consiglio di utilizzare è OBS.
Non ne hai mai sentito parlare?
Nessun problema, rimediamo subito:
si tratta di un software gratuito e open source che permette di realizzare registrazioni dello schermo del computer, acquisire flussi audio/video da fonti esterne e trasmettere video in streaming.
È disponibile per Windows, macOS e Linux ed è anche abbastanza semplice da usare.

Per scaricarlo sul tuo PC, recati sul suo sito Internet ufficiale, fai clic sul logo del sistema operativo che usi sul tuo computer e premi sul bottone Download Installer che vedi comparire in basso a destra.

Completato lo scaricamento, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, clicca sui pulsanti , Next e I Agree.
In seguito, clicca ancora una volta sul bottone Next, quindi su quello Install e, per concludere, su quello Finish.
Se durante il setup compare un avviso mediante cui ti viene segnalato che risulta necessario installare anche Visual C++, acconsenti alla cosa:
si tratta di un componente gratuito, prodotto da Microsoft, necessario per il corretto funzionamento del programma.



Se stai usando macOS, apri invece il pacchetto .pkg ottenuto e, nella finestra che compare sullo schermo, premi sul bottone Continua per due volte di fila e poi su quello Installa.
A questo punto, immetti la password relativa al tuo account utente sul computer, clicca sul bottone Chiudi e, infine, su quello Sposta.
Avvia poi il programma tramite il Launchpad oppure mediante Spotlight, Siri o dalla cartella Applicazioni.

Una volta visualizzata la finestra principale di OBS sullo schermo, segui la rapida procedura di configurazione guidata proposta, dopodiché premi sul pulsante Impostazioni che si trova in basso a destra, seleziona la voce Uscita dalla barra laterale di sinistra, spunta la casella Attiva le impostazioni avanzate di codifica e scegli il formato e il bitrate che desideri impiegare per le tue registrazioni dal menu a tendina Formato di registrazione.



Provvedi altresì a indicare il percorso in cui desideri salvare le registrazioni, premendo sul bottone Sfoglia presente in corrispondenza della dicitura Percorso di registrazione.
Ricordati poi di salvare i cambiamenti apportati alle impostazioni, facendo clic sui pulsanti Applica e OK.

Compiuti i passaggi di cui sopra, recati nella finestra principale del programma e scegli da quali fonti effettuare la registrazione, facendo clic sul bottone [+] che si trova in corrispondenza della sezione Fonti, selezionando la voce Cattura lo schermo dal menu che si apre e premendo sul pulsante OK per due volte.

Se, invece, vuoi catturare solo la finestra di un’applicazione, seleziona l’opzione Cattura la finestra, mentre per registrare la finestra di un software a tutto schermo, scegli l’opzione Cattura finestra a schermo interno.



A questo punto, se necessario, sposta/ridimensiona il riquadro relativo alla ripresa dello schermo usando il mouse sull’anteprima della registrazione presente nella parte centrale della finestra di OBS, dopodiché regola il volume dell’audio da catturare mediante le barre in basso al centro e clicca sul pulsante Avvia registrazione.

Quando lo vorrai, potrai interrompere la registrazione facendo clic sul pulsante Ferma registrazione posto in basso a destra.
Il filmato ottenuto verrà salvato in automatico nella cartella indicata in precedenza nelle impostazioni del programma.

Screencast-o-Matic (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 8



Se la risorsa per creare video tutorial di cui ti ho già parlato non ti ha convinto in maniera particolare, ti invito a prendere in considerazione l’uso di Screencast-o-Matic:
si tratta, in realtà, di un servizio online che consente di creare registrazioni dello schermo del computer scaricando una piccola applicazione su Windows e macOS.
È gratis, ma con alcune limitazioni:
permette di realizzare registrazioni aventi una durata massima pari a 15 minuti, imprime un watermark sui filmati e non cattura l’audio del computer ma solo quello del microfono.
Per aggirarle, bisogna sottoscrivere un piano a pagamento, con costi a partire da 1,50 $/mese.

Per usare Screencast-o-Matic, recati dunque sul sito Internet del servizio e premi sul bottone Start recording for free.
Nella nuova pagina visualizzata, verifica che risulti selezionato l’Italiano nel menu a tendina a sinistra (altrimenti provvedi tu), clicca sul bottone Launch Free Recorder, poi sul collegamento Download launcher e il plugin necessario per far funzionare Screencast-o-Matic verrà scaricato sul tuo computer.



Completato il download, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sullo schermo, fai clic sul pulsante .
Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto, fai doppio clic sull’icona della scatola aperta presente nella finestra che vedi comparire sulla scrivania e premi sul pulsante OK.

Successivamente, se desideri registrare solo lo schermo del computer (o parte di esso), clicca sul pulsante Schermo e definisci l’area del desktop da filmare regolando l’apposito rettangolo di selezione.
Per registrare anche quanto ripreso con la webcam, invece, clicca sul pulsante webcam e colloca il relativo riquadro nel punto dello schermo che preferisci.
Per attivare tutte e due le funzioni, clicca sul bottone Entrambi.
Per definire la risoluzione e scegliere se attivare o meno il microfono, poi, seleziona, rispettivamente, le voci Dimensioni e Narrazione.

Avvia quindi la registrazione dello schermo premendo sul pulsante Rec.
Per interromperla, poi, clicca sui pulsanti Pausa e Fatto.
Scegli quindi se aggiungere testi e musica al filmato ottenuto sfruttando i comandi annessi all’editor che compare e salva il video finale premendo sul pulsante indicate la sua durata e scegliendo la posizione per l’output.



Programmi per fare video online

Non vuoi o non puoi scaricare nuovi software sul tuo computer per cui ti piacerebbe che ti suggerissi dei programmi per fare video online?
Ti accontento subito.

WeVideo

IMMAGINE QUI 9

WeVideo è un ottimo servizio Web che permette di creare montaggi video partendo da filmati e foto salvati sul computer oppure su servizi online quali Facebook, Flickr, Google Drive, Dropbox e Instagram, in pochissimi clic.
Sì può usare gratis, ma permette di realizzare un massimo di 5 minuti di video al mese, che possono essere esportati a una risoluzione massima di 480p.
Tali limitazioni possono essere aggirate sottoscrivendo un piano a pagamento, a partire da 4,99 dollari/mese.
Da notare che non viene indicato come vengono trattati i dati dopo essere stati caricati sui server dell’azienda.



Per usare WeVideo, recati sulla sua home page e crea un account fornendo i dati richiesti nei campi a destra.
In seguito, premi sul bottone Sign up for WeVideo, sul pulsante Try it relativo all’opzione Free che trovi scorrendo la pagina e clicca sui pulsanti Continue (per due volte consecutive) e My dashboard.

Seleziona, dunque, la voce Media dal menu in cima, premi sui pulsanti Import e Browse to select, scegli i file video (e/o le foto) che vuoi usare e aspetta che il caricamento degli stessi venga portato a termine.
Per prelevare i file dai servizi di cloud storage e dai social network supportati, invece, clicca prima sulle relative icone in basso.

Ultimato l’upload, clicca sulla voce Dashboard che si trova in alto, scegli l’opzione Create new per creare un nuovo progetto, premi sull’icona della cartella posta in cima e trascina i file appena caricati sulla timeline del servizio collocata in basso.



Successivamente, serviti del pulsanti collocati in alto per aggiungere testi, musiche, transizioni ed effetti al filmato, spostando gli elementi di tuo interesse nel punto della timeline che preferisci.

Riproduci poi un’anteprima del video finale premendo sul pulsante Play collocato sotto il player a destra:
se questo ti convince, salva il file finale cliccando sulla voce Finish in alto a sinistra, sul bottone Set, indicando la qualità di esportazione, facendo clic sul pulsante Finish e su quello con la freccia verso il basso, così da procedere con il download.

Clipchamp

IMMAGINE QUI 10



Un altro ottimo servizio online che puoi prendere in considerazione è Clipchamp:
si tratta di un editor video fruibile tramite Internet, da qualsiasi browser e sistema operativo, che risulta essere molto semplice da usare.
È gratis, ma consente di esportare i video soltanto con una risoluzione pari a 480p.
Tale limitazione può essere aggirata sottoscrivendo un abbonamento a pagamento, al costo di 6 dollari/mese.
Da notare, poi, che il servizio offre un buon livello di sicurezza per quel che concerne la privacy, in quanto i filmati elaborati non vengono caricati sui server del gruppo.

Mi chiedi come fare per poter utilizzare Clipchamp?
Te lo spiego subito.
In primo luogo, recati sulla home page del servizio e clicca sul bottone Iscriviti.
Successivamente, seleziona l’opzione Personal nel box a destra e indica se preferisci registrarti usando l’email, l’account Google o quello Facebook.
Dopodiché porta a termine la procedura di registrazione.



In seguito, fai clic sulla voce Skip for now che si trova nel box visualizzato e clicca sui pulsanti Start a project e Start editing, per poter iniziare a utilizzare l’editor del servizio.
Superato anche questo step, clicca prima sul pulsante Add media che si trova in alto a sinistra e poi su quello Browse my files, per selezionare e caricare video (e foto) presenti sul tuo PC.

Ad upload avvenuto, trascina i file sulla timeline del servizio posta in basso, selezionali e clicca sulle voci nella barra laterale di sinistra per aggiungere testi, sfondi, effetti di transizione ecc.
Se, invece, vuoi bilanciare i colori, applicare filtri e apportare altre modifiche strutturali, seleziona i file aggiunti sulla timeline e usa gli strumenti nella sezione che compare in alto.

Per visualizzare un’anteprima del risultato finale, premi sul pulsante Play collocato sotto il player, sulla destra.
Per esportare il video, clicca sul pulsante Export video posto in alto a destra, seleziona il pulsante Export in 480p e aspetta che venga prima completata l’elaborazione del filmato e poi avviato il download del file sul tuo PC.



App per fare video

IMMAGINE QUI 11

Ti piacerebbe sapere se esistono delle app per fare video da smartphone e tablet?
La risposta è affermativa.
Se la cosa ti interessa, qui sotto trovi un elenco di quelle che ritengo essere le più interessanti applicazioni di questo tipo in circolazione.

  • inShot (Android/iOS) – applicazione grazie alla quale è possibile editare video (e immagini) e creare presentazioni fotografiche in una manciata di tap.
    È gratis, ma offre acquisti in-app (a partire da 3,49 euro) per rimuovere gli annunci pubblicitari e sbloccare altre funzioni extra.
  • Quik (Android/iOS) – applicazione resa disponibile da GoPro che permette effettuare semplici operazioni di montaggio video e di creare video con foto e musica sfruttando i tanti strumenti disponibili.
    È gratis.
  • ActionDirector (Android) – app per Android sviluppata da CyberLink che consente di creare e modificare i video offrendo diversi strumenti ad hoc.
    È gratis, ma offre acquisti in-app (a partire da 4,29 euro/mese) per rimuovere il watermark che viene applicato ai filmati elaborati e per sbloccare altre funzioni aggiuntive.
  • AZ Screen Recorder (Android) – app gratuita e di semplice impiego per soli dispositivi Android che permette di registrare lo schermo dello smartphone o del tablet senza limitazioni e senza applicare watermark.
  • iMovie (iOS) – è la controparte per device iOS del programma di casa Apple per realizzare video di cui ti ho parlato nel passo a inizio guida.
    È molto facile da usare e i risultati restituiti sono degni di nota.
    Gratis.
  • Registrazione schermo (iOS) – più che un’app, si tratta di una funzione resa disponibile “di serie” su tutti gli iPhone e gli iPad a partire dalla versione 11 di iOS, la quale può essere richiamata tramite il Centro di controllo e che, appunto, consente di realizzare registrazioni del display, senza audio.
    Per scoprire come servirtene, fa’ riferimento al mio tutorial specifico su come registrare lo schermo dell’iPhone (valido anche per iPad).

programmi per fotografi



programmi per fotografi

Quella del fotografo è una professione che richiede tanta fantasia, tanta inventiva e una quantità di abilità non trascurabile.
Ciò non toglie, tuttavia, che senza conoscere gli strumenti adatti non soltanto non si ottimizza il lavoro, ma non si riesce neanche a sfruttare appieno il proprio potenziale.

Come dici?
Sei un aspirante fotografo e stai cercando delle soluzioni tecnologiche che ti consentano di ottimizzare e migliorare il tuo lavoro?
Benissimo, sei capitato esattamente nel posto giusto al momento giusto! Nelle righe di seguito troverai una lista di programmi per fotografi, sia a pagamento che gratuiti, che possono aiutarti a compiere il lavoro di tutti i giorni o a coltivare la tua passione nel migliore dei modi. E giusto per non farci mancare niente, nell’ultimo capitolo di questa guida ti mostrerò anche una serie di app per fotografi che puoi sfruttare sul tuo smartphone o sul tuo tablet.
Perché la fotografia, al giorni d’oggi, passa anche (in determinati contesti) soprattutto per l’ambito mobile!

Che ne dici allora?
Sei pronto a metterti all’opera?
Perfetto, allora prenditi un po’ di tempo libero, dai un’occhiata ai software che sto per consigliarti e leggi attentamente le indicazioni che trovi di seguito.
Sono sicuro che troverai tante soluzioni in grado di rendere più semplice e, perché no, più divertente la tua attività di fotografo.
Buona lettura!



Indice

  • Programmi per foto
  • Programmi per video
  • App per fotografi

Programmi per foto

IMMAGINE QUI 1

Quindi ti sei finalmente deciso ad affidarti al digitale e ora non vedi l’ora di conoscere i migliori programmi per fotografi da usare sul tuo computer?
Non preoccuparti, molto presto avrai ciò che cerchi.
In questo elenco ti suggerirò una serie di programmi utili per modificare ed elaborare le foto, alcuni a pagamento, altri gratuiti:
non ti resta che valutarli tutti e scegliere quello che più si addice alle tue esigenze.



Adobe Photoshop CC (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 2

Adobe Photoshop CC entra di diritto nel novero dei migliori programmi per fotografi grazie alla sua potenza e alle enormi possibilità che offre.
Grazie a Photoshop, è possibile modificare foto digitali in molteplici formati (immagini RAW incluse) utilizzando un gran numero di strumenti, tra cui filtri, correzioni, aggiunta di sfumature e molto altro ancora.
Adobe Photoshop CC è un software professionale ma è adatto anche ai semplici appassionati che vogliono muovere i primi passi nel mondo della fotografia digitale.
Oltre a consentire una modifica dettagliata di tutti i parametri di uno scatto (luminosità, contrasto, colori, livello del bianco ecc.), permette di rimuovere i difetti più comuni nelle foto, di creare panoramiche, foto HDR e l’elenco potrebbe andare a lungo davvero all’infinito.
Permette finanche di creare immagini partendo da zero.
Per avere un’idea, seppur minima, di quello che è possibile fare con Photoshop, dai un’occhiata al mio tutorial su come photoshoppare le foto.



Puoi provare Adobe Photoshop CC gratuitamente, sia per Windows che per macOS, per un periodo limitato di 7 giorni scaricandolo da questa pagina Web, dopodiché dovrai scegliere se abbonarti con piano mensile 36.59 euro al mese, con piano annuale e pagamento mensile a 24.39 euro al mese o, in alternativa, con piano annuale e pagamento una tantum di 292.57 euro.

Adobe Lightroom CC (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 3

Ti stai chiedendo perché in questa lista stiano finendo due programmi dello stesso produttore?
Te lo spiego immediatamente. Adobe Lightroom CC è un potentissimo programma per l’elaborazione delle foto ma, a differenza del suo fratellone Photoshop, è dedicato esclusivamente alla foto e non dispone di strumenti per l’elaborazione grafica da zero.



In Lightroom, infatti, è possibile trovare, oltre che potenti strumenti di modifica dedicati al fotoritocco (correzione, filtri, unificazione del tono della pelle, manipolazione dei colori e quant’altro), anche strumenti specifici per la gestione di immaginiintere librerie.
Lightroom permette infatti, in pochi clic, di sviluppare negativi digitali, acquisire immagini direttamente dalla fotocamera (e di gestire diversi formati, RAW incluso), di far lavorare il fotografo su più immagini insieme sullo stesso piano di lavoro (con la possibilità di averle tutte sott’occhio e di interagire tra esse) e infine, ma non per ultimo, di esportare una foto contemporaneamente in vari formati (Web incluso).

Insomma, se Photoshop è un software per l’elaborazione delle immagini, Lightroom è invece un programma specifico per l’elaborazione delle foto.
Anche in questo caso hai la possibilità di provarlo per 7 giorni scaricandolo da questo sito Web (sia per Windows che per macOS), dopodiché puoi acquistarlo sottoscrivendo un piano annuale con pagamento mensile a 12.99 euro al mese, oppure un piano annuale con pagamento annuale a 145.52 euro l’anno.
Ti invito a consultare la pagina degli abbonamenti per ulteriori informazioni o per procedere all’acquisto.



CyberLink PhotoDirector Ultra (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 4

CyberLink PhotoDirector Ultra è un programma molto potente adatto a fotografi in erba e professionisti.
Oltre ai tanti strumenti di correzione di base, si concentra molto sull’elaborazione di volti e ritratti.
Sono infatti presenti funzionalità per la correzione diretta degli occhi rossi, strumenti per la modellazione specifica dei volti, maschere per la correzione dei colori della pelle e tanto altro ancora.
CyberLink PhotoDirector Ultra supporta immagini RAW e, come Photoshop, permette di creare immagini HDR e foto panoramiche partendo da scatti già esistenti o da fotogrammi estrapolati dai filmati.

Puoi provare gratis CyberLink PhotoDirector per un periodo di 30 giorni scaricandolo da questa pagina Web.
È disponibile sia per Windows che per macOS.
Terminato il periodo di prova, puoi acquistare CyberLink PhotoDirector Ultra al prezzo di 99.99 euro una tantum  (che diventano 69.99 euro in caso di aggiornamento da una versione precedente).
Per effettuare l’acquisto del software, puoi visitare il sito ufficiale del programma.



Corel PaintShop Pro (Windows)

IMMAGINE QUI 5

Troppo spesso le applicazioni di Corel subiscono l’ombra delle colleghe più blasonate, ma posso garantirti che PaintShop Pro merita di diritto un posto nella lista dei migliori programmi per fotografi.
È un programma che può essere usato sia dal principiante che dal professionista, poiché mette insieme strumenti facilmente utilizzabili (come i filtri preimpostati o la correzione automatica occhi rossi) e strumenti di editing avanzato, come la gestione dei livelli, delle maschere e tanto altro ancora.



Se questo programma ti ha incuriosito, puoi scaricare la versione di prova per Windows da questo link e testarlo per ben 30 giorni.
Se dovesse soddisfarti, puoi successivamente acquistarlo a un prezzo di 69.99 euro per una nuova copia, o di 49.99 euro per l’aggiornamento da una versione precedente.
Ti esorto a visitare il sito ufficiale per ulteriori informazioni, per procedere all’acquisto o per verificare la presenza di sconti promozionali.

GIMP (Windows/Linux/macOS)

IMMAGINE QUI 6

Sto per presentarti il primo programma per fotografi di questa lista disponibile in modo assolutamente gratuito.
Si chiama GIMP, puoi scaricarlo per i tre maggiori sistemi operativi (Windows, macOS e Linux) e, oltre che essere a costo zero, è anche open source.



GIMP viene spesso definito l’alternativa gratis a Photoshop e, in realtà, un motivo c’è.
Anche se è leggermente meno ricco, GIMP offre un insieme di funzionalità estremamente utili ai fotografi:
si va dalla gestione dei livelli alla correzione delle immagini con strumenti e filtri avanzati, passando per la gestione dettagliata dei colori e l’utilizzo di maschere e macro.
Alcuni meccanismi sono leggermente più macchinosi rispetto a Photoshop ma, quanto a potenza, la differenza non è molta.

Puoi scaricare GIMP gratuitamente per tutte e tre le piattaforme visitando il suo sito ufficiale.
Se invece vuoi approfondire il funzionamento del programma, dai un’occhiata al mio tutorial su come usare GIMP.



IrfanView (Windows)

IMMAGINE QUI 7

Con IrfanView si cambia un attimo genere di programma, anche se il contesto resta lo stesso.
IrfanView nasce più che altro come un visualizzatore di foto, ma ho deciso di piazzarlo nella lista dei programmi per fotografi grazie alla sua semplicità e immediatezza d’uso e alla possibilità di creare azioni batch.
Cosa significa questo?
Che è possibile effettuare la stessa operazione su più foto in sequenza, in maniera completamente automatica.

Inoltre, tra le altre cose, IfranView permette di effettuare conversioni da un formato all’altro e di applicare filtri di ottimizzazione completamente automatici.
Te ne ho parlato anche nel mio tutorial su come convertire immagini.
Insomma, stiamo parlando di uno strumento con un numero non molto alto di funzioni integrate ma che permette di sfruttare ciò che ha con una rapidità senza pari.
Se ti ho convinto e vuoi inserire IrfanView nella cassetta dei tuoi strumenti, puoi scaricarlo per Windows da uno dei siti segnalati in questo link.



Pixlr Editor (online)

IMMAGINE QUI 8

Quanto sto per dirti potrebbe sorprenderti, perché Pixlr Editor è un editor fotografico anche abbastanza completo che puoi usare liberamente dal browser! Si tratta, infatti, di una Web app che ricorda molto Photoshop e che, in realtà, ne riproduce parte delle funzionalità.
Pixlr permette di lavorare su livelli, di applicare filtri e correzioni manuali, di usare un gran numero di strumenti integrati (come il timbro clone o la correzione per colore), di apportare regolazioni su colori, lavorare con le maschere e molto altro.



Si possono modificare immagini presenti sul computer, su Internet o in uno spazio cloud e, una volta terminate le modifiche, è possibile scaricarle o salvarle su un account personale (l’iscrizione non è obbligatoria).
L’unica pecca di questo utilissimo servizio – se così la vogliamo definire – è la necessità di usare Flash Player per il suo funzionamento.
Puoi provare Pixlr Editor collegandoti a questo sito Web.

Altri programmi per foto

IMMAGINE QUI 9

Se i programmi che ti ho proposto finora non ti hanno convinto al 100%, non scoraggiarti:
ci sono altri software di editing fotografico che puoi scaricare sul tuo PC e che possono aiutarti a coltivare la tua passione per la fotografia:
eccone alcuni tra i migliori.



  • AfterShop Pro (Windows) – si tratta di un programma per Windows e macOS che unisce funzioni di organizzazione delle foto a funzioni di elaborazione delle stesse.
    Offre strumenti di modifica molto potenti, incentrati soprattutto sulla gestione e l’editing ottimale delle immagini RAW.
    Puoi provare AfterShot Pro per Windows gratuitamente per 7 giorni scaricandolo da questa pagina.
    Terminato il periodo di prova, puoi acquistare il programma – sempre dalla stessa pagina – a 59.99 euro per una nuova licenza o a 48.99 euro per l’aggiornamento da versione precedente.
  • Photoscape X (Windows/macOS/Windows 10) – questo programma è una soluzione all-in-one per la gestione e l’elaborazione delle foto.
    Può funzionare sia da visualizzatore che da vero e proprio programma per il fotoritocco che, tra le altre cose, permette la creazione di immagini animate e supporta le operazioni in modalità batch.
    Photoscape X è disponibile per Windows e macOS e può essere scaricato da questa pagina come “versione di prova senza limiti di tempo”.
    Puoi inoltre acquistare l’app per Windows 10 al prezzo di 29.99 euro direttamente dal Microsoft Store.

Hai apprezzato molto i consigli che ti ho dato ma non hai ancora trovato il software che fa al caso tuo?
Mi sembra strano.
In ogni caso prova a consultare la mia guida sui programmi per ritoccare foto:
sono sicuro che lì troverai ciò che cerchi!

Programmi per video

IMMAGINE QUI 10

Chi ha detto che il fotografo debba occuparsi soltanto di immagini ferme?
I fotografi spesso lavorano anche con i video, quindi lascia che ti dia alcuni consigli su quelli che possono essere ottimi programmi per fotografi dedicati alla gestione e all’elaborazione dei filmati.
Seguendo i miei consigli avrai sicuramente dell’ottimo materiale da inserire nella tua cassetta degli attrezzi digitale!



Avidemux (Windows/Linux/macOS)

IMMAGINE QUI 11

La sua interfaccia scarna e senza troppi fronzoli può spaventare, ma Avidemux è uno dei programmi di elaborazione e montaggio video più potenti e diffusi.
Oltre che applicare filtri, loghi, correzioni di vario tipo ed effettuare operazioni di transcodifica (cioè di conversione da un formato all’altro), Avidemux permette di unire e dividere in maniera diretta i video (che però devono essere dello stesso formato e con le stesse caratteristiche), di applicare tracce audio (anche più di una), di sovrapporre parti di video e tanto, tanto altro.



La cosa sorprendente è che Avidemux è completamente gratuito e disponibile su tutti e tre i sistemi operativi principali:
Windows, Linux e macOS.
Puoi scaricare Avidemux sul tuo computer da questa pagina, mentre puoi approfondire il funzionamento del programma leggendo i miei tutorial su come unire due video in uno solo, come tagliare un video e come togliere audio da video.

Adobe Premiere Pro (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 12

Lo vedo, stai sorridendo perché ho inserito un altro programma di Adobe nella mia lista dei programmi per fotografi.
Hai ragione, è il terzo, ma d’altra parte questa casa produttrice è una delle leader nel settore dell’editing multimediali e propone soluzioni per tutti i gusti! Adobe Premiere Pro è uno degli strumenti più avanzati per i fotografi e, in generale, per tutti coloro che si occupano di elaborare, montare e modificare i video per scopi professionali. Dispone di strumenti estremamente potenti per il missaggio di tracce video e audio, di filtri preimpostati per il miglioramento e la modifica dei video e di funzioni che permettono di agire sui filmati fin dentro i dettagli più nascosti.



La ciliegina sulla torta è il motore di elaborazione di Premiere Pro, che è in grado di sfruttare appieno il processore grafico (GPU) per operazioni di codifica, ri-codifica e creazione a velocità elevate.
Per provare gratuitamente Adobe Premiere Pro, puoi scaricare la versione di prova limitata a 7 giorni per Windows e macOS da questa pagina.
Terminato il periodo di prova, puoi sottoscrivere un abbonamento tramite Creative Cloud a partire da 24.39 euro al mese.

Lightworks (Windows/Linux/macOS)

IMMAGINE QUI 13



La leggenda narra che Lightworks sia stato usato per creare film di spessore come Pulp Fiction o Il lupo di Wall Street e io non ho motivo per credere che non sia vero.
Come la descrizione stessa del programma dice, per 25 anni Lightworks è stato uno strumento proprietario usato a livelli estremamente professionali.
Da qualche anno, però, questo editor video è diventato completamente open source ed è stato ridisegnato per poter essere usato da tutti.

L’interfaccia di Lightworks non è di immediata comprensione per chi non è addetto ai lavori ma, a onor del vero, basta poco per abituarcisi.
Oltre che per l’elaborazione e il montaggio di filmati, Lightworks offre strumenti per la creazione da zero di filtri, maschere ed effetti, e può comportarsi anche come un vero e proprio strumento per il rendering 3D.
Insomma, tanta ma tanta potenza a un costo inesistente! Puoi infatti scaricare Lightworks in modo completamente gratuito per Windows, Linux e macOS dal suo sito Web ufficiale.

Altri programmi per video

IMMAGINE QUI 14



Oltre ai programmi che ti ho menzionato poc’anzi, vale la pena di menzionare anche due sempreverdi di cui avrai sicuramente sentito parlare.

  • Windows Live Movie Maker (Windows) – chi ha detto che Movie Maker è morto?
    Ha solo cambiato faccia e gestore, ma è un programma vivo e vegeto che puoi installare liberamente sui computer Windows.
    Non ti parlo di qualcosa di particolarmente professionale ma di uno strumento che fa della semplicità il suo punto di forza e che si può usare, senza troppo sforzo, per lavori piccoli o per elaborare video di poche pretese.
    Puoi scaricare Windows Live Movie Maker da questo sito, cliccando sul link Italian.
  • iMovie (macOS) – presente da sempre sui sistemi operativi macOS, è il programma che Apple ha pensato, progettato e realizzato per offrire uno strumento di montaggio video che fosse semplice ma efficiente.
    iMovie può essere usato sia da chi ha poca dimestichezza con l’argomento sia da fotografi o video maker esperti, poiché dispone sia di strumenti di semplice utilizzo (ad esempio gli stili predefiniti e i montaggi di base) che di funzionalità un po’ più avanzate per raffinare ulteriormente il risultato.
    Puoi trovare iMovie nella cartella delle Applicazioni del tuo Mac o, qualora per qualche motivo non lo avessi installato, puoi prelevarlo da iTunes cliccando su questo link.

Qualora non avessi trovato ancora un programma adatto alle tue esigenze, prova a consultare la lista dei miei programmi per elaborare video e non dovresti avere più problemi in tal senso.

App per fotografi

IMMAGINE QUI 15



Fino a questo momento ti ho parlato di programmi pensati per essere usati dal computer, tuttavia mi rendo conto che il lavoro di un fotografo oggi passa anche dalle app per smartphone e tablet.
A questo proposito, mi sento di aggiungere all’insieme dei programmi per fotografi che ti ho proposto finora anche una lista di app per fotografi.
Seguendo le mie direttive, scoprirai ottimi strumenti dedicati anche ai dispositivi mobili che, ne sono convinto, ti semplificheranno ancora di più il lavoro!

  • Camera-FV 5 (Android) – è un’app per il sistema operativo Android che permette di agire sull’immagine sin dal momento in cui la si acquisisce.
    Si tratta, infatti, di uno strumento che si sostituisce alla fotocamera di sistema aggiungendo regolazioni e impostazioni altrimenti non presenti (tra cui l’acquisizione ove possibile in formato RAW, la regolazione manuale dei parametri di esposizione e molto altro).
    Non si tratta di un’app gratuita, puoi acquistarla a 2.99 euro recandoti nell’apposita pagina del Google Play Store.
  • Camera+ (iOS) – anche questa è un’app che permette di intervenire sull’acquisizione dell’immagine.
    Camera+ si sostituisce alla fotocamera di sistema e permette di definire parametri e impostazioni sullo scatto, impostazioni che non sono presenti invece nella fotocamera di iOS.
    Camera+ è disponibile sull’App Store a un prezzo di 3.49 euro.
  • Adobe Photoshop Express (Android/iOS/Windows) – ebbene sì, anche nella parte dedicata a smartphone e tablet c’è qualcosa di Adobe! Questa volta non parliamo di acquisizione ma di elaborazione delle foto, che grazie a Adobe Photoshop Express viene resa semplice anche con il tocco di un dito.
    Sicuramente non dispone degli strumenti avanzati della sua controparte per computer, tuttavia Photoshop Express permette di applicare modifiche sulle tonalità di colore, semplici filtri e correzioni in poco tempo, direttamente dallo smartphone o dal tablet.
    Puoi scaricare Adobe Photoshop Express gratuitamente per Android, iOS (iPhone/iPad) e Windows 10.
  • Aviary Photo Editor – grazie all’interfaccia intuitiva di quest’app è possibile modificare foto in pochissimo tempo o, volendo, imparare i fondamenti dell’editing fotografico guardando le foto create da altri utenti e seguendo i passaggi che loro hanno effettuato.
    Tra gli strumenti di base utilizzabili, figurano i miglioramenti automatici, le trasformazioni, le sfocature, l’aggiunta di adesivi e tanto altro.
    Aviary Photo Editor prevede inoltre la possibilità di intervenire nel dettaglio sui vari aspetti della foto, cosa che lo rende adatto anche ad un utenza esperta.
    Puoi scaricare Aviary Photo Editor gratuitamente per Android, iOS e Windows.

Aspetta un secondo, mi fai notare che hai esigenze di altro tipo e vorresti scoprire anche altre app dedicate alla fotografia?
Ho quel che fa per te.
Consulta senza pensarci due volte il mio tutorial sulle app per fotografi.
Troverai di certo altri strumenti estremamente interessanti.



programmi per grafici di funzioni



programmi per grafici di funzioni

La matematica è una delle tue più grandi passioni e ami coniugare le tue conoscenze in questo campo con il mondo della tecnologia.
Oggi, ad esempio, vai alla ricerca di programmi per realizzare grafici di funzioni e ti piacerebbe avere un mio aiuto in tal senso.
Beh, allora direi proprio che sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto.
Se mi dedichi qualche minuto del tuo tempo libero, posso infatti indicarti una serie di utili software per computer e app per smartphone e tablet di cui puoi avvalerti per il tuo scopo.

Per la precisione, ciò che voglio segnalarti, in questo mio articolo, sono dei programmi per grafici di funzioni di cui puoi avvalerti per studiare e risolvere le funzioni agendo dal tuo fido PC o, in alternativa, dal tuo dispositivo mobile.
Ce ne sono per tutti i gusti e per tutti i sistemi operativi, sia gratis che a pagamento:
devi solo scegliere quello più adatto alle tue esigenze e usarlo, in base alle indicazioni che sto per darti.

Allora?
Posso sapere che cosa ci fai ancora lì impalato?
Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto di tempo libero solo per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato nelle righe successive.
Sono sicuro che, alla fine, potrai dirti ben contento e soddisfatto di quanto appreso.
Che ne dici, scommettiamo?



Indice

  • Programmi per grafici di funzioni
    • wxMaxima (Windows/macOS)
    • EffeDix (Windows)
    • Graph (Windows)
    • GraphSketch (Online)
  • App per grafici di funzioni

Programmi per grafici di funzioni

Stai cercando dei programmi per grafici di funzioni da usare dal tuo PC Windows o sul tuo Mac?
Allora metti subito alla prova quelli che trovi indicati ed esplicati qui di seguito:
sono sicuro che sapranno soddisfarti.

wxMaxima (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 1



Il primo tra i programmi per grafici di funzioni che voglio suggerirti è wxMaxima:
si tratta di un ottimo software per la matematica e l’elaborazione di grafici per funzioni basato sul software open source Maxima.
È disponibile per Windows e macOS e la sua interfaccia è stata disegnata per semplificare le operazioni più comuni.
È gratis e non è affatto difficile da usare.

Per effettuarne il download sul tuo computer, visita il sito Internet del programma, clicca sul pulsante Download e, successivamente, su quello con il nome del sistema operativo che stai impiegando.
Se il download non viene avviato in automatico, clicca sul bottone Download Latest Version nella nuova pagina che si apre.

A scaricamento ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sui pulsanti AvantiAccetto.
Dopodiché clicca ancora sul bottone Avanti per due volte consecutive, su quello Installa e, per concludere, su quello con su scritto Fine.
In seguito, avvia il programma facendo clic sul relativo collegamento che è stato aggiunto al menu Start.



Se stai usando macOS, apri invece il pacchetto .dmg che hai ottenuto e trascina l’icona di wxMaxima nella cartella Applicazioni del computer.
Successivamente, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri dal menu che compare, in modo tale da avviare l’applicazione andando ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Adesso, a prescindere dal sistema operativo impiegato, chiudi la finestra con il suggerimento del giorno che è comparsa e inizia pure a servirti di wxMaxima per i tuoi grafici di funzioni. Inserisci, dunque, la tua funzione nella parte centrale della finestra del programma aiutandoti, se necessario, con le lettere greche e i simboli matematici che trovi nella parte sinistra.
Per realizzare il grafico, invece, usa i pulsanti che trovi sotto la dicitura Grafico usando (sempre a sinistra). 



Ulteriori strumenti utili per usare il programma e per lo sviluppo e la risoluzione delle funzioni li trovi nella barra dei menu, in alto.
Da lì puoi accedere ai comandi relativi alle equazioni, all’algebra, ai calcoli da effettuare ecc. 

Quando lo vorrai, potrai salvare il grafico recandoti nel menu File situato in alto a sinistra e scegliendo l’opzione Salva o quella Salva come da quest’ultimo.
Per aprire un grafico salvato in precedenza, invece, devi fare clic sulla voce Apri, sempre annessa al menu File.

EffeDix (Windows)

IMMAGINE QUI 2



EffeDix è un ottimo programma gratuito per sistemi operativi Windows realizzato in Italia che include una vasta gamma di funzioni, tra cui anche quella per tracciare grafici di funzioni ed effettuare il rendering 3D degli stessi.
Permette di animare lo scorrimento continuo dei grafici ed è studiato anche per gli utenti meno esperti.
Sul suo sito Internet sono altresì disponibili numerosi video tutorial che illustrano come usare il software passo-passo.

Per scaricare EffeDix sul tuo computer, visita il sito Web del programma e clicca sul collegamento EffeDiX_x.x_setup.zip che trovi in corrispondenza del nome del sistema operativo in uso sul tuo PC, nella sezione dedicata al numero di versione più recente del programma.

A scaricamento ultimato, estrai l’archivio ZIP ottenuto in una cartella di tua scelta e avvia il file .exe contenuto al suo interno.
Nella finestra che a questo punto si apre sul desktop, fai clic sul bottone Next e seleziona la voce I accept the terms in the License Agreement. Dopodiché clicca ancora sul bottone Next per due volte, su quello Install e, per concludere, su Finish.



In seguito, avvia il programma facendo doppio clic sul relativo collegamento che è stato aggiunto sul desktop oppure tramite quello presente nel menu Start.
Tieni presente che, per poter funzionare, EffeDix necessita del Microsoft .Net Framework (la versione differisce a seconda della versione di Windows impiegata).
Per cui, se quando avvii il programma vedi comparire un avviso relativo al fatto che occorre scaricare e installare il componente in questione, acconsenti pure alla cosa.

Una volta visualizzata la finestra del software sullo schermo, serviti dei pulsanti e dei comandi disponibili per inserire la tua funzione.
In alto trovi i menu Oggetti e Tabelle per, rispettivamente, inserire oggetti e tabelle nel grafico, mentre sulla destra ci trovi i bottoni per definire la funzione, quelli per creare una miniatura, per regolare lo zoom ecc.



Tutte le funzioni inserite vengono rappresentate graficamente nell’area al centro della finestra del programma, mentre nella in basso sono visibili in forma scritta dopo aver fatto clic sul bottone Traccia.
Il pulsante Elimina, invece, consente di rimuovere le funzioni immesse.

Se poi vuoi salvare un grafico oppure aprirne uno salvato in precedenza, recati nel menu File situato in alto a sinistra e seleziona l’opzione pertinente da lì.

Graph (Windows)

IMMAGINE QUI 3



Un altro tra i programmi per grafici di funzioni che a parer mio faresti bene a prendere in considerazione è Graph.
È solo per Windows, gratuito e consente di realizzare grafici personalizzati ed esportarli in tutti i principali formati di file grafici (es.
BMP, PNG, ecc.) per visualizzarli o modificarli in altri software.
Supporta la creazione di grafici di relazioni e tante altre funzioni avanzate che torneranno sicuramente utili a studenti e professionisti del settore.

Per effettuarne il download sul tuo PC, visita il sito Internet del software e fai clic sul collegamento SetupGraph-x.x.x.exe (9.6 MB). A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e clicca sul pulsante nella finestra che ti viene mostrata sul desktop.
Successivamente, clicca sul bottone OK per confermare l’uso della lingua Italiana e su quello Avanti per quattro volte consecutive.
Per concludere, premi sui pulsanti Installa e Fine.
Avvia quindi il programma tramite il collegamento che è stato aggiunto al menu Start.

Ora che visualizzi la finestra principale di Graph sulla scrivania, premi sul bottone Chiudi per chiudere il suggerimento del giorno e inizia pure a servirti di Graph per tracciare i tuoi grafici di funzioni mediante i pulsanti appositi collocati sulla barra degli strumenti in alto.
Il grafico, invece, viene rappresentato sulla destra, mentre a sinistra trovi indicati i vari elementi che lo compongono.



Quando e se lo vorrai, potrai salvare il tutto facendo clic sul bottone con il floppy disk in alto a sinistra, mentre per aprire un file relativo a un grafico preesistente ti basterà fare clic sul pulsante con la cartella gialla (sempre in alto a sinistra) e selezionarlo dalla finestra che ti verrà mostrata.

GraphSketch (Online)

IMMAGINE QUI 4

GraphSketch non è propriamente un software per computer, bensì un applicazione online funzionante da qualsiasi browser e sistema operativo in maniera totalmente gratuita.
Consente di creare grafici di funzioni in modo incredibilmente semplice e veloce, i quali possono essere eventualmente scaricati localmente.
È in lingua inglese, ma risulta essere facilmente comprensibile.
Inoltre, non necessita di registrazione.



Per servirtene, collegati alla home page di GraphSketch e scegli la modalità in base alla quale elaborare il grafico, cliccando sull’opzione corretta accanto alla dicitura Mode, in basso.
Compila poi i campi sottostanti la voce Enter Graph Equations con i dati relativi al grafico che vuoi elaborare e quelli sotto la voce Settings per regolarne le impostazioni.

Per generare il grafico, premi poi sul pulsante Plot e potrai visualizzarlo nella parte in alto della pagina.
Se vuoi scaricare il grafico sul tuo computer, clicca sul collegamento Click here to download this graph, fai clic destro sull’immagine visualizzata e seleziona la voce per salvare quest’ultima localmente dal menu contestuale che ti viene mostrato.



Se, invece, vuoi ripristinare i parametri relativi all’equazione, fai clic sul pulsante Reset Equations che trovi in basso, mentre cliccando sul bottone Reset Everything posto accanto puoi reimpostare anche le impostazioni.

App per grafici di funzioni

IMMAGINE QUI 5

Non hai un computer a portata di mano e ti piacerebbe capire se esiste qualche app per per grafici di funzioni da usare su smartphone e tablet?
Detto, fatto! Se sei realmente interessato alla cosa, qui di seguito trovi segnalate tutta una serie di applicazioni per Android e iOS che puoi prendere in considerazione per lo scopo in questione.



  • Calcolatrice Grafica GeoGebra (Android/iOS) – app disponibile per Android e iOS che rappresenta la soluzione ideale per tracciare grafici di funzioni ma anche per calcolare derivate e integrali, risolvere equazioni e determinare i punti speciali delle funzioni.
    È molto facile da usare e ha anche un’interfaccia utente gradevole.
    È gratis.
  • Grapher (Android) – applicazione per soli dispositivi Android che funge da calcolatrice grafica per le equazioni di qualsiasi grado.
    L’interfaccia utente è un po’, per così dire, spartana ma svolge egregiamente il compito a cui è preposta.
    È gratis.
  • Quick Graph (iOS) – app che sfrutta appieno tutte le potenzialità del display touch di iPhone e iPad, grazie alla quale è possibile disegnare grafici di funzioni in 2D e in 3D mediante tutti i sistemi di coordinate standard.
    È gratis ma alcune funzioni extra, come la possibilità di visualizzare più di sei equazioni in contemporanea, vanno sbloccate tramite acquisti in-app (al costo di 3,49 euro una tantum).

Per approfondimenti riguardo alcune delle applicazioni di cui sopra e per scoprire quali altre risorse per device mobile hai a tua disposizione per quel che concerne i calcoli e lo studio della matematica, ti rimando alla lettura della mia guida dedicata specificamente alle app per la matematica.

programmi per internet



programmi per internet

Sei stanco del solito Internet Explorer e vorresti cambiare programma per navigare su Internet?
Hai deciso di aprire il tuo primo blog/sito Web ma non sai a quali software affidarti?
Cerchi un modo per velocizzare la connessione Internet sul tuo PC?
Bene, prenditi dieci minuti di tempo libero e lascia che ti dia una mano a scegliere le soluzioni più adatte alle tue esigenze.

Qui sotto trovi un elenco di programmi per Internet dedicati agli scopi più svariati, dalla navigazione sul Web all’ottimizzazione della connessione, passando per la realizzazione di siti Internet.
Non devi far altro che scegliere quelli che preferisci e cominciare ad usarli per rendere il tuo rapporto con Internet più semplice e divertente.
Si parte!

Browser

Cominciamo questa rassegna di programmi per Internet dai browser, i software che servono per visualizzare siti Web, social network ed applicazioni online.



Quali programmi ti consiglio: come ho avuto modo di dirti in più di una circostanza, attualmente il browser che sintetizza al meglio i pregi fondamentali che deve avere un programma di questo genere – velocità nel caricamento delle pagine, personalizzazione tramite estensioni e compatibilità con gli standard Web – è Google Chrome.
Compatibile con Windows, Mac OS X e Windows, Chrome assicura una velocità di navigazione elevatissima e la possibilità di personalizzare le funzioni del programma con delle estensioni gratuite molto utili.
Per saperne di più, leggi il mio articolo su come personalizzare Google Chrome e dai un’occhiata a questa lista con le migliori estensioni per Google Chrome.

Altri programmi che potrebbero interessarti: I migliori browser; Programmi per navigare in Internet; Programmi per navigare anonimi.



IMMAGINE QUI 1

Posta Elettronica

Adesso passiamo ad altri programmi per Internet fondamentali, quelli per la gestione della posta elettronica.

Quali programmi ti consiglio:
fra i tanti client per la gestione della posta elettronica disponibili attualmente sul mercato, mi sento di consigliarti Mozilla Thunderbird, che presenta svariati vantaggi.
Innanzitutto è gratuito ed open source, il che non è male.
Poi è multi-piattaforma, questo significa che se un giorno dovessi passare da Windows a Mac o Linux, potresti continuare ad usarlo anche sul nuovo sistema operativo senza dover imparare ad usare un altro programma.
Dulcis in fundo, è molto facile da configurare e dispone di numerose estensioni che ne permettono di estendere le funzionalità in accordo con le proprie esigenze.
Se poi non senti la necessità di avere la tua posta sempre a portata di click sul PC e preferisci la flessibilità dei servizi di Web-Mail, allora ti consiglio di iscriverti a Gmail o Virgilio Mail.



Altri programmi che potrebbero interessarti:
Programmi per posta elettronica; Programmi per email; Programmi per Gmail.

IMMAGINE QUI 2



Chat e VoIP

Internet è sinonimo di comunicazione, quindi vediamo subito quali sono i migliori software che ci consentono di rimanere in contatto con i nostri amici e chiacchierare con loro in tempo reale.

Quali programmi ti consiglio:
considerando la chiusura di Windows Live Messenger con il seguente trasferimento della sua rete su Skype, che è anche il miglior client VoIP attualmente disponibile sul mercato, io ti consiglio di usare proprio Skype come programma principale per le tue comunicazioni online, così potrai chattare, videochiamare e telefonare con i tuoi amici in tutto il mondo gratis (se utilizzano anche loro Skype, oppure a prezzi molto vantaggiosi se devi chiamare numeri di telefono “reali”).
Ti ho spiegato tutto in dettaglio nel mio articolo su come chattare su Skype.
Altrimenti c’è la cara vecchia chat di Facebook, che ormai la fa da padrona nell’ambito della messaggistica istantanea.
Leggi la mia guida su come impostare la chat di Facebook per saperne di più.

Altri programmi che potrebbero interessarti:
Programmi per chattare; Programmi per VoIP; Programmi per chiamare gratis.



IMMAGINE QUI 3

Creare siti Internet e Blog

Ti è venuta voglia di aprire un sito Internet o un blog e non sai a quale software affidarti per non rendere questa tua prima avventura online troppo difficile?
Eccoti qualche nome che potrebbe tornarti utile.



Quali programmi ti consiglio:
se vuoi creare un sito Internet di stampo classico, puoi affidarti a KompoZer, un ottimo editor gratuito, open source e multi-piattaforma che permette di realizzare siti Web sia in modalità visuale che in linguaggio HTML.
Ti ho spiegato dettagliatamente come creare un sito utilizzandolo in una guida che ho pubblicato qualche tempo fa.
Se invece hai intenzione di aprire un blog, ti consiglio di cominciare da WordPress, la piattaforma di blogging più flessibile e usata al mondo.
Scopri di che si tratta e come usarla leggendo la mia guida su come creare un blog con WordPress.

Altri programmi che potrebbero interessarti:
Programmi per creare siti Web; Programmi per Blog; Programmi per Webmaster.

IMMAGINE QUI 4



Ottimizzare la connessione Internet

Infine, ecco alcuni programmi che potrebbero aiutarti a rendere un po’ più rapida la connessione Internet sul tuo PC.
Non aspettarti miracoli, ma se c’è qualche impostazione che può essere ottimizzata nel tuo sistema, verrà ottimizzata al meglio.

Quali programmi ti consiglio: il primo tentativo che puoi effettuare per velocizzare la tua connessione Internet è cambiare i DNS che usi per accedere ai siti Web.
I server DNS sono degli “interpreti” che ci consentono di accedere ai siti Internet digitando degli indirizzi facilmente memorizzabili (es.
Google.com) anziché i veri indirizzi dei siti Web, che sarebbero delle complicate sequenze di numeri, quindi usarne alcuni veloci aiuta a migliorare i tempi di accesso ai siti Internet.
Se vuoi scegliere i server DNS migliori per la tua connessione, affidati al programma gratuito DNS Jumper che esegue test personalizzati sulla connessione e imposta i server DNS più veloci per il proprio sistema.
Se invece vuoi agire più a fondo ed ottimizzare tutti i parametri della connessione Internet, puoi provare Auslogics Internet Optimizer che analizza il PC e “spreme” al massimo la configurazione Internet di Windows (te lo consiglio solo se hai una connessione molto lenta anche dopo aver cambiato i DNS).
Puoi trovare tutte le istruzioni necessarie ad utilizzare entrambi i programmi nella mia guida su come velocizzare Internet.



IMMAGINE QUI 5

Altri programmi che potrebbero interessarti: Programmi per velocizzare Internet; Programmi per ottimizzare la connessione Internet; Programmi per DNS.

Ancora qualche programma che potrebbe interessarti…

Se non l’hai già fatto, non dimenticare di dare un’occhiata alla mega-lista di programmi per PC gratis che ho preparato per te qualche tempo fa.
In essa puoi trovare altri programmi per Internet ma anche utilissimi software per la sicurezza informatica, i lavori da ufficio, la visualizzazione di video, l’organizzazione delle foto, la musica e molto altro ancora.
Non perdertela!



programmi per karaoke per mac



programmi per karaoke per mac

Vuoi organizzare una festicciola con i tuoi amici mettendo in scena un bel karaoke sfruttando il tuo Mac, ma non hai la benché minima idea di quali programmi utilizzare per riuscirci?
Non ti preoccupare, in questo posso darti una mano io.
Se mi dedichi qualche minuto del tuo tempo libero, oltre che della tua attenzione, posso infatti indicarti quelli che, a parer mio, rappresentano i migliori programmi per karaoke per Mac attualmente disponibili su piazza.

Contrariamente a ciò che tu possa pensare, ce ne sono davvero tanti e assicurano ore e ore divertimento allo stato puro.
Sono abbastanza semplici da impiegare – anche da parte dei meno esperti in materia e dei neofiti in fatto di nuove tecnologie – e ce ne sono sia di gratuiti che a pagamento.
Puoi usarli per cantare gli ultimi successi musicali del momento oppure le canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana e internazionale.
Insomma, come potrai notare tu stesso, si tratta di soluzioni estremamente versatili.

Allora, posso sapere che cosa ci fai ancora li impalato?
Posizionati bello comodo dinanzi il tuo fido computer a marchio Apple e inizia immediatamente a concentrarti su quanto riportato qui di seguito.
Spero vivamente che alla fine tu possa ritenerti ben contento e soddisfatto di quanto appreso, oltre che delle applicazioni scelte e che, ovviamente, la tua festa sia un successone! Buona lettura e buon divertimento!



Indice

  • MidiCo
  • UltraStar Deluxe
  • QMidi
  • Performous
  • SignSnap
  • Basi per karaoke

MidiCo

IMMAGINE QUI 1

MidiCo è uno dei programmi per karaoke per Mac più avanzati disponibili attualmente su piazza.
Include un potente player di file MIDI e KAR, un controller avanzato delle tracce MIDI dotato di mixer, un completo manager di playlist e naturalmente una funzione di karaoke che visualizza video e immagini mentre sullo schermo del computer scorrono le parole della canzone selezionata.



Il software è a pagamento (costa 29,90 euro), ma è disponibile in una versione di prova gratuita (quella che ho usato io per redigere questo passo) che permette di testarne tutte le funzioni.
L’unica limitazione consiste nel fatto che le tracce si interrompono dopo due minuti.

Per scaricare MidiCo sul tuo Mac, collegati al sito Internet del programma e premi sul pulsante Download.
Nella nuova pagina che si apre, clicca sul bottone Procedi al Download che si trova in alto e attendi che la procedura di download venga portata a termine.



Successivamente, apri il pacchetto .dmg ricavato, trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni di macOS e facci doppio clic sopra per avviare MidiCo.
Se compaiono degli avvisi che ti impediscono di avviare il software, fai clic destro su di esso e seleziona l’opzione Apri per due volte consecutive (in modo da bypassare le restrizioni di macOS nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati).

Ora che visualizzi la finestra principale del software, clicca sul menu Archivio (in alto a sinistra) e seleziona l’opzione Apri file per aprire il file che vuoi usare come base per il karaoke, dopodiché premi sul pulsante Play annesso al player per far partire la riproduzione.
Nella finestra più grande di MidiCo potrai poi visualizzare il testo della tua base.

Sempre tramite il player, puoi gestire il tempo di riproduzione, il numero complessivo di display da usare, puoi creare una playlist di brani e molto altro ancora.
Ovviamente, puoi anche avviare e interrompere la riproduzione del file audio corrente e alzare e abbassare il volume.



Se, invece, desideri personalizzare il colore del testo del karaoke sul display e apportare varie altre modifiche al funzionamento di MidiCo, clicca sul nome del programma che si trova sulla barra dei menu, seleziona la voce Preferenze e regola le impostazioni dell’applicazione come meglio credi, tramite la finestra che si è aperta sulla scrivania.

UltraStar Deluxe

IMMAGINE QUI 2

Un altro tra i programmi per karaoke per Mac di cui desidero parlarti è UltraStar Deluxe:
si tratta di un software o, per meglio dire, di un gioco di karaoke gratuito e open source che ricalca lo stile e il funzionamento di famosi videogiochi musicali, come per esempio SingStar.



UltraStar Deluxe è compatibile non solo con macOS, ma anche con tutti gli altri principali sistemi operativi (Windows e Linux) e include numerose tracce musicali di default.
Altre canzoni possono essere create in maniera libera dagli utenti o scaricate dal sito Internet del progetto.

Per cominciare a usare UltraStar Deluxe, il primo passo che devi compiere è quello di collegarti al sito Internet del programma e fare clic sul collegamento Installer&Launcher, posto in corrispondenza della dicitura macOS.
Nella pagina che successivamente andrà ad aprirsi, fai clic sul pulsante Download Latest Version, in modo tale da avviare il download del programma sul computer.



A scaricamento ultimato, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona del programma nella finestra Applicazioni di macOS, dopodiché facci doppio clic sopra per avviare UltraStar Deluxe. Se compaiono degli avvisi che non ti permettono di avviare il software, fai clic destro su di esso e seleziona l’opzione Apri per due volte consecutive:
in questo modo potrai superare le restrizioni di macOS nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati.

Ora che visualizzi la finestra del software sulla scrivania, regola le impostazioni relative al microfono e fai clic sulla voce Back.
Dopodiché recati nel menu principale (Main Menu) dell’applicazione premendo sul pulsante esc sulla tastiera del tuo Mac e scegli se divertirti con la modalità Sing (quella in cui è possibile cantare soli o con un amico) oppure con quella Party (pensata per più giocatori in contemporanea).

QMidi

IMMAGINE QUI 3



QMidi è un ottimo player di file MIDI e karaoke per Mac che consente di visualizzare i testi delle canzoni sotto forma di video (anche su un monitor secondario) e di regolare in real time i tempi delle canzoni.
Permette inoltre di creare playlist con le proprie canzoni preferite e di riprodurre numerosi tipi di file audio, tra cui i FLAC.

Il software è a pagamento, ma è disponibile in una versione di prova gratuita (quella che ho usato io per redigere questo passo) che consente di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.
Le versioni full del programma sono due:
quella standard (che costa 14,99 euro) e quella Pro (che invece costa 34,99 euro).

Per scaricare QMidi sul tuo Mac, provvedi in primo luogo a collegarti al sito Internet del programma, dopodiché clicca sul collegamento Download QMidi x.x.x che si trova nella parte in basso della pagina e attendi che il download parta in automatico.
Se questo non accade, forzarlo tu facendo clic sulla voce Click here presente nella nuova pagina che si è aperta.



A scaricamento ultimato, apri il pacchetto .dmg appena ottenuto e trascina l’icona di QMidi nella cartella Applicazioni di macOS, dopodiché facci doppio clic sopra per avviare il programma. Se compaiono degli avvisi che ti impediscono di avviare il software, fai clic destro sulla sua icona e seleziona l’opzione Apri per due volte consecutive, per bypassare le restrizioni di macOS nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati.

Nella finestra che a questo punto si apre sulla scrivania, premi sul pulsante Prova per confermare la tua intenzione di utilizzare l’applicazione in versione di prova, appunto, del software.
Successivamente, seleziona il file salvato sul tuo Mac che vuoi usare come base per il tuto karaoke.
La riproduzione del brano verrà immediatamente avviata.



Potrai, dunque, visualizzare il testo del brano nella finestra più grane di QMidi, mentre in quella più piccola troverai tutti i comandi per gestire la riproduzione (Stop, Play ecc.).
Se invece vuoi accedere alle preferenze di QMidi, fai clic sul nome dell’applicazione che trovi sulla barra dei menu, seleziona la dicitura Preferenze e intervieni sulle opzioni annesse alla finestra che si apre.

Performous

IMMAGINE QUI 4

Performous è un altro gioco musicale gratuito che permette di sfoderare le proprie doti musicali in varie pratiche, dal karaoke alla danza, fino al mantenimento del ritmo con dei controller a forma di strumenti musicali.



La versione base del software non include basi musicali ma è possibile scaricare tantissime canzoni gratuitamente dal suo sito Internet ufficiale.
Da notare che è disponibile non solo per Mac, ma anche per Windows e Linux.

Per usarlo sul tuo computer a marchio Apple, collegati al sito Web del programma e clicca sul collegamento bundle posto sotto la voce Mac OS X, in modo tale da dare il via alla procedura di download.

A scaricamento completato, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di Performous nella cartella Applicazioni di macOS, dopodiché avvia il programma facendo doppio clic su di esso. Se compaiono degli avvisi che ti impediscono di avviare il software, fai clic destro su di esso e scegli l’opzione Apri per due volte consecutive, in maniera tale da superare le restrizioni di macOS nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati. Se, invece, ti viene chiesto di concedere all’app i permessi per accedere al microfono, acconsenti pure alla cosa facendo clic sul pulsante OK nella finestra su schermo.



Successivamente, visita la sezione del sito Internet di Performous da cui è possibile prelevare le canzoni gratuite e clicca sul collegamento Download ZIP che trovi in corrispondenza del pacchetto di tuo interesse, in modo tale da avviarne il download. Recati poi nel percorso /Contents/share/games/performous/Songs di macOS ed estrai l’archivio ZIP delle canzoni appena ottenuto in questa posizione.

Tramite la finestra di Performous che nel frattempo si è aperta scrivania, facendo clic sulla voce Gioca, potrai selezionare il brano che vuoi usare per cantare tra quelli proposti e iniziare subito a divertirti.

SignSnap

IMMAGINE QUI 5



Ti suggerisco di dare un’occhiata anche a SingSnap.
Non si tratta di un programma nel senso stretto del termine, bensì di un servizio online funzionante con qualsiasi browser grazie al quale è possibile ascoltare la versione strumentale di tantissimi brani musicali e di cantare usando il microfono del Mac.
Per funzionare, il servizio necessita però di Flash Player (per maggiori info, leggi i miei articoli su come scaricare Flash Player e come attivarlo nel browser).
Di base è gratis ma alcuni contenuti sono a pagamento.

Per servirtene, collegati alla sua pagina iniziale e clicca sulla scheda Sing & Record collocata in alto a sinistra.
Utilizza poi la barra di ricerca Song / Artist per cercare la canzone che vuoi cantare e seleziona il risultato pertinente.
Tra i risultati di ricerca che ti saranno mostrati quelli con l’icona del microfono sono gratuiti, mentre quelli sotto la dicitura Gold sono riservati agli iscritti paganti.



Successivamente, fai clic sul pulsante Sing relativo al brano di tuo interesse, premi sulla voce Create Free Account to record ed effettua la registrazione al servizio facendo clic sul bottone Show Registration Form e compilando il modulo su schermo con le informazioni richieste.

A registrazione ultimata, potrai finalmente cominciare a usare il servizio.
Salta, quindi, il breve tutorial introduttivo che ti viene proposto e autorizza SingSnap ad accedere a microfono e webcam premendo sul pulsante Consenti.
Clicca, dunque, sul bottone Play in basso a sinistra per far partire la base musicale della canzone e visualizzare il testo da cantare.

Potrai poi gestire il livello dell’audio della musica oltre che quello del microfono mediante le apposite barre di regolazione collocate in basso.
Per registrare la tua performance, clicca sul bottone Recording.
A destra, invece, trovi l’inquadratura della webcam e vari pulsanti per applicare divertenti filtri.



Basi per karaoke

IMMAGINE QUI 6

Hai scelto uno dei programmi per karaoke di cui sopra ma non sai da dove prelevare delle basi per cominciare a cantare?
Non c’è problema, posso suggerirti io alcuni siti Internet che puoi sfruttare per lo scopo in questione.
Trovi segnalati quelli che a parer mio rappresentano i migliori della categoria proprio qui di seguito.

  • vanBasco – si tratta di una delle risorse online più popolari al mondo per quel che concerne il download delle basi per karaoke.
    Utilizzando il motore di ricerca integrato che scandaglia a fondo tantissimi database esterni, si possono scaricare gratuitamente migliaia di brani in formato MIDI o KAR.
  • SongService – servizio online che consente di comprare le versioni MIDI, MP3 e spartito di oltre 10.000 canzoni sia italiane che internazionali.
    I prezzi sono abbastanza ragionevoli.
  • Versione Karaoke – celebre portale che consente di scaricare tantissime tracce musicali in versione strumentale a costo zero.
    Le più recenti hit internazionali sono però a pagamento.

Per approfondire il funzionamento dei servizi che ti ho segnalato poc’anzi e per conoscere ulteriori risorse adibite allo scopo, ti invito a leggere la mia guida dedicata in via specifica alle basi per karaoke e il mio post su come scaricare basi musicali.



programmi per masterizzare



programmi per masterizzare

Vorresti creare un DVD di backup per mettere al sicuro alcuni file di lavoro ma non sai quale programma utilizzare?
Devi realizzare un CD audio da ascoltare in auto ma non sai qual è la procedura giusta per riuscirci?
Se la risposta a queste domande è affermativa sono ben felice di comunicarti che sei capitato nel posto giusto al momento giusto. Qui sotto trovi infatti una selezione di quelli che a mio modesto avviso rappresentano i migliori software per masterizzare disponibili attualmente per PC Windows e Mac OS X.

La maggior parte di essi sono gratuiti ma non mancano anche le soluzioni commerciali per chi necessita di programmi più completi (o comunque ha esigenze particolari). Che tu voglia creare un semplice dischetto di dati, clonare un DVD o masterizzare un file immagine che hai scaricato da Internet, troverai sicuramente ciò di cui hai bisogno.
Te l’assicuro.

Come dici?
La cosa ti interessa ma temi di non riuscire ad utilizzare questi strumenti perché non sei molto pratico nell’uso del computer?
Ma non devi preoccuparti, davvero.
Contrariamente alle apparenze ed al di là di quel che tu possa pensare, utilizzare i software per masterizzare che sto per indicarti non è affatto complicato.
Basta solo avere un minimo di attenzione e di concentrazione ed il gioco è fatto, puoi fidarti.
Inoltre, trovi indicate soluzioni per tutti i gusti e per tutte le esigenze ragion per cui dubito che tu non possa essere in grado di utilizzarne almeno uno.



Prenditi dunque qualche istante di tempo libero, mettiti seduto ben comodo e dedicati alla lettura di questo tutorial per scoprire, scaricare e cominciare ad utilizzare i software per masterizzare che ritieni possano fare maggiormente al caso tuo. Sono certo che alla fine potrai dirti soddisfatto e che, addirittura, sarai anche pronto e ben disponibile a consigliare tutti i tuoi amici che necessitano di una dritta analoga.
Detto ciò, mettiamo al bando le ciance e procediamo.

Software per masterizzare su PC Windows

Ashampoo Burning Studio FREE

IMMAGINE QUI 1



Il primo tra i software per masterizzare a cui ti suggerisco di rivolgerti se utilizzi un PC con su installato Windows è senza ombra di dubbio Ashampoo Burning Studio FREE, la versione gratuita di una delle soluzioni per la masterizzazione più popolari degli ultimi anni.
La sua estrema semplicità di utilizzo non deve ingannare, si tratta infatti di un programma ricco di funzioni (anche avanzate) che permette di masterizzare dischi di dati, CD musicali, DVD video e creare/masterizzare file immagine.

Supporta anche la copia 1:1 di CD, DVD e Blu Ray – sebbene non sia in grado di rimuovere le protezioni anticopia dei moderni DVD video – e può essere utilizzato anche per cancellare in maniera sicura i dischi riscrivibili.
Dopo l’installazione, il software va attivato tramite un rapida registrazione da effettuare sul sito Web di Ashampoo.

Per effettuare il download di Ashampoo Burning Studio FREE sul tuo computer fai clic qui.



ImgBurn

IMMAGINE QUI 2

Un altro ottimo programma a cui ti suggerisco di rivolgerti per masterizzare i tuoi dischi è ImgBurn. Si tratta di uno dei più popolari software per masterizzare gratis focalizzato soprattutto sulla copia di CD/DVD e sulla masterizzazione di file immagine in vario formato (ISO e moltissimi altri).



Viene usato spesso per masterizzare giochi o programmi scaricati da Internet ma non è in grado di rimuovere le protezioni anticopia dai DVD video.
Installando un apposito file, è possibile tradurre la sua semplicissima interfaccia dall’inglese all’italiano.

Per effettuare il download di ImgBurn sul tuo computer fai clic qui.

CDBurnerXP

IMMAGINE QUI 3



CDBurnerXP stata una delle prime vere alternative gratuite a Nero (se ben ricordi te ne ho parlato nella mia guida su come scaricare Nero gratis) e rimane tutt’ora uno dei migliori programmi per masterizzare gratis.
Supporta la creazione di CD/DVD/Blu-Ray di dati, CD musicali, DVD video, nonché la creazione e la masterizzazione di file ISO.

È completamente in italiano e dispone di un’interfaccia che, fatta eccezione per il menu iniziale in cui scegliere il disco da creare, è molto simile a quella di Nero e di altre popolari soluzioni commerciali per la masterizzazione.



Per scaricare CDBurnerXP sul tuo computer fai clic qui.

BurnAware Free

IMMAGINE QUI 4

Un altro ottimo programma per masterizzare scaricare gratuitamente ma disponibile anche in versione pay più avanzata che sembra fatto su misura per gli utenti meno esperti è BurnAware Free.
Il software si presenta infatti con un’interfaccia estremamente semplice (e completamente in italiano) in cui basta seguire i passaggi di una procedura guidata per ottenere il proprio CD/DVD/Blu-Ray in men che non si dica.



Supporta la creazione di CD musicali, DVD video, dischi auto-avvianti e gestisce senza alcun problema i dati dei CD/DVD riscrivibili.

Per scaricare BurnAware Free sul tuo computer fai clic qui.



Free Audio CD Burner

IMMAGINE QUI 5

Free Audio CD Burner è di quei classici software che fa una sola cosa ma la fa perfettamente.
In questo caso, parliamo della creazione di CD musicali partendo da file musicali digitali, come gli MP3.

Il programma è totalmente gratuito.
Per utilizzarlo, è sufficiente trascinare nella finestra principale del programma i brani da masterizzare su CD, regolare le impostazioni di masterizzazione (es.
la velocità di scrittura) ed avviare il processo di scrittura del disco.



Per scaricare Free Audio CD Burner sul tuo computer fai clic qui.

Alcohol 120%

IMMAGINE QUI 6



Alcohol 120% è un software di masterizzazione commerciale molto noto.
Anche se non gode più della popolarità di un tempo, resta una delle soluzioni più complete per quel che concerne la masterizzazione dei file immagine.

Include anche una funzione per la creazione di drive virtuali che consente di “montare” i file immagine di qualsiasi formato, crea file immagine da qualsiasi CD/DVD ed è molto facile da utilizzare anche per chi è alle prime armi con il mondo informatico.
Il programma si rivela particolarmente adatto alla masterizzazione di copie di backup dei giochi per console.

Per scaricare Alcohol 120% sul tuo computer fai clic qui.
Il software è disponibile anche in una versione trial che dura 15 giorni ed in una versione gratuita destinata solo ed esclusivamente all’uso personale che puoi ottenere facendo clic qui.



Programmi per masterizzare su Mac OS X

Burn

IMMAGINE QUI 7

Se hai un Mac e stai cercando un software per masterizzare di certo non puoi farti sfuggire Burn.
Si tratta di un programma di masterizzazione compito e totalmente gratuito che risulta dotato di un’interfaccia utente estremamente amichevole ed alla portata di tutto.



Burn fa della semplicità dell’immediatezza di utilizzo il suo punto di forza.
Ogni funzione di questo software risulta infatti estremamente chiara permettendo quindi anche agli utenti alle prime armi di masterizzare DVD.
Il programma presenta anche un menu delle opzioni molto ordinato e privo di opzioni avante.

Per scaricare Bur sul tuo Mac fai clic qui.

LiquidCD

IMMAGINE QUI 8



In un elenco di quelli che sono i migliori software per masterizzare non può certo mancare LiquidCD, almeno non in ambito Mac.
Si tratta di un’applicazione gratuita anch’essa molto semplice da usare e localizzata in lingua italiana che integra anche diverse ed interessanti opzioni avanzate.

Tra le principali funzionalità di questo programma è senz’altro il caso di segnalare quella che permette di costruire una gerarchia virtuale.
Non manca poi la possibilità di aggiungere cartelle, di rinominarne gli elementi, di scegliere un’icona per il disco e quella di decidere quali file saranno visibili su PC e quali su Mac.
Insomma, è un vero e proprio “coltellino svizzero”!



Per scaricareLiquiCD sul tuo Mac fai clic qui.

Roxio Toast Titanium

IMMAGINE QUI 9

Roxio Toast Titanium è un programma che può essere definito tranquillamente come il Nero per Mac.
Si tratta, infatti, di una suite completa ed a pagamento per la masterizzazione che consente di creare qualsiasi tipo di CD, DVD e Blu-Ray e offre funzioni multimediali avanzate per l’editing e la conversione di video.



Crea video per iPhone, iPad e altri dispositivi portatili, condivide video sui social network, registra quello che succede sullo schermo del computer e molto altro ancora.

Per scaricare Roxio Toast Titanium sul tuo Mac fai clic qui.
Da notare che occasionalmente è possibile trovare la suite a prezzo scontato o in versione di prova sul sito Internet di MacUpdate a cui puoi collegarti facendo clic qui.



programmi per modificare foto



programmi per modificare foto

Vorresti tanto migliorare l’aspetto delle tue foto digitali ma non sai a quale programma affidarti?
Stai provando in tutti i modi a cancellare la data impressa dalla macchina fotografica alle tue foto ma non ci riesci?
Bene… anzi, male.
Però non ti preoccupare.
Oggi sono qui per darti una mano e farti scoprire quali sono i programmi per modificare foto più adatti a te.
La scelta, per fortuna, non manca.

Ci sono software per il fotoritocco super-professionali che includono tutte le funzioni possibili e immaginabili; programmi gratuiti, un po’ meno completi, ma ugualmente validi per le operazioni di editing più comuni e – pensa – esistono anche delle applicazioni che permettono di modificare le foto direttamente dallo smartphone o dal tablet.
Ti va di fare la loro conoscenza?
Ti accontento subito.

Elencarle tutte, come facilmente immaginabile, sarebbe impossibile, quindi per il momento mi limiterò a segnalarti quelle che secondo il mio modesto parere offrono un’esperienza utente migliore (sia gratis che a pagamento) e ti spiegherò come utilizzarle.
Coraggio, si può sapere che aspetti?
Prenditi qualche minuto di tempo libero e preparati a trasformare i tuoi scatti peggio riusciti in foto degne di essere mostrate in pubblico.
O quasi.



Adobe Photoshop (Windows/Mac)

IMMAGINE QUI 1

Un articolo dedicato ai programmi per modificare foto non può che cominciare da Photoshop, il software prodotto da Adobe che ormai è diventato sinonimo di fotoritocco anche nel gergo comune.
Photoshop è un prodotto orientato a un pubblico trasversale, dai professionisti agli appassionati di fotografia.
Costa 12,19 euro/mese tramite l’abbonamento alla piattaforma Creative Cloud di Adobe ma è disponibile anche in una versione trial gratuita della durata di 7 giorni, la quale è compatibile con Windows e Mac OS X e non prevede alcun obbligo di acquisto al momento della scadenza.



Per scaricare la versione di prova di Photoshop sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Scarica collocato in alto a destra.
Dopodiché compila il modulo che ti viene proposto indicando il tuo livello di competenza in Photoshop, le finalità per le quali intendi scaricare il software (uso personale o professionale) e la tua occupazione attuale e clicca sul pulsante Registrati per creare il tuo account sulla piattaforma cloud di Adobe.
Non temere, si tratta di un’operazione completamente gratuita che non implica la sottoscrizione del piano Creative Cloud o di altri servizi a pagamento.

Al termine della registrazione, attendi che venga scaricato sul tuo PC il software Creative Cloud, il quale si occupa di scaricare, installare e gestire tutte le applicazioni che fanno parte della suite Creative Cloud di Adobe (come per l’appunto Photoshop) e apri il suo installer (CreativeCloudSet-Up.exe su Windows o CreativeCloudInstaller.dmg > Creative Cloud Installer su Mac).

Creative Cloud si installerà in maniera totalmente automatica, dopodiché ti inviterà ad effettuare l’accesso con il tuo account Adobe (quello che hai creato poc’anzi sul sito dell’azienda) e provvederà a scaricare Photoshop sul computer.
Al termine dell’operazione il software verrà installato senza che tu debba muovere un dito e potrai iniziare ad usarlo per ritoccare le tue foto.



L’interfaccia del software è abbastanza intuitiva, anche se per imparare ad usarlo bene dovrai esercitarti un bel po’.
Sulla sinistra c’è la toolbar con tutti gli strumenti più importanti per la modifica delle foto:
pennello, tavolozza, strumenti di selezione/ritaglio e quant’altro.
In alto ci sono i menu del programma con i filtri, gli strumenti di gestione dei file (Apri, Nuovo, File recenti ecc.) e le funzioni di modifica (ritaglio, ridimensionamento ecc.).
Sulla destra, infine, ci sono dei pannelli che consentono di gestire i livelli, modificare i colori e regolare altri parametri avanzati dell’immagine.

Se vuoi imparare a photoshoppare le foto leggi il mio tutorial sull’argomento:
una pratica guida in cui ti ho illustrato tutte le funzioni più importanti del software Adobe.
Ti assicuro che, con un po’ di pratica, anche tu riuscirai ad ottenere risultati di buonissimo livello.



GIMP (Windows/Mac/Linux)

IMMAGINE QUI 2

GIMP è un eccellente software per il fotoritocco gratuito e open source.
Viene definito da molti come la migliore alternativa free a Photoshop, e infatti le sue funzioni sono comparabili a quelle del famosissimo software Adobe (che però continua ad essergli superiore in moltissimi aspetti).

Oltre che con Windows, GIMP è compatibile anche con Mac OS X e Linux.
Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al suo sito Internet ufficiale e clicca sul pulsante Download GIMP xx directly.
Dopodiché apri il file gimp–2.xx-setup.exe che hai appena scaricato e completa il processo d’installazione del programma cliccando prima su e poi su OK, Installa e Fine.



Se utilizzi un Mac, la procedura che devi seguire è ancora più semplice.
Non devi far altro che scaricare GIMP sul tuo computer cliccando sulla voce follow this link, aprire il pacchetto dmg che contiene il software ed estrarre la sua icona nella cartella Applicazioni di OS X.
Solo la prima volta, per avviare il programma potrebbe essere necessario cliccare con il tasto destro del mouse sulla sua icona e selezionare la voce Apri dal menu che compare.

L’interfaccia di GIMP è abbastanza simile a quella di Photoshop.
È suddivisa in tre moduli:
sulla sinistra c’è una toolbar con tutti gli strumenti più importanti (tavolozza dei colori, pennelli, selezione, timbro ecc.); al centro ci sono l’immagine da modificare, il menu con i filtri e i comandi per la gestione dei file, mentre sulla destra ci sono dei riquadri per la gestione dei livelli e dei pennelli.



Se vuoi saperne di più sul funzionamento del software e vuoi imparare ad usare GIMP al meglio, consulta il tutorial che ho dedicato a quest’ultimo.

Picasa (Windows/Mac/Linux)

IMMAGINE QUI 3

Se i software come Photoshop e GIMP ti sembrano un po’ troppo avanzati per quelle che sono le tue esigenze, puoi provare a ritoccare le tue immagini con Picasa, un software gratuito per la gestione delle foto digitali prodotto da Google.



Picasa è compatibile con Windows, Mac OS X e Linux e permette di organizzare le proprie foto in un’unica libreria di facile utilizzo.
Oltre a ciò, consente di visualizzare tutti i principali formati di file grafici e corregge rapidamente tutti gli errori più comuni delle foto digitali:
occhi rossi, scarsa luminosità, colori non bilanciati ecc.
Include vari filtri in stile Instagram e permette anche di creare collage:
tutto in pochissimi click.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al suo sito Internet ufficiale e clicca sul pulsante Scarica Picasa che si trova al centro dello schermo.
Dopodiché apri il file picasaxx-setup.exe che hai appena scaricato e clicca prima su e poi su Accetto, Installa e Fine per concludere il setup.
Ricordati di togliere la spunta dalla voce relativa all’invio di statistiche anonime sull’utilizzo del software a Google se non vuoi attivare questa funzione.



Su Mac, il processo d’installazione del programma è ancora più semplice.
Non bisogna far altro che aprire il pacchetto dmg che contiene Picasa e trascinare l’icona di quest’ultimo nella cartella Applicazioni di OS X.

Al suo primo avvio, Picasa chiede di selezionare delle cartelle da usare come base della sua libreria fotografica e permette di scegliere quali formati di file aprire direttamente con esso.
Una volta importate le foto nella tua libreria, potrai modificarle semplicemente facendo doppio click sulle loro miniature e utilizzando gli strumenti disponibili nella barra laterale di sinistra.

Pixelmator (Mac/iOS)

IMMAGINE QUI 4



Adesso voglio parlarti di Pixelmator, uno dei migliori programmi per modificare foto disponibili su Mac.
Costa 29,99 euro ma il suo prezzo – non propriamente contenuto – è giustificato da un perfetto bilanciamento tra funzionalità e semplicità di utilizzo.

Non è allo stesso livello di Photoshop (non lo è quasi nessun software), mentre se la gioca abbastanza alla pari con GIMP offrendo, rispetto a quest’ultimo, un’interfaccia decisamente più “amichevole” e accattivante sotto il punto di vista estetico.



Anche in questo caso abbiamo un’area di lavoro suddivisa in tre parti:
sulla sinistra la barra con gli strumenti di fotoritocco più importanti (pennelli, tavolozza, selezione ecc.), al centro l’immagine da modificare e sulla destra dei pannelli per la gestione dei livelli e l’applicazione dei filtri.

Prima di acquistarlo, puoi provare il software gratuitamente per un periodo di 30 giorni.
Basta scaricare la trial disponibile su questo sito e copiarla nella cartella Applicazioni di OS X.

Pixelmator è disponibile anche sotto forma di applicazione per iPhone e iPad.
Costa 4,99 euro e lo puoi trovare direttamente sull’App Store.



VSCO Cam (Android/iOS)

IMMAGINE QUI 5

Ti piacerebbe poter modificare le tue foto direttamente sullo smartphone, dopo averle scattate?
Beh, se le applicazioni incluse “di serie” in Android e iOS non ti soddisfano potresti provare VSCO Cam.



VSCO Cam è una app gratuita per Android e iPhone che permette di applicare bellissimi filtri à la Instagram alle foto e di regolare in maniera dettagliata tutti i parametri delle immagini digitali:
colori, luminosità, luci, ombre ecc.
Se ben utilizzata, permette di trasformare anche il più insignificante degli scatti in un piccolo capolavoro!

Per scaricare VSCO Cam, rivolgiti direttamente allo store del tuo telefonino.
Al termine del download, avvia dunque l’applicazione, premi sul pulsante + presente nella sezione Libreria e scegli l’immagine da ritoccare.

Dopodiché premi il pulsante , fai doppio tap sulla foto da modificare (che nel frattempo sarà comparsa nella libreria di VSCO Cam) e premi sull’icona delle barre di regolazione per accedere alla lista dei filtri inclusi nella app (altri si possono acquistare separatamente con dei micro-pagamenti).



Per applicare un filtro, seleziona la sua anteprima dalla parte bassa dello schermo.
Dopodiché premi sulla freccia nera situata nella barra bianca e seleziona l’icona della chiave inglese per modificare luminosità, contrasto, ombre, luci e altre proprietà avanzate dell’immagine.

Quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, premi su , seleziona l’icona del cerchio che si trova in basso a destra e scegli se salvare la foto nel rullino o se condividerla sui social network.



Autodesk Pixlr (Web)

IMMAGINE QUI 6

Esistono anche dei servizi online che permettono di modificare le foto direttamente dal browser, senza ricorrere ad alcuna applicazione particolare.
Uno di questi è Autodesk Pixlr, che è completamente gratuito e include tre formidabili strumenti.

  • Pixlr Editor che ricalca l’interfaccia di Photoshop e offre tantissimi strumenti per la modifica delle foto.
  • Pixlr Express che permette di modificare le foto più facilmente, con un approccio in stile Instagram.
  • Pixlr-O-matic che invece permette do scattare foto con la webcam e personalizzarle con vari tipi di effetti e cornici.

Per saperne di più e scoprire come modificare foto online, leggi il mio tutorial sull’argomento.
Lì troverai anche tanti altri servizi Web che permettono di modificare le immagini digitali direttamente dal browser.



programmi per nascondere cartelle



programmi per nascondere cartelle

Sei una persona amante della privacy e sei intenzionato a fare di tutto per evitare che le altre persone che utilizzano il tuo computer ficchino il naso nei tuoi file e nelle tue cartelle.
Proprio per questo motivo sei alla ricerca dei migliori programmi per nascondere cartelle in modo tale da celare agli altri i tuoi file personali.

Beh, se le cose stanno proprio in questo modo e ti ritrovi in questa situazione citata (oppure la tua è una situazione simile), immagino che tu non sia particolarmente esperto nell’utilizzo del computer e che tu abbia bisogno il mio aiuto.
Niente paura:
sono pronto a darti i miei esperti consigli in merito.

Nascondere cartelle su computer Windows e Mac è assolutamente possibile e in più, la maggior parte delle volte, è facilissimo.
Se hai intenzione di rivolgerti all’utilizzo di programmi, in modo tale da avere a disposizione uno o più strumenti completi di funzionalità, allora in questo tutorial troverai ciò che stai cercando.
Mettiti seduto comodo e prenditi qualche minuto di tempo libero:
leggi le istruzioni che ti fornirò passo dopo passo e non potrai sbagliare.
Ti auguro una buona lettura e un buon “lavoro”.



Indice:

  • Hide Folders (Windows)
  • HiddenDIR (Windows)
  • Free Hide Folder (Windows)
  • My Folder to My Computer (Windows)
  • LocK-A-FoLdeR (Windows)
  • Secret Folder (macOS)
  • Hide Folders (macOS)

Hide Folders (Windows)

IMMAGINE QUI 1

Tra i migliori programmi per nascondere cartelle che ti consiglio di utilizzare vi è il software gratuito Hide Folders.
Si tratta di un efficiente programma che permette di nascondere le cartelle che includono dati sensibili o privati.
Le cartelle che vengono nascoste non sono accessibili, visualizzate e non possono essere cercate o cancellate da altri utenti.



Ho scelto di indicarti questo software anche dal momento in cui può essere utilizzato gratuitamente per uso personale e commerciale e non presenta limitazioni sul numero di cartelle che è possibile nascondere con il suo utilizzo.

Hide Folders è inoltre uno dei programmi per nascondere cartelle più efficaci e semplici da usare disponibili per Windows.
Utilizzarlo è semplicissimo:
una volta installato si potrà notare la sua interfaccia semplice e intuitiva:
basta selezionare le cartelle da rendere invisibili premendo sul pulsante Add Folder ed eventualmente applicare una password di protezione al programma (pulsante Password) per evitare modifiche non autorizzate delle sue impostazioni.
Per rendere nuovamente visibile una cartella basta premere sul pulsante Unhide.



Tieni presente che si tratta comunque di un programma dotato di funzionalità basilari e che quindi può essere considerato un punto di partenza per chi vuole nascondere cartelle presenti sul proprio computer.

Inoltre le cartelle nascoste con questo software non possono essere scoperte né attivando la visualizzazione dei file nascosti su Windows né cancellando il programma dal computer.
Funziona con tutte le versioni di Windows e supporta i file system FAT32, NTFS e FAT.

Per scaricare Hide Folders collegati sul suo sito Internet ufficiale e premi sul collegamento Click Here to download.



HiddenDIR (Windows)

IMMAGINE QUI 2

HiddenDIR è un altro ottimo programma per nascondere cartelle che, utilizzabile gratuitamente su computer Windows, è caratterizzato da un’estrema semplicità di utilizzo.
In questo caso si tratta di un programma molto leggero e di piccole dimensioni, pensato per non occupare tanto spazio sul computer.



Per sfruttare le sue potenti capacità, infatti, basta scaricarlo e avviarlo e poi andare manualmente a selezionare le cartelle da rendere invisibili tramite il pulsante Hide.

Questo software non richiede alcun tipo di installazione e può essere quindi utilizzato anche per nascondere cartelle presenti su dischi di archiviazione esterni come chiavette USB.
Per rendere nuovamente visibile una cartella nascosta basta premere sul pulsante Unhide.

Il software può essere protetto con una password (pulsante Password), in modo che gli utenti non autorizzati non possano modificarne le impostazioni, e funziona indipendentemente dalle impostazioni del sistema.



Questo significa che anche se si attiva la visualizzazione dei file nascosti predefinita di Windows, le cartelle rimangono invisibili finché non si sbloccano dall’interno di HiddenDIR.

Se vuoi incominciare a utilizzare HiddenDIR scarica dal sito Internet ufficiale questo programma premendo sul pulsante Download situato in basso.



Free Hide Folder (Windows)

IMMAGINE QUI 3

Come si può evincere abbastanza facilmente dal suo nome, Free Hide Folder è un programma gratuito per computer Windows che permette di nascondere una o più cartelle rendendole invisibili agli occhi indiscreti.

Anche in questo caso ti troverai davanti ad un software di piccole dimensioni che, sebbene richieda un’installazione di base, si presenta in forma compatta e risulta estremamente facile da usare anche per gli utenti meno esperti, nonostante la sua interfaccia utente sia in lingua inglese.



Una volta che l’avrai scaricato e installato prelevandolo dal suo sito Internet ufficiale ti basterà impostare una password per proteggere le impostazioni del programma e poi selezionare le cartelle da nascondere premendo sul pulsante Add.

È inoltre assolutamente degna di nota la funzionalità chiamata Backup implementata in maniera nativa in questo software.
Tale strumento permette di effettuare il backup dei dati contenuti presenti all’interno di una cartella che si desidera nascondere.



Questo software funziona correttamente su tutte le versioni principali di Windows e supporta le partizioni formattate con i file system più comuni.
Le cartelle rese invisibili con questa applicazione rimangono tali anche se si attiva la visualizzazione dei file nascosti su Windows.

Per incominciare a utilizzare Free Hide Folder scaricalo dal sito Internet ufficiale facendo clic sulla voce Download and use for free.

My Folder to My Computer (Windows)

IMMAGINE QUI 4



Restando sempre in ambito Windows, tra i programmi che ti consiglio di utilizzare per nascondere cartelle vi è My Folder to My Computer.
Si tratta di un programma molto originale che permette di camuffare le proprie cartelle in elementi di sistema.

Questo significa che è possibile prendere qualsiasi cartella del PC e trasformarla in un finto collegamento a Risorse del computer oppure renderla simile ad un’altra cartella di sistema la quale, per sua natura, non dà nell’occhio.



Ma la protezione non finisce qui:
oltre al camuffamento, My Folder to My Computer provvede anche a bloccare gli accessi non autorizzati alle cartelle nascoste, assegnando loro una password senza l’inserimento della quale non si possono aprire.

Inoltre, nel caso in cui si dimenticasse la password e si volesse recuperarla, si dovrà fornire una risposta alla domanda segreta precedentemente impostata.

Per utilizzare questo programma, una volta scaricato e installato, dovrai aggiungere le cartelle da camuffare e poi premere sul pulsante Convert.
Per ripristinare una cartella dovrai premere sul pulsante Revert a converted folder.



Puoi scaricare questo programma facendo clic su questo link e premendo sul pulsante Download Now.

LocK-A-FoLdeR (Windows)

IMMAGINE QUI 5



LocK-A-FoLdeR è un programma per nascondere cartelle molto leggero e gratuito oltre ad essere semplice da usare che offre le stesse funzioni di altre soluzioni simili presenti in questa rassegna di applicazioni.

Utilizzandolo, è infatti possibile selezionare una o più cartelle da rendere invisibili ed impostare una password di protezione per impedire che persone non autorizzate possano bloccare o sbloccare cartelle a proprio piacimento.

La sua interfaccia utente è intuitiva anche se in lingua inglese e di conseguenza, dopo averlo scaricato e installato, ti verrà richiesta per prima cosa di impostare una Master Password.



Dopodiché potrai nascondere le cartelle di tuo interesse premendo sul pulsante Lock a Folder.
Per ripristinare una cartella nascosta bisogna invece premere sul pulsante UnLock selected Folder.

Questo software funziona con tutte le principali versioni di Windows ed impedisce la visualizzazione delle cartelle nascoste anche se si abilita la visualizzazione dei file nascosti su Windows. Puoi scaricare questo software tramite questo sito Internet e premendo sul pulsante Download Now.



Secret Folder (macOS)

IMMAGINE QUI 6

Secret Folder è un programma che ti consiglio di utilizzare su Mac e che si presenta utilizzabile gratuitamente sotto forma di versione di prova.
È però disponibile all’acquisto anche nella versione a pagamento il cui costo è di 19,95 euro.

L’interfaccia utente di questo software è semplice e minimale e, anche grazie alla presenza della lingua italiana, sono sicuro che non avrai problemi ad utilizzarlo.



Tutto ciò che devi fare, per nascondere le cartelle, è premere sul pulsante (+) e poi scegliere le cartelle o i documenti da nascondere.
Per rendere nascosta la cartella selezionata ti basterà poi spostare su Invisibile la dicitura che vedrai a schermo.
Per ripristinare i file nascosti sposta su Visibile la levetta presente a schermo.

Se lo desideri, puoi apporre il segno di spunta in corrispondenza della voce Richiedi Password per impostare un livello aggiuntivo di sicurezza.
Per utilizzare questo software, scaricalo dal suo sito Internet ufficiale.



Hide Folders (macOS)

IMMAGINE QUI 7

Hide Folders è un software altrettanto intuitivo che permette di nascondere file e cartelle sui computer Mac.
Questo programma è scaricabile in maniera del tutto gratuita e per utilizzarlo, una volta scaricato e installato, ti basterà trascinare i file o le cartelle da nascondere al centro della schermata del programma.

Fatto ciò, potrai vedere apparire a schermo la voce Nascondi:
ti basta quindi fare clic su di essa per nascondere in un batter d’occhio i singoli file o cartelle (puoi anche selezionare tutti i documenti contenuti all’interno di Hide Folders) e nasconderli a tempo record premendo sul pulsante citato.



Per ripristinare i file o le cartelle nascosti, premi sul pulsante Mostra.
Per utilizzare questo software, scaricalo dal suo sito Internet ufficiale.

programmi per oscurare i volti nelle foto



programmi per oscurare i volti nelle foto

Nella tua ultima gita fuori porta, hai scattato delle foto fantastiche.
Peccato, però, che in alcune di esse siano presenti passanti e altre persone di cui è chiaramente visibile il volto:
questo ti impedisce di pubblicarle sui social network, visto che non hai avuto modo di chiedere loro il consenso di pubblicarle online.
Non preoccuparti:
puoi sempre censurare i loro volti e condividere le foto in questione.

Se mi dedichi qualche minuto del tuo tempo libero, posso illustrarti il funzionamento di alcuni programmi per oscurare i volti nelle foto che sono davvero semplici da utilizzare.
E ti dirò di più:
alcuni di essi sono completamente gratuiti! Nel caso tu voglia agire direttamente da uno dei tuoi dispositivi mobili, inoltre, troverai utili le app che ti elencherò nell’ultima parte di questa guida.

Allora, sei pronto per iniziare?
Sì?
Benissimo! Mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti occorre per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, attua le “dritte” che ti darò.
Sono sicuro che, grazie ai miei suggerimenti, non avrai il benché minimo problema nel censurare i volti presenti nelle tue foto.
Ti auguro buona lettura e, soprattutto, buon divertimento!



Indice

  • GIMP (Windows/macOS/Linux)
  • Photoshop (Windows/macOS)
  • IrfanView (Windows)
  • FacePixelizer (Online)
  • App per oscurare i volti nelle foto

GIMP (Windows/macOS/Linux)

IMMAGINE QUI 1

Come ti accennavo nell’introduzione di quest’articolo, per oscurare i volti nelle foto non bisogna necessariamente ricorrere a programmi di photo editing costosissimi, visto che ce ne sono diversi validi disponibili a costo zero.
Mi riferisco ad esempio a GIMP, che è considerato la migliore alternativa gratuita e open source a Photoshop (di cui ti parlerò più avanti) e, come tale, permette di modificare le foto digitali in tutti i modi possibili e immaginabili.
Per quanto riguarda la censura dei volti nelle immagini, ci si può affidare a uno dei tanti filtri per le sfocature inclusi nell’applicazione, che è in italiano ed è disponibile per tutti i principali sistemi operativi:
Windows, macOS e Linux.
Scopriamo subito come adoperarlo al meglio.



Tanto per cominciare, provvedi a scaricare GIMP sul tuo PC: collegati al sito Web del programma, premi sul bottone rosso Download x.xx.x e poi fai clic sul pulsante arancione Download GIMP x.xx.x directly. Apri, dunque, il file d’installazione che hai ottenuto e segui la procedura guidata che compare a schermo per completare il setup.

Su Windows, ad esempio, devi premere sui bottoni  e poi su OK, Installa e Fine. Se usi un Mac, invece, devi trascinare l’icona di GIMP nella cartella Applicazioni di macOS e poi fare clic destro sull’icona del software e selezionare la voce Apri dal menu che compare per due volte di seguito (questa procedura, che va fatta soltanto al primo avvio del software, serve a “bypassare” le restrizioni applicate da Apple verso i programmi provenienti da sviluppatori non certificati).



Una volta installato e avviato GIMP, puoi finalmente provvedere a oscurare i volti presenti in una foto.
Tanto per cominciare, seleziona la voce Apri… dal menu File e scegli la foto da importare nel programma (volendo, puoi anche trascinarla direttamente nella finestra principale di GIMP).
Dopodiché fai clic sullo strumento di selezione ellittica dal pannello degli strumenti situato sulla sinistra e disegna un cerchio su uno dei volti che vuoi oscurare.

Fatta questa prima operazione, apri il menu Filtri, seleziona la voce Sfocatura e seleziona la tipologia di sfocatura che più preferisci (es.
Effetto pixel).
Nella finestra che si apre, modifica eventualmente l’applicazione dell’effetto “pixellato” e premi sul bottone OK per applicarlo alla selezione fatta precedentemente.

Ora non devi fare altro che ripetere i passaggi che ti ho appena indicato per tutti gli altri volti presenti nella foto e il gioco è fatto.
A lavoro ultimato, salva l’immagine di output recandoti nel menu File, seleziona poi la voce Salva come… e indica il formato e la cartella di destinazione in cui salvare l’immagine ritoccata.
Se vuoi avere maggiori informazioni sul funzionamento generale di GIMP, dai un’occhiata alla guida che ti ho appena linkato.



Photoshop (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 2

Essendo il miglior programma di fotoritocco al mondo, Photoshop permette anche di oscurare i volti nelle foto.
Come forse già saprai, il software è a pagamento (bisogna sottoscrivere un abbonamento che parte da 12,19 euro/mese per utilizzarlo) ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 7 giorni (come ti ho già spiegato in un’altra guida) ed è compatibile sia con Windows che con macOS.



Dopo aver avviato Photoshop sul tuo computer, seleziona la voce Apri dal menu File e importa la foto che vuoi ritoccare.
Dopodiché richiama lo strumento per la selezione ellittica facendo clic destro sullo strumento Selezione rettangolare e selezionando la voce strumento Selezione ellittica dal menu che si apre.

Disegna, dunque, un’ellisse intorno alla faccia delle persone di vuoi oscurare i volti (tenendo premuto il tasto Shift sulla tastiera), poi recati nel menu Filtro > Sfocatura e clicca sulla voce Controllo sfocatura.
Nella finestra che si apre, seleziona il grado di sfocatura che vuoi applicare spostando il cursore situato vicino alla voce Raggio e premi sul bottone OK per confermare l’operazione e applicare la sfocatura ai volti selezionati.

A lavoro ultimato, seleziona la voce Salva con nome… dal menu File di Photoshop e salva l’immagine di output nel formato e nella posizione che più preferisci.
Per maggiori informazioni su come usare Photoshop e su come censurare una foto con Photoshop, leggi gli approfondimenti che ti ho linkato.



IrfanView (Windows)

IMMAGINE QUI 3

IrfanView è uno dei migliori visualizzatori di immagini disponibili per Windows.
Si tratta di un programma completamente gratuito che ha basato gran parte del suo successo sulle sue performance – è velocissimo nell’aprire tutti i principali formati di file grafici – e alle sue tantissime funzioni.
Integra, infatti, una vastissima gamma di strumenti per l’editing delle immagini che permettono, tra le altre cose, di oscurare i volti nelle foto con effetti di sfocatura e pixellatura.



La prima operazione che devi fare per oscurare volti con IrfanView è quella di scaricare il programma sul tuo computer:
collegati, quindi, al suo sito Internet ufficiale, premi sul pulsante Download, seleziona la voce 32-bit o 64-bit dal menu che si apre (in base alla versione di Windows in uso sul tuo PC) e, nella pagina che si apre, premi sul primo link Download IrfanView-xx e poi sul bottone Download Now. A scaricamento completato, apri il file .exe appena scaricato e porta a termine la procedura d’installazione premendo prima sul bottone , poi su Avanti per quattro volte di seguito e infine su Done.

Adesso, apri il menu File, seleziona la voce Open… e scegli la foto che vuoi ritoccare.
A questo punto, disegna un quadrato o un rettangolo su uno dei volti che vuoi censurare, seleziona la voce Effects > Pixelize dal menu Image di Irfanview per applicare l’effetto “pixellato”.
Per modificare il grado di applicazione dell’effetto, recati di nuovo nel menu Image, seleziona le voci Effects > Effects browser… e, dopo aver selezionato l’effetto Pixelize dalla barra laterale posta sulla sinistra, regola l’applicazione dell’effetto mediante l’apposita barra di regolazione.

A lavoro ultimato, premi sul bottone OK e salva l’immagine di output:
pigia sull’icona del floppy disk presente nella barra degli strumenti di Irfanview (in alto a sinistra) e, nella finestra che si apre, seleziona il formato e la posizione in cui salvare l’immagine.
Per maggiori informazioni su come usare Irfanview per censurare le foto, leggi la guida che ti ho linkato.



FacePixelizer (Online)

IMMAGINE QUI 4

Sapevi che esistono anche dei programmi per oscurare i volti nelle foto online?
Nella fattispecie, si tratta di applicazioni Web utilizzabili direttamente nel browser che sono alquanto semplici da utilizzare e, spesso, gratuite al 100%.
Uno di questi è FacePixelizer, un servizio ad hoc per la censura delle foto che svolge in modo egregio il suo lavoro.
Utilizzarlo è semplicissimo:
basta collegarsi con qualsiasi browser alla sua pagina principale, caricare la foto in cui sono presenti i volti da censurare, disegnare con il mouse una selezione intorno alla faccia dei soggetti ritratti e cliccare sull’apposito pulsante per salvare il risultato ottenuto.



Per servirtene, dunque, collegati alla home page del servizio e trascina la foto che vuoi ritoccare nel box Drop Images File Here.
Ora non devi fare altro che disegnare un rettangolo o un quadrato sui volti che vuoi oscurare e, come per “magia”, questi verranno censurati all’istante con il classico effetto “pixellato”.
Quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, premi sul bottone Save Image per scaricare la foto di output.

Volendo, puoi anche modificare la tipologia di pixellatura applicata:
non devi far altro che mettere il segno di spunta sulla voce Manual (sulla barra laterale di sinistra) e poi regolare l’applicazione dell’effetto o sceglierne uno differente (es.
Blur per sfocare l’immagine o Solid per annerirla).

App per oscurare volti nelle foto

IMMAGINE QUI 5



Come ti accennavo nell’introduzione dell’articolo, ci sono anche varie app per oscurare volti nelle foto che sono utilizzabili direttamente dallo smartphone o dal tablet.
Eccone qualcuna che può fare al caso tuo.

  • Obscura Cam (Android) — si tratta di un’applicazione che permette di oscurare foto già salvate in Galleria o, addirittura, di oscurare foto scattate al momento.
    Permette di scegliere tra vari effetti di censura, tra cui quello che aggiunge l’effetto pixel gli scatti.
  • Point Blur (Android) — è un’app gratuita che permette di sfumare i volti presenti nelle foto in modo  facile, veloce e gratuito.
    Permette di selezionare la grandezza del pennello da utilizzare e di scegliere tra vari effetti di sfocatura, così da ottenere il risultato desiderato.
  • Sfocatura foto gratis (iOS) — se cerchi un’app che sia gratuita al 100% da utilizzare su iPhone e iPad, questa è quella che fa al caso tuo.
    Permette di sfocare le foto e censurare volti e oggetti in pochi tap.
  • Censore foto (iOS) — quest’app gratuita fa della semplicità il suo vero punto di forza.
    Permette di censurare le foto in maniera facile utilizzando una “gomma” virtuale che nasconde i volti applicando l’effetto “pixellatura”.
    Pur essendo utilizzabile gratuitamente, per condividere i propri scatti bisogna sbloccare l’apposita funzione, che è disponibile come acquisto in-app da 1,09 euro.

programmi per pc gratis



programmi per pc gratis

Hai da poco acquistato un nuovo computer e provi un’immensa gioia nell’avere tra le mani il tuo gioiellino di tecnologia nuovo di zecca.
Finalmente potrai utilizzarlo per fare tutto ciò che vorrai:
giocare, lavorare, navigare su Internet e tanto altro ancora.

Stai già pregustando questo momento ma ti è appena venuto in mente che, dal momento in cui hai cambiato PC, tutti i programmi che utilizzavi sono rimasti su quello vecchio.
Ti capisco; quando si acquista un computer, la gioia di avere fra le mani un PC nuovo si scontra spesso con la seccatura di dover scaricare nuovamente tutti i programmi, oltre che copiare tutti i file dal computer precedente.
Posso immaginare quindi che la cosa possa non andarti così tanto a genio; in realtà dovresti davvero pensare a vedere il lato positivo della cosa.
Pensa infatti che, l’acquisto di un nuovo computer è in realtà un’occasione da sfruttare in maniera produttiva:
potrai così sostituire tutti software obsoleti che usavi prima con alternative migliori.
Gratuite, possibilmente.

Se hai acquistato un nuovo computer con sistema operativo Windows 10 vedrai che sarai ben felice di scoprire come la tecnologia si è evoluta:
vi sono ormai tantissimi programmi per PC gratuiti che ti permetteranno di sfruttare a pieno il tuo computer.
Come dici?
La questione ti sembra interessante e vorresti saperne di più?
Allora il mio consiglio è quello di prenderti qualche minuto di tempo libero.
In questa mia guida ti elencherò quali sono i migliori programmi per PC che potrai scaricare in maniera del tutto gratuita.
Sei pronto?
Benissimo, allora iniziamo!



Programmi per PC gratis – Produttività

IMMAGINE QUI 1

Seguendo il detto secondo cui viene prima il dovere e poi il piacere, direi di incominciare questa rassegna di programmi per PC gratis partendo con i migliori software per la produttività; ovvero quelli che ti aiuteranno a svolgere i lavori da ufficio ma anche di gestire i file contenuti in archivi compressi.



In quest’ottica, quindi, tra i programmi gratuiti per la produttività che ti consiglio vi è LibreOffice.
Se ti serve un software per PC che ti permetta di redigere documenti, sviluppare fogli di calcolo e realizzare presentazioni, LibreOffice è uno tra le soluzioni migliori su cui puoi fare completo affidamento.
LibreOffice è infatti un programma gratis per PC degno di nota come valida alternativa gratuita e open source a Microsoft Office, noto pacchetto di software per la produttività di casa Microsoft.
LibreOffice offre infatti strumenti del tutto simili a Microsoft Office, è completamente in italiano ed è perfettamente compatibile con i file di quest’ultimo.
Altrettanto software degno di nota è OpenOffice, software per la produttività gratuito che offre le stesse funzioni di LibreOffice.

LibreOffice e OpenOffice si caratterizzano inoltre per il loro pieno supporto ai file PDF.
Entrambi i software ti permettono infatti di creare PDF o di modificare PDF esistenti.
A questo proposito, se sei interessato a un software per la lettura di file PDF, ti segnalo la possibilità di scaricare il software gratuito Sumatra PDF:
si tratta di un programma estremamente leggero per cui esiste anche la versione portatile che non necessita di installazione.

Quanto ai file PDF, LibreOffice permette di crearne di nuovi e modificare quelli già esistenti (leggi la mia guida su come scrivere su un file PDF per saperne di più).
In alternativa, sempre per la lettura di file PDF, puoi anche rivolgerti a Adobe Acrobat Reader, noto software per la lettura di PDF che puoi scaricare in maniera del tutto gratuita.



Passando alla gestione degli archivi compressi (zip, rar, 7z, ecc.) il mio consiglio è quello di affidarti a 7-Zip, un programma leggerissimo e completamente in italiano che consente di creare archivi ZIP e 7Z oltre a permetterti di aprire tutti i principali formati di archivi compressi, dai classici file zip ai file rar passando per i file divisi in più parti.

Programmi per PC gratis – Sicurezza e manutenzione

IMMAGINE QUI 2



Prima di addentrarti nel vasto mondo di Internet e passare al lato più ludico delle attività che si possono fare utilizzando computer, diamo un’occhiata a quelli che sono i migliori programmi per PC gratis che ti serviranno per mantenere Windows al sicuro dai virus.
Inoltre voglio segnalarti alcuni programmi che ritengo utili per la pulizia del computer:
potrai così evitare che il sistema operativo subisca dei rallentamenti in seguito all’utilizzo.
Voglio quindi parlarti dei software gratuiti per la sicurezza e la manutenzione del PC.

Per difendere correttamente il tuo computer da virus, spyware e malware devi assolutamente scaricare un software antivirus.
Proteggere il proprio computer non è una cosa da sottovalutare:
i virus potrebbero compromettere il corretto funzionamento di Windows.
Ad ogni modo non è il caso di preoccuparsi:
se stai leggendo questa mia guida sei ancora in tempo per rimediare.
Nelle righe che seguono andrò infatti a indicarti quelli che i migliori software di antivirus gratuiti.

Per proteggere il tuo computer puoi rivolgerti a software gratuiti come Avira, Avast, AVG e Malwarebytes Anti-Malware Free.
Sono tutti e quattro ottimi antivirus gratuiti.
In alternativa, se possiedi un computer con sistema operativo Windows 10, puoi utilizzare anche Windows Defender:
in questo caso si tratta del popolare sofware antivirus gratuito prodotto da Microsoft; lo trovi già preinstallato nel tuo PC.



Per effettuare la manutenzione del computer ti consiglio invece di fare completo affidamento al software CCleaner che racchiude in un’unica interfaccia completamente in italiano) tutto l’occorrente per cancellare i file inutili dall’hard disk, ripulire il registro di sistema e velocizzare l’avvio del PC gestendo i programmi impostati per l’avvio automatico.
Ti ho parlato di questi ed altri software nella mia guida su come pulire il PC:
leggila se hai un po’ di tempo, potrebbe tornarti utile.

Programmi per PC gratis – Navigazione sul Web

IMMAGINE QUI 3



Ora che hai scaricato i principali programmi utili per PC, puoi dedicarti all’installazione di programmi dedicati al tempo libero.
Voglio infatti parlarti di quali sono i migliori software per PC gratis che ti permetteranno di navigare su Internet.

Per la navigazione Web uno tra i migliori browser è senza ombra di dubbio Google Chrome.
Il motivo è presto detto:
si tratta del browser ufficiale di Google e come punto di forza vi è sicuramente la velocità nel caricare le pagine Web.
Il browser di Google si distingue anche per il suo ottimo supporto agli standard del Web, oltre che per la possibilità di installare una vastissima gamma di estensioni e applicazioni che ne estendono le funzionalità all’infinito.
In alternativa, ti suggerisco anche l’utilizzo di Firefox in quanto si tratta di un ulteriore valido browser per la navigazione Web.

Programmi per PC gratis – Posta elettronica e messaggistica

IMMAGINE QUI 4



Per la gestione della posta elettronica, Thunderbird è probabilmente il miglior programma gratuito che puoi utilizzare, anche se il suo sviluppo non è più attivo come un tempo a causa dei servizi di Webmail (Gmail e Microsoft Outlook sono i migliori) che stanno spingendo sempre più persone a gestire le email direttamente via browser.

Sul fronte della messaggistica istantanea, il vecchio Windows Live Messenger è stato ormai sostituito da Skype, sia come software di messaggistica sia come programma VoIP che ti permette di effettuare chiamate e videochiamate da Skype a Skype in tutto il mondo gratuitamente.
Con l’avvento delle applicazioni di messaggistica istantanea ti segnalo inoltre la possibilità di scaricare l’applicazione per Windows 10 di WhatsApp, Telegram e Facebook Messenger.



Programmi per PC gratis – Video, musica e foto

IMMAGINE QUI 5

Per concludere in bellezza, ecco una rapida carrellata di programmi gratuiti da utilizzare per vedere video, sfogliare foto e ascoltare musica sul PC.
Partendo dai software per la riproduzione di video, la scelta ricade sicuramente sul software open source VLC.
Si tratta di un ottimo software gratuito per vedere video sul tuo PC che supporta moltissimi codec.

Per quanto riguarda la riproduzione musicale, dipende tutto dalle tue abitudini.
Se possiedi un iPhone ti consiglio ti scaricare il software multimediale di Apple, iTunes, mentre se non sei in possesso di un dispositivo dell’azienda Cupertino, puoi affidarti al buon vecchio Windows Media Player che trovi già preinstallato del tuo PC.



Infine, tra i numerosi software che ti consiglio di utilizzare per la gestione, il ritocco e la modifica di base di immagini quello che coniuga meglio potenza, compatibilità e semplicità di utilizzo è senz’altro FastStone Image Viewer.
Si tratta di un software che consente di aprire tutti i principali formati di file grafici velocemente, organizzare le foto e ritoccarle, effettuando alcune modifiche di base.

Altri programmi per PC popolari:

  • Dropbox:
    uno dei più popolari servizi di cloud storage del mondo, vale a dire un hard disk online che permette di conservare file e cartelle su uno spazio Web e di sincronizzarli automaticamente su più computer/dispositivi.
    È disponibile per tutti i principali sistemi operativi per computer (Windows, Mac OS X, Linux), smartphone e tablet (iOS, Android, ecc.) ed è gratuito nella sua versione base che offre 2GB di spazio online.
    Trovi maggiori informazioni su di esso nella mia guida su come utilizzare Dropbox.
  • GIMP:
    la migliore alternativa gratuita a Photoshop.
    Si tratta di un software che ti permette di modificare le foto digitali con tantissimi strumenti e filtri.
    GIMP è completamente in italiano ed è estremamente facile da usare.
    Se ne vuoi sapere di più leggi la mia guida su come usare GIMP, mentre se cerchi altri programmi simili consulta la pagina del blog dedicata ai programmi per fotoritocco.
  • Audacity:
    senza ombra di dubbio si tratta del miglior programma gratuito dedicato all’editing musicale.
    Utilizzandolo è possibile creare e modificare brani musicali al PC con assoluta facilità.
    Per una descrizione più approfondita e per conoscere applicazioni simili, consulta la mia guida dedicata i programmi per editing audio.

programmi per programmare



programmi per programmare

Sei affascinato dal mondo della programmazione ed hai deciso di dedicarti in maniera seria all’argomento?
Allora ti ci vogliono dei software appositi grazie ai quali poter studiare un linguaggio di programmazione, appunto, in maniera approfondita ed iniziare a realizzare applicazioni, giochi o contenuti Web.

Ma quali sono i migliori strumenti in circolazione a cui ci si può appellare per tal scopo?
Domanda lecita, anzi di più:
quelli che ho provveduto ad indicarti personalmente in questa mia guida dedicata proprio all’argomento.
Se mi concedi qualche minuto del tuo prezioso tempo libero possono infatti illustrarti quelli che ritengo essere alcuni tra i più utili ed interessanti programmi per programmare presenti sulla piazza.
Ce ne sono sia per Windows che per Mac (oltre che per Linux), sia gratis che a pagamento.
Scegli pure liberamente quello che ti attira di più e scaricalo subito sul tuo computer.

Allora?
Posso sapere che ci fai ancora li impalato?
Posizionati bello comodo e comincia immediatamente a concentrarti sulla lettura delle informazioni che trovi qui sotto.
Sono certo che alla fine potrai dirti ben contento e soddisfatto della cosa e che, addirittura, in caso di necessità sarai pronto a dispensare utili consigli a tutti i tuoi amici interessanti al medesimo argomento.
Buon “lavoro”!



Indice

  • Visual Studio Code (Windows/Mac/Linux)
  • Notepad++ (Windows)
  • TotalEdit Pro (Windows)
  • Emerald Editor (Windows)
  • Intype (Windows)
  • Xcode (Mac)
  • Web Developer (Firefox)

Visual Studio Code (Windows/Mac/Linux)

IMMAGINE QUI 1

Iniziamo questo excursus tra i migliori programmi per programmare parlando di Visual Studio Code.
È sviluppato da Microsoft e rappresenta uno tra i più popolari software della categoria.
È gratis (ma eventualmente è disponibile anche in due varianti a pagamento, con funzioni avanzate) non necessita di installazione e si può usare su Windows, Mac e Linux.



È distribuito con lo scopo di avvicinare i nuovi programmatori a questo affascinante mondo e dispone di un’interfaccia utente molto semplice e curata (in italiano).
Supporta la famiglia di linguaggi C, HTML, PHP, Java, Ruby ed altre ancora.

Per effettuarne subito lo scaricamento, provvedi a collegarti alla pagina per il download del programma presente sul sito Internet di Microsoft dopodiché clicca sul bottone Download che sta in alto a destra e premi sul pulsante per il download che trovi sotto il logo del sistema operativo in uso sul tuo computer.



A scaricamento ultimato, se stai usando Windows apri il file .exe ottenuto e clicca su Avanti.
Seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza, clicca ancora su Avanti per quattro volte e poi su Installa.
Concludi il setup premendo su Fine.

Se invece quello che stai usando è un Mac, estrai l’archivio ZIP ottenuto in una qualsiasi posizione, trascina l’applicazione presente al suo interno nella cartella Applicazioni macOS e facci doppio clic sopra.

A prescindere dal sistema operativo impiegato, una volta visualizzata la finestra principale di Visual Studio Code sullo schermo installa il language pack per l’Italiano facendo clic sul pulsante Installa e riavvia (Install and restart) che si trova a destra.



A processo ultimato, inizia pure a programmare servendoti dell’editor che trovi sulla destra.
Sulla sinistra trovi invece l’esplora risorse e la barra degli strumenti, mentre in alto è presente la barra dei menu.
In basso ci sono invece le info relative alle righe di codice inserito ed al tipo di linguaggio di programmazione usato.

Notepad++ (Windows)

IMMAGINE QUI 2

Un’altra ottima risorsa che merita di essere menzionata in una guida tutta incentrata sui programmi per programmare è Notepad++. Come lascia facilmente intuire il suo nome, è un leggerissimo blocco note per sviluppatori grazie al quale è possibile scrivere codice in vari linguaggi di programmazione molto popolari, come PHP, Java, CSS, HTML, ASP, Per, Ruby, Pascal, VB/VBS e molti altri ancora.



È scritto in C++ e dispone di vari plugin aggiuntivi che permettono di estenderne le funzionalità.
Tra le sue funzioni principali è doveroso citare l’evidenziazione della sintassi, l’autocompletamento del codice e la visualizzazione a schede per lavorare su più progetti contemporaneamente.
È solo per Windows ed è gratis.

Per poterlo scaricare sul tuo computer, collegati innanzitutto al sito Internet del software e clicca sul collegamento Notepad++ vx.x.x Installer che sta in alto.



A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e clicca su Si.
Pigia poi su OK per confermare l’uso della lingua italiana, su Avanti, su Accetto, ancora su Avanti per due volte di fila e su Installa.
Porta dunque a termine il setup premendo su Fine.

Ora che visualizzi la finestra principale del programma sul desktop puoi finalmente cominciare a cimentarti nella programmazione digitando le righe di codice nella parte centrale dell’editor e servendoti degli strumenti che trovi sulla toolbar in alto.
Nella parte in basso della finestra ci sono invece alcune info e statistiche riguardo il codice scritto, mentre in alto è collocata la barra dei menu.

TotalEdit Pro (Windows)

IMMAGINE QUI 3



TotatlEdit Pro è un editor di testo professionale disegnato su misura per gli sviluppatori.
Supporta alcuni dei principali linguaggi di programmazione, come PHP, HTML, Javascript, Ruby e JSP, analizza i database (Oracle, MS SQL Server e MySQL) ed include una serie di funzioni avanzate, quali il controllo ortografico, l’evidenziatore di sintassi, il completamento automatico del codice e molto altro ancora.

Il software è solo per sistemi operativi Windows ed è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita (quella che ho usato io per redigere questo passo) che permette di testarne le funzioni per un periodo di 30 giorni.

Per usare TotatlEdit Pro sul tuo computer, provvedi innanzitutto a collegarti al sito Internet del software, a scorrere la pagina visualizzata fino in fondo ed a fare clic sul bottone Download Now!, in modo tale da avviare il download del programma.
Prendi altresì nota del seriale sotto riportato, ti servirà per attivare il tuo periodo di prova del software.



A scaricamento completato, apri il file ottenuto e, nella finestra che vedi apparire sul desktop, clicca su Next per due volte di fila.
Spunta quindi la casella I accept the terms in the License Agreement e clicca ancora su Next per tre volte, su Install, su Si e su Finish.

Adesso, recati nel menu Start ed avvia TotalEdit Pro cercandolo tra i vari programmi installati.
Una volta visualizzata la finestra del programma sullo schermo, inserisci nel campo adiacente la voce License: la chiave di licenza di cui in precedenza hai preso nota per avviare il periodo di prova del software e clicca su Register e su OK.



A questo punto puoi finalmente cominciare a programmare digitando le righe di codice nell’editor che trovi nella parte destra della finestra.
Sulla sinistra è invece presente un explorer per accedere al volo a progetti, documenti ed al database.
Sia in alto che in basso ci sono poi le barre degli strumenti, mentre ancora più in alto ci trovi la barra dei menu.

Emerald Editor (Windows)

IMMAGINE QUI 4

Emerald Editor è un editor di codice sorgente disegnato per modificare e scrivere codice in vari linguaggi di programmazione, come HTML, C/C++, Perl e Java.
Include un evidenziatore di sintassi per i linguaggi HTML, C/C++, Perl, Java, Matlab e LaTeX, il controllo ortografico, il supporto alle macro e molte altre funzioni avanzate.



È solo per Windows, gratuito, pratico ed anche sufficientemente leggero.
Da notare poi che può essere impiegato senza dover eseguire alcuna installazione sul computer.

Per servirtene sul tuo computer, collegati alla pagina per il download di Emerald Editor presente su Sourceforge e clicca sul pulsante Download Latest Version che sta in cima, in modo tale da avviare il download del software.

A scaricamento ultimato, estrai l’archivio compresso ottenuto in una qualsiasi posizione di Windows ed avvia il file presente presente al suo interno.



Una volta visualizzata la finestra di Emerald Editor sul desktop potrai iniziare a scrivere righe di codice sfruttando la parte centrale dell’editor.
In alto è poi presente la barra degli strumenti da cui accedere al correttore ortografico ed a varie altre utili funzionalità, mentre ancora più su c’è la barra dei menu.

Intype (Windows)

IMMAGINE QUI 5

Intype è un editor di testo gratuito per Windows che include funzioni molto avanzate grazie alle quali è possibile lavorare con vari linguaggi di programmazione, come HTML, JavaScript, CSS, PHP, Ruby, Groovy, Rails, Python, Perl, Java ed altri ancora.



Supporta l’evidenziazione della sintassi, l’inserimento di porzioni di codice preimpostate e l’organizzazione dei propri lavori in progetti.
È molto veloce e relativamente facile da usare, la sua interfaccia è abbastanza curata e personalizzabile.

Per scaricarlo sul tuo PC, collegati alla pagina per il download del programma presente sul sito Internet di Softpedia e clicca sul pulsante Download now in alto a sinistra.
Pigia poi sul collegamento Softpedia Secure Download (US).



A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e clicca su Si, su Next per quattro volte di seguito, su Install e su Finish.
Clicca quindi sulla voce I Agree per accettare i termini di utilizzo del software e ti ritroverai dinanzi la schermata principale di Intype.

Per cominciare a scrivere parti di codice serviti pure dell’editor che si trova al centro, mentre tramite le voci che si trovano in basso puoi definire il tipo di linguaggio da usare, conteggiare le righe ed i caratteri, impostare la codifica, il ritorno a capo ed intervenire sulle tab. La barra dei menu che sta in alto ti consente invece di apportare ulteriori modifiche al codice e salvare i cambiamenti effettuati.

Xcode (Mac)

IMMAGINE QUI 6



Quando si parla di programmi per programmare è praticamente impossibile non menzionare Xcode.
Trattasi infatti dello strumento reso disponibile da Apple per gli utenti Mac grazie al quale è possibile sviluppare applicazioni per macOS, iOS e watchOS.
Ha una bella interfaccia utente, non è particolarmente complesso da usare ed è gratis.

Da notare che al suo interno è presente anche un emulatore di iOS che consente di testare il funzionamento delle proprie app e dei propri siti Internet visualizzandoli così come verrebbero visualizzati sui dispositivi iOS.

Per usarlo, collegati alla pagina Web dedicata annessa al sito Internet di Apple, clicca sul bottone Download che sta in alto a destra e, nella schermata che si apre, effettua l’accesso al tuo ID Apple cliccando poi sul pulsante Sign In.



Accetta quindi le condizioni dei servizi legati agli sviluppatori Apple, metti il segno di spunta accanto alla voce By checking this box I confirm that I have read and agree to be bound by the Agreement above.
I also confirm that I am of the legal age of majority in the jurisdiction in which I reside (at least 18 years of age in many countries)
, rimuovi la spunta dalla voce I’d like to receive marketing emails to stay up-to-date with Apple Developer news se non vuoi ricevere email da parte di Apple (sempre in merito al programma sviluppatori) e clicca sul pulsante Submit.

Clicca ora sulla voce Download Tools presente nella pagina che si apre per procedere con il download della versione di Xcode più adatta al tuo computer. Pigia poi sul pulsante Download collocato in corrispondenza del nome della versione di Xcode più recente, clicca su View in Mac App Store e procedi con il download di Xcode tramite Mac App Store facendo clic sul pulsante Ottieni/Installa l’app.



A processo ultimato, richiama Xcode tramite il Launchpad e scegli dunque come procedere servendoti delle voci apposite che trovi sulla barra dei menu.

Web Developer (Firefox)

IMMAGINE QUI 7

Web Developer non è un vero e proprio programma per programmare, bensì un’estensione gratuita per il browser Firefox considerata un must-have per tutti gli sviluppatori Web.



Aggiunge al popolare browser open source una toolbar attraverso la quale analizzare in dettaglio ogni aspetto delle pagine Web visitate, visualizzarne e modificarne facilmente il codice sorgente.
Grazie alla sua estrema semplicità di utilizzo, è ideale per i programmatori Web alle prime armi che hanno voglia di imparare.

Per installarla su Firefox, avvia il browser del “panda rosso” sul tuo computer e collegati alla pagina Web dell’estensione presente sul sito Internet di Firefox dedicato agli add-ons.
Successivamente fai clic sul bottone + Aggiungi a Firefox, su quello Installa che appare in alto e su OK.

Recati ora sulla pagina Web relativamente alla quale ti interessa andare ad agire e fai clic sull’icona di Web Developer (quella a forma di ingranaggio) che è stata aggiunta alla barra degli strumenti del browser.
Serviti dunque delle voci e degli strumenti che vedi apparire nella toolbar in cima per visionare ed editare il relativo codice sorgente.



programmi per registrare gameplay



programmi per registrare gameplay

Sei un accanito videogiocatore e ti piacerebbe poter mostrare ai tuoi amici i video delle tue epiche imprese compiute nei titoli di gioco che più ti appassionano?
Stai cercando un sistema semplice e veloce per spiegare a distanza ad altri utenti come superare uno specifico livello di un videogame?
Se la risposta a queste e ad altre domande simili è affermativa allora ricorrere all’uso di programmi per registrare gameplay può essere senza ombra di dubbio una buona idea.

Utilizzando infatti alcuni specifici software è possibile registrare tutto quel che accade sullo schermo durante le sessioni di gioco andando a realizzare filmati dettagliati.
L’utilizzo di programmi di questo tipo può rivelarsi particolarmente utile sia per mostrare ad altri utenti il proprio operato sia per rivedere quanto fatto in un secondo momento.
Inoltre, di programmi per registrare gampleay ne esistono diversi e per tutti i gusti, sia per Windows sia per macOS, sia a pagamento sia gratuiti.

Scegli dunque quale tra i programmi per registrare gampley proposti di seguito pensi possa fare di più al caso tuo ed effettuane subito il download sul tuo computer.
Ovviamente la scelta di quale software utilizzare per registrare gameplay spetta solo e soltanto a te, in base a quelle che sono le tu esigenze e preferenze.
Detto ciò… bando alle ciance e procediamo!



Open Broadcaster Software (Windows/macOS)

Il primo tra i programmi per registrare gameplay al quale ti suggerisco di prestare attenzione è Open Broadcaster Software, altrimenti noto molto più semplicemente come OBS.
Si tratta di un software a costo zero, di natura open source e disponibile per PC e Mac.
Questo programma non solo consente di registrare gameplay passando in rassegna tutto quel che accade sullo schermo del proprio computer ma anche di trasmetterlo in streaming e di creare registrazioni combinate fra il desktop e la webcam.

IMMAGINE QUI 1

Open Broadcaster Software è un programma abbastanza semplice da utilizzare, supporta la codifica con H264 e AAC e consente di salvare i file di output nel formato MP4 o FLV.



Open Broadcaster Software è un programma disponibile sia per sistemi operativi Windows sia per macOS ed è scaricabile ed utilizzabile in maniera totalmente gratuita.
Per effettuare il download di Open Broadcaster Software sul tuo computer clicca qui.

Camtasia Studio (Windows/macOS)

Camtasia Studio è un altro software che può rientrare a pieno titoli nell’elenco dei programmi per registrare gameplay.
Si tratta di una risorsa anch’essa disponibile per PC e Mac considerata da tutti come uno dei migliori programmi a livello professionale per registrare le sessioni di gioco e in linea ben più generale per firmare quel che accade sul desktop del computer (se ben ricordi te ne ho parlato nella mia guida su come scaricare Camtasia Studio). Il programma permette di registrare gameplay di alta qualità, di incorporare la webcam nei propri filmati e di apportare modifiche sia alla parte audio sia a quella video mediante un apposito editor ricco di funzionalità d’ogni sorta.



IMMAGINE QUI 2

Ad essere particolarmente interessanti sono anche i numerosi effetti che vengono messi a disposizione dell’utente per permettere a chi osserva i filmati di focalizzarsi su un determinato particolare.

Camtasia Studio è un programma a pagamento disponibile sia per Windows sia per macOS.
Eventualmente è anche disponibile una versione di prova che consente di utilizzare gratuitamente il programma per un periodo di tempo massimo pari a 30 giorni.
Per effettuare il download di Camtasia sul tuo computer clicca qui.



Fraps (Windows)

Un altro ottimo programma per registrare gameplay al quale ti suggerisco di ricorrere è Fraps.
Si tratta di un software commerciale concepito per filmare le proprie performance di gioco senza andare ad influire in maniera negativa sulle prestazioni del sistema e sui giochi stessi, sfruttando al massimo le potenzialità del computer in uso ma evitando al contempo lag e problemi di vario tipo.

IMMAGINE QUI 3



Il programma supporta tutti i processori più moderni e tutti i principali modelli di schede grafiche NVIDIA GeForce ed AMD Radeon.

Fraps è un programma disponibile solo ed esclusivamente per sistemi operativi Windows.
Il software è a pagamento ma eventualmente è possibile scaricarne una versione di prova utilizzabile gratuitamente che consente di effettuare registrazioni con durate limitate.
Per effettuare il download di Fraps sul tuo computer clicca qui.

Action (Windows)

Se possiedi un PC e se i software già indicati non sono stati di tuo gradimento ti suggerisco di rivolgerti ad Action per registrare i tuoi gameplay.
Si tratta di un programma commerciale che consente di effettuare sia la registrazione sia lo streaming in tempo reale delle sessioni di gioco sul desktop.
Il programma esegue registrazioni in HD da salvare poi in AVI oppure in formato MP4.



IMMAGINE QUI 4

Il programma è molo leggero, presenta un’interfaccia ben curata e decisamente invitante, mette a disposizione dell’utente tutta una serie di formati di registrazione già pronti all’uso, consente di scegliere il posizionamento della camera per la ripresa delle angolazioni del gioco e permette anche di applicare straordinari effetti slow motion alle proprie registrazioni.



Action è un software disponibile solo ed esclusivamente per sistemi operativi Windows.
Inoltre, il programma è a pagamento ma può essere scaricato gratuitamente in versione di prova funzinante senza alcun tipo di limitazione per un arco di tempo massimo pari a 30 giorni. Per effettuare il download di Action sul tuo computer clicca qui.

LoiLo Game Recorder (Windows)

A rientrare in questo elenco di programmi per registrare gameplay è anche l’ottimo LoiLo Game Recorder.
Si tratta di un software freeware per PC estremamente semplice da utilizzare grazie al quel è possibile filmare le proprie sessioni di gioco e che offre funzionalità simili a quelle del sopracitato Fraps.
Il programma supporta il formato Motion-JPEG che consente di ottenere il miglior equilibrio in termini di qualità finale del file video e peso dello stesso.

IMMAGINE QUI 5



Il software garantisce una perdita delle prestazioni praticamente pari a zero, se necessario permette di registrare la voce e consente anche di effettuare l’upload immediato dei gameplay direttamente sul proprio canale YouTube.

LoiLo Game Recorder è un programma totalmente gratuito ed è disponibile solo ed esclusivamente per sistemi operativi Windows.
Per effettuare il download di LoiLo Game Recorder sul tuo computer clicca qui.



Screenflow (macOS)

Screenflow è un’altra ottima risorsa da includere nell’elenco dei programmi per registrare gameplay.
Trattasi di un software commerciale per Mac che permette di filmate lo schermo, che non influisce in maniera eccessiva sulle prestazioni del sistema e che risulta estremamente facile da utilizzare.

IMMAGINE QUI 6

Fiore all’occhiello di questo programma è la possibilità che viene offerta agli utenti di poter modificare e montare le registrazioni effettuare in maniera estremamente semplice grazie al potente editor incluso.
Il programma supporta poi tutti i principali formati di file video e permette di registrare sessioni di gioco anche su iPhone e iPad.



Screen flow è un software disponibile solo ed esclusivamente per macOS, è disponibile a pagamento ma eventualmente può essere scaricato gratis in una versione di prova che permette di testare tutte le funzioni disponibili per un periodo di 30 giorni.
Per effettuare il download di Screenflow sul tuo computer clicca qui.

QuickTime Player (macOS)

IMMAGINE QUI 7



macOS offre diversi strumenti per registrare lo schermo del computer, e di conseguenza le sessioni di gameplay.
Uno di questi è QuickTime Player, il lettore multimediale incluso “di serie” in tutti i computer Apple.

Per registrare lo schermo del computer usando QuickTime Player, avvia il programma in questione, fai clic destro sulla sua icona presente nella barra Dock e seleziona la voce Nuova registrazione schermo dal menu che si apre.
Successivamente, premi su Rec (nella finestra comparsa sul desktop) e scegli se registrare tutto lo schermo, facendo clic in un punto qualsiasi di quest’ultimo, o se catturare solo una porzione del desktop, selezionandola con il mouse.

A registrazione ultimata, fai clic sul pulsante stop collocato in alto a destra (nella barra dei menu di macOS), dopodiché spostati nel menu File > Esporta come di QuickTime e scegli in che formato esportare il video.
Maggiori dettagli sull’intera procedura sono disponibili nel mio tutorial su come registrare lo schermo del Mac.



Istantanea schermo (macOS)

IMMAGINE QUI 8

In macOS 10.14 (Mojave) e successivi, è possibile registrare lo schermo del computer usando l’utility Istantanea schermo, integrata anch’essa nel sistema operativo Apple.
Per utilizzarla, premi la combinazione cmd+shift+5 sulla tastiera del tuo computer e, tramite la barra degli strumenti comparsa sul desktop, scegli se registrare un video dell’intero schermo o solo di una porzione di esso.



Dopodiché premi sul bottone Registra, realizza il tuo video e, a lavoro ultimato, premi il pulsante stop presente nella barra dei menu (in alto a destra).
Se vuoi modificare o condividere il filmato ottenuto “al volo”, clicca sulla sua miniatura che compare nell’angolo in basso a destra dello schermo e usa gli strumenti inclusi in Quick Look.
Maggiori dettagli sull’intera procedura sono disponibili nel mio tutorial su come registrare lo schermo del Mac.

programmi per ruotare immagini



programmi per ruotare immagini

I migliori programmi per ruotare immagini.

Raccolta Foto

IMMAGINE QUI 1

Anche se pensato principalmente per essere un catalogatore ed un visualizzatore di foto digitali, l’applicazione Raccolta Foto di Microsoft include tutti gli strumenti necessari per ritoccare, correggere e perfezionare le immagini.
Una volta aperta la foto da visualizzare, il software consente infatti di modificarla con una serie di filtri one-click che permettono di rimuovere gli occhi rossi, regolare colore, contrasto e ruotare immagini in maniera incredibilmente facile e veloce.
Supporta tutti i principali formati di file grafici e fa parte del pacchetto di applicazioni gratuite Windows Essentials in cui sono inglobati anche Movie Maker, Messenger ed altre interessanti app dedicate a intrattenimento e comunicazione.
Scarica da qui.



IrfanView

IMMAGINE QUI 2

IrfanView è uno dei più famosi visualizzatori di immagini per Windows, ma definirlo in questo modo è davvero riduttivo.
Sebbene sia estremamente compatto e veloce, questo software consente infatti di correggere le foto digitali, convertire tra loro tutti i principali formati di file grafici, visualizzare i dati EXIF delle foto digitali, rinominare immagini in serie, scrivere sulle immagini e molto altro ancora.
Tra le sue tantissime funzionalità non manca quella per ruotare immagini con un click in tutte le direzioni possibili.
Scarica da qui.



FastStone Image Viewer

IMMAGINE QUI 3

FastStone Image Viewer è uno dei viewer di immagini più gettonati in ambiente Windows ed il motivo è presto detto.
Si tratta, infatti, di un software leggero, comodo e bello da vedere che oltre a consentire la visualizzazione di tutti i principali formati di file grafici, è anche in grado di modificare le immagini ruotandole, capovolgendole, tagliandole, ridimensionandole ed applicando loro una vasta gamma di effetti speciali.
Supporta i file RAW delle fotocamere digitali, legge i dati EXIF delle foto e permette di creare spettacolari slideshow fotografici con oltre 150 effetti di transizione.
Scarica da qui.

Paint .Net

IMMAGINE QUI 4



Caratterizzato da un’interfaccia utente bella da vedere quanto intuitiva per qualsiasi tipologia di utente, Paint .Net è un programma di fotoritocco che si distingue dalla massa grazie al suo giusto mix di semplicità di utilizzo e funzioni mediamente avanzate per la modifica delle foto.
Include tutti gli strumenti da disegno di Paint più molti filtri in stile Photoshop e il supporto ai livelli.
Tra le sue funzioni, naturalmente non manca quella per ruotare immagini.
È completamente in italiano.
Scarica da qui.

ImageBatch

IMMAGINE QUI 5



Come suggerisce in maniera abbastanza evidente il suo nome, ImageBatch è un programma gratuito che permette di modificare le foto in serie applicando loro una serie di effetti e ritocchi molto interessanti.
Utilizzandolo, è possibile selezionare decine di file PNG, JPEG, GIF e BMP per ruotarli, ridimensionarli, applicare loro watermark, tagliarli o convertirli in altri formati.
Il programma è molto leggero, rapido ed anche se la sua interfaccia utente non è fra le più curate al mondo, è estremamente facile da usare anche per gli utenti meno esperti.
Scarica da qui.

XnView

IMMAGINE QUI 6

XnView è un software molto potente per visualizzare e gestire le foto digitali in grado di lavorare con oltre 400 formati di file grafici in input ed oltre 50 formati di file differenti in output.
Oltre a visualizzarle, consente di rinominare e modificare le foto sia singolarmente che in serie usando una serie di strumenti e funzioni molto variegata.
Permette di rinominare le immagini in maniera sequenziale, di visualizzare i dati EXIF delle foto, di correggere gli errori più comuni degli scatti digitali e di ruotare immagini con un click (o poco più).
Scarica da qui.



programmi per scaricare video gratis



programmi per scaricare video gratis

Un tuo amico ti ha detto che ricorrendo all’uso di appositi software è possibile effettuare il download dei video presenti online, fiducioso delle tue abilità hai provato a fare qualche ricerca in rete in modo tale da poter verificare tu stesso la veridicità della cosa ed ora eccoti qui, pronto a leggere questo mio tutorial sull’argomento.
Ebbene si, il tuo amico aveva ragione.
Esistono svariati software grazie ai quali è possibile scaricare i video presenti in rete e, ti dirò di più, senza dover spendere neppure un centesimo.
Vuoi qualche consiglio al riguardo?
Si?
Bene, allora leggi questo mio articolo interamente dedicato a quelli che sono i migliori programmi per scaricare video gratis e vedrai che non te ne pentirai.

Nelle righe successive andrò infatti ad indicarti tutti quelli che a parer mio rappresentano i migliori software della categoria.
Come anticipato, sono tutti a costo zero e permettono di scaricare video da tutti quelli che sono i più noti portali presenti sulla piazza, social network compresi.
Sono fruibili sia su Windows che su Mac e sono facilissimi da usare anche da parte di chi, un po’ come te, non si reputa esattamente un grande esperto in fatto di nuove tecnologie.

Allora?
Che ne diresti di mettere le chiacchiere da parte e di passare finalmente all’azione?
Ti va’?
Si?
Fantastico.
Suggerisco dunque di non perdere ulteriore tempo prezioso e di dedicarci finalmente alla scoperta di questi fantastici strumenti.
Sono sicuro che alla fine potrai dirti ben felice e soddisfatto di quanto appreso.
Buona lettura e, ovviamente, buon download.



Attenzione: Scaricare abusivamente video protetti da copyright è illegale.
Questo tutorial è stato scritto a mero scopo illustrativo.
Non è assolutamente mia intenzione incentivare la pirateria e quindi non mi assumo alcuna responsabilità su come utilizzerai le informazioni presenti in esso.

JDownloader (Windows, Mac e Linux)

IMMAGINE QUI 1



In un articolo dedicato a quelli che sono i migliori programmi per scaricare video gratis è praticamente impossibile non nominare JDownloader.
Siamo infatti al cospetto di uno tra i più noti ed apprezzi download manager a costo zero presenti sulla piazza.
Non è stato concepito in maniera specifica per i video ma essendo capace di prelevare dal Web qualsiasi tipo di contenuto multimediale si rivela utilissimo anche in tal senso.
Funziona su Windows, Mac e Linux e risulta molto intuitivo anche per gli utenti alle prime armi.

Per scaricarlo sul tuo PC, visita il sito Internet ufficiale del software e clicca sulla voce Windows.
Successivamente premi su Download 32/64Bit Webinstaller (Rar-Archive RECOMMENDED)Click to start the Download per accedere alla pagina di download di JDownloader su MEGA.
Dopodiché devi premere su Scarica con il browser.

A download completato, avvia il file Install JDownloader.exe appena scaricato e fai clic prima su Sì e poi su Next.
Successivamente premi su Accept, su Skip all (per evitare che vengano installati software promozionali) ed infine su Finish.



Se invece stai usando Mac, dopo esserti collegato al sito Internet per eseguire il oownlado del programma clicca sulla voce Mac e poi sul collegamento Download Installer Mac OS X Version 10.7 or higher.

Successivamente apri il pacchetto in formato .dmg appena ottenuto ed avvia il file JDownloader Installer che si trova al suo interno.
Clicca poi su Apri, su OK e successivamente su Next per quattro volte di fila. Concludi poi il setup facendo clic prima su Skip ed in seguito su Finish.



Avvia poi JDownloader, copia l’indirizzo della pagina Web che contiene il filmato che desideri scaricare ed aspetta che appaia il riquadro di JDownloader in alto sulla destra ul desktop.
A questo punto, recati nella finestra principale del software, seleziona la scheda Cattura collegamenti e premi sul pulsante play in modo tale da avviare il download.

Castor All Video Downloader (Windows e Mac)

IMMAGINE QUI 2

Un altro ottimo programma che ti suggerisco di provare per effettuare il download dei video che già ti piacciono da Internet è Castor All Video Downloader.
Si tratta di un software disponibile sia per Windows che per Mac, dotato di una bella interfaccia utente, molto semplice da utilizzare e tramite il qualche è possibile scaricare filmati da oltre 280 siti Web differenti.
È gratuito, ovviamente.



Per efettuarne subito il download sul tuo PC, collegati alla sua home page, clicca sul bottone Download (Windows) ed attendi qualche istante affinché il file setup_allvideodownloader.exe venga scaricato sul tuo computer.
Successivamente avvialo, clicca su Si, poi su OK per confermare l’uso della lingua italiana e successivamente su Avanti.
A questo punto, metti il segno di spunta in corrispondenza della voce Accetto i termini del contratto di licenza e clicca su Avanti per quattro volte di seguito dopodiché premi su Installa.
Per concludere, clicca sul pulsante Fine.

Se invece stai usando un Mac, collegati alla pagina principale del sito del programma e premi sul bottone Download (Mac).
Successivamente apri l’archivio compresso che è stato scaricato sul tuo computer e trascina l’icona del programma presente al suo interno nella cartella Applicazioni del Mac.
Dopodiché fai clic destro sull’icona del programma e scegli la voce Apri dal menu che ti viene mostrato a schermo per poter utilizzare il software andando ad aggirare le restrizioni nei confronti degli sviluppatori non autorizzati imposte da Apple.



A prescindere dal sistema operativo in uso, una volta visualizzata la finestra del programma sul desktop clicca su Search, Watch and Download per cercare video da scaricare direttamente da Castor All Video Downloader oppure premi su Direct Download from URL per scaricare uno specifico filmato inserendo un dato collegamento.

Nel primo caso, provvedi innanzitutto a selezionare la lingua italiana mediante l’apposito menu collocato in baso a destra dopodiché digita la parola chiave di riferimento nel campo Parola chiave: presente in alto, seleziona il sito Internet tramite cui effettuare la ricerca utilizzando il menu Siti Web: collocato sempre in alto e poi clicca sul titolo che ti interessa tra quelli in elenco.
Successivamente potrai guardare il filmato selezionato tramite la finestra di anteprima presente in basso e premendo sul bottone Play, mentre potrai effettuarne il download facendo clic sul pulsante Scarica collocato accanto.

Nel secondo caso devi invece selezionare l’italiano dal menu in basso a destra, copiare l’URL della pagina da cui vuoi scaricare i video ed incollarlo (se questo non avviene in maniera automatica) nel campo annesso alla parte in alto del programma.
Clicca poi sul bottone Opzioni di salvataggio che sta in basso in basso, seleziona il formato in cui desideri salvare il video e premi sul bottone Download che si trova in alto.



4K Video Downloader (Windows e Mac)

IMMAGINE QUI 3

Un altro bel programmino utile allo scopo che ti suggerisco di provare è 4K Video Downloader.
È uno dei programmi per il download di video online più celebri ed apprezzati sulla piazza.
Si può usare sia su Windows che su Mac ed è capace di prelevare filmati online da tutti quelli che sono i più noti ed apprezzati siti Internet.



Per scaricare subito il programma su Windows, collegati al sito sito Internet e fai clic sul pulsante Scarica 4K Video Downloader. A download ultimato, apri il file 4kvideodownloader_xx.exe e clicca prima su e poi su OK e Avanti.
Spunta dunque la casella accanto alla voce Accetto i termini del contratto di licenza, premi su Avanti per tre volte consecutive, poi su Installa e per concludere clicca su Fine .

Utilizzi un Mac?
Allora dopo aver eseguito il download dell’applicazione apri il pacchetto .dmg che contiene 4K Video Downloader e trascina la sua icona nella cartella Applicazioni di macOS/OS X dopodiché cliccaci sopra con il tasto destro e seleziona la voce Apri dal menu che ti viene mostrato al fine di aggirare le limitazioni imposte da Apple nei confronti degli sviluppatori che non ha autorizzato.

Successivamente avvia il programma, copia l’indirizzo del filmato online di cui vuoi effettuare il download, apri il software e premi sul pulsante Incolla URL che sta sulla sinistra, in alto.
Nella finestra che ti verrà mostrata, seleziona la risoluzione in cui vuoi scaricare il video (es.
alta qualità o qualità normale) ed effettuane immediate il download facendo clic sul bottone Download.



Freemake Video Downloader (Windows)

IMMAGINE QUI 4

Se utilizzi un PC con su installato Windows e se gli strumenti che ti ho già segnalato non hanno saputo soddisfare le tue necessità ti consiglio di provare Freemake Video Downloader.
È un altro software della categoria (ovviamente gratuito) fruibile su tutti i sistemi operativi di casa Microsoft tramite il quale si può effettuare il download dei video online.
Assolve alla perfezione allo scopo a cui è preposto ma va tenuto conto del fatto che applica un fotogramma all’inizio e alla fine del video scaricato.
Se la cosa per te non costituisce un problema servitene pure.



Per scaricare il programma sul PC, collegati alla sua pagina principale e premi sul pulsante Scaricare Gratis.
A scaricamento ultimato, avvia il file FreemakeVideoDownloaderSetup.exe, clicca su Si in risposta all’avviso che vedi comparire a schermo e poi su OK per impostare l’italiano come lingua.
Togli la spunta dalla voce relativa all’invio dei dati a Freemake se la cosa non ti interessa e poi premi pulsante Avanti per due volte di fila.
Clicca su Fine ed attendi che la finestra del software compaia a schermo.

Adesso, copia il link del filmato presente online che vuoi caricare, fai clic sul pulsante Incolla indirizzo web che sta in alto sulla sinistra, scegli eventualmente il formato in cui effettuare il download dal menu Converti in presente in basso (altrimenti lascia spuntata l’opzione Solo download) e poi fai clic sul pulsante Scarica/Scaricare e convertire (la scritta sul pulsante può variare in base alla scelta che hai effettuato).

Alternative ai programmi

IMMAGINE QUI 5



Non ti va di installare nuovi programmi sul computer e vorresti capire se esiste qualche sistema per scaricare video dal Web gratuitamente agendo direttamente dal browser?
Per tua fortuna si può fare, basta utilizzare appositi servizi online ed il gioco è fatto.
Per approfondire la questione ti consiglio caldamente di leggere il mio articolo dedicato all’argomento.

In alternativa, ci sono anche delle comode estensioni per browser Web capaci di assolvere alla grande allo scopo in questione.
Per saperne di più, leggi il mio tutorial su come scaricare video con Chrome ed il mio post su come scaricare video con Firefox, sono sicuro che alla fine non riuscirai più a fare a meno di questi strumenti.



programmi per sistemare il pc



programmi per sistemare il pc

I migliori programmi per sistemare il PC in caso di errori.

IObit Advanced Systemcare Free

IMMAGINE QUI 1

IObit Advanced SystemCare Free è una delle migliori suite gratuite per la manutenzione di Windows che include al suo interno tutto il necessario per sistemare il PC quando va troppo lento o dà strani messaggi di errore in continuazione.
Permette, infatti, di liberare spazio sull’hard disk cancellando da esso tutti i file inutili, controlla la presenza di malware nel sistema, ripulisce e deframmenta il registro di sistema, cancella i collegamenti non validi e molto altro ancora.
Include anche un monitor desktop che permette di tenere sempre sotto controllo l’utilizzo di RAM e CPU.
Scarica da qui.



Malwarebytes Anti-Malware

IMMAGINE QUI 2

Malwarebytes Anti-Malware è un validissimo software gratuito che permette di ripulire il PC da worm, trojan, rootkit, rogue, dialer, spyware e altre minacce informatiche.
Non si sovrappone all’antivirus, in quanto in questa versione gratuita non include un modulo di protezione in tempo reale, ed è molto efficace nel rimuovere tutti quei malware che possono rendere instabile Windows.
Viene aggiornato molto spesso e prevede due modalità di scansione:
quella rapida che analizza solo le cartelle chiave del sistema e quella completa (più lunga ma approfondita).
Scarica da qui.



CCleaner

IMMAGINE QUI 3

Un altro programma che non ha bisogno di presentazioni (o quasi).
Grazie alla sua affidabilità e alla sua efficacia nel sistemare il PC quando va troppo lento o diventa poco stabile, CCleaner è diventato in poco tempo uno dei software per la manutenzione del sistema più usati al mondo.
Permette non solo di liberare spazio sull’hard disk cancellando la cronologia di Internet e i file inutili ma anche di pulire il registro di sistema, impedire il caricamento automatico di determinati programmi all’avvio del sistema e disinstallare programmi facilmente.
È disponibile anche per Mac OS X con una versione dedicata al sistema operativo Apple.
Scarica da qui.

Wise Registry Cleaner

IMMAGINE QUI 4



Il suo nome dice quasi tutto.
Wise Registry Cleaner è uno dei migliori programmi per pulire e deframmentare il registro di Windows in maniera facile e sicura.
Al contrario di molti programmi del genere, che se usati da mani poco esperte mettono a rischio la stabilità del PC, questo software guida passo-passo l’utente verso la pulizia del registro di sistema indicandogli quali sono le chiavi che si possono cancellare con disinvoltura e quali, invece, richiedono un’analisi più approfondita.
Ha un’interfaccia utente molto curata ed è compatibile con tutte le versioni di Windows.
Scarica da qui.

System Ninja

IMMAGINE QUI 5



System Ninja è un programma per la manutenzione di Windows che permette di sistemare il PC quando questo dà segni di instabilità o viaggia molto più lentamente di quanto dovrebbe.
Include tutto il necessario per rimuovere i file inutili dall’hard disk, velocizzare l’avvio di Windows (rimuovendo i programmi superflui impostati per l’avvio automatico) e monitorare i processi in esecuzione sul PC.
È compatibile con tutte le principali versioni di Windows ed è disponibile anche in versione no-install, che non richiede installazioni per poter funzionare e può essere trasportata su qualsiasi chiavetta USB.
Scarica da qui.

Cloud System Booster

IMMAGINE QUI 6

Cloud System Booster è una giovane suite per la manutenzione del sistema disponibile in due versioni – una a pagamento ed una gratuita – che permette di velocizzare Windows e correggere gli errori del PC agendo su diversi fattori.
Elimina i file inutili presenti sull’hard disk, corregge gli errori presenti nel registro di sistema, ottimizza i servizi di Windows in modo da velocizzare il PC e molto altro ancora.
Funziona sia in modalità automatica (si clicca su un tasto e fa tutto da solo), sia in modalità manuale (permettendo all’utente di scegliere gli strumenti da eseguire).
Scarica da qui.



programmi per suonerie



programmi per suonerie

Tutte le volte che senti squillare il cellulare non riesci mai a capire se sia il tuo o quello delle persone che ti stanno accanto perché usi una delle suonerie predefinite?
Bel problema.
Per risolverlo, però, basta, molto banalmente, creare un tono di chiamata personalizzato, magari partendo da quella canzone che ti piace tante che trasmettono sempre alla radio.

Come dici?
La cosa ti interessa ma non hai la benché minima idea di come riuscirci e di quali strumenti usare?
Non c’è problema, posso spiegartelo io.
Se mi dedichi qualche minuto del tuo prezioso tempo, infatti, posso indicarti tutti quelli che a mio modesto avviso rappresentano i migliori programmi per suonerie attualmente presenti su piazza e grazie ai quali puoi compiere senza problemi l’operazione in questione.
Ce ne son sia per Windows che per macOS (oltre che per Linux) e, in alcuni casi, si può fare anche tutto online, dalla finestra del browser.

Se poi non vuoi o non puoi agire dal computer, puoi anche intervenire direttamente dallo smartphone (o, volendo, dal tablet), usando delle app appositamente adibite allo scopo.
Ora però basta chiacchierare e passiamo all’azione.
Ti auguro, come mio solito, buona lettura e ti faccio un grandissimo in bocca a lupo per ogni cosa.
Buon “lavoro” e buon divertimento!



Indice

  • Informazioni utili
  • Programmi per suonerie
    • Audacity (Windows/macOS/Linux)
    • MP3DirectCut (Windows)
    • MP3 Trimmer (macOS)
    • Make Own Ringtone (Online)
    • Audio Trimmer (Online)
  • App per suonerie

Informazioni utili

IMMAGINE QUI 1

Prima di entrare nel vivo dell’argomento, andandoti a spiegare quali sono i programmi per suonerie di cui puoi avvalerti per creare dei toni di chiamata totalmente personalizzati, mi sembra giusto fare alcune precisazioni.



Innanzitutto, tieni presente che creando una suoneria personalizzata da computer, per poterla usare sul tuo smartphone (o tablet) dovrai poi provvedere a trasferire quest’ultima sul dispositivo di riferimento.
Per riuscirci, sia nel caso di Android che di iOS, puoi attenerti alle istruzioni sul da farsi che ti ho fornito nella mia guida su come mettere una canzone come suoneria.

Successivamente, oppure se la suoneria si trova già sul tuo dispositivo (magari perché l’hai creata usando delle app apposite), devi semplicemente impostare quest’ultima come tono di chiamata per potertene servire.
Per fare ciò, ti basta seguire le istruzioni che ti ho fornito nel mio post dedicato a come impostare MP3 come suoneria su Android e nel mio tutorial su come impostare una suoneria su iPhone (valido anche per iPad).

Programmi per suonerie

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, possiamo finalmente passare al sodo, come si suol dire. Qui di seguito trovi quindi indicati quelli che a mio modesto avviso rappresentano i più interessanti programmi per creare suonerie al momento disponibili.
Provali subito, sono sicuro che sapranno soddisfarti.



Audacity (Windows/macOS/Linux)

IMMAGINE QUI 2

Iniziamo questo excursus tra i programmi per suonerie parlando di Audacity.
Non si tratta di una risorsa concepita in via specifica per la creazione di toni di chiamata, è vero, ma essendo quello che dai più viene reputato come il miglior software per l’editing audio gratuito si presta perfettamente per lo scopo in questione.
Funziona su Windows, macOS e Linux e ha un’interfaccia utente in italiano.

Per scaricare Audacity, recati sulla pagina Web dedicata al programma presente sul sito Internet Sourceforge e clicca sul bottone Download.



A scaricamento completato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e clicca sui bottoni Esegui, Si e OK nella finestra comparsa sul desktop.
Successivamente, fai clic sui pulsanti Avanti (per cinque volte di seguito), Installa e Fine per concludere il setup.

Su macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ricavato, trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del Mac, facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri per due volte di seguito, in modo tale da avviare il software andando ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).



Adesso, a prescindere dal sistema operativo in uso, clicca sul bottone OK per due volte e, quando visualizzi la finestra principale del programma, clicca sul menu File situato in alto a sinistra, dopodiché seleziona la voce Apri e scegli il file audio sul tuo computer che vuoi trasformare in suoneria.

A questo punto, evidenzia con il mouse la parte del grafico corrispondente alla porzione del file audio che vuoi usare come tono di chiamata, facendo clic sinistro sul punto di inizio e, continuando a tenere premuto, trascinando il puntatore sino al punto di fine, dopodiché clicca sulla voce File (in alto a sinistra) e scegli il comando Esporta audio dal menu che si apre.

Per concludere, indica il formato in cui vuoi salvare il brano dal menu a tendina Salva come, la posizione di output sul tuo PC ed è fatta.
È stato facile, vero?



Tieni presente che Audacity è capace di gestire correttamente file in formato WAV, AIFF, Ogg Vorbis e MP3.
Per abilitare l’esportazione dei brani in MP3, però, occorre scaricare e installare il plugin MP3 LAME.
Lo stesso dicasi per i file M4A/AAC, WMA, AMR e AC3 su macOS, per la gestione dei quali occorre scaricare e installare il plugin FFmpeg.
Per maggiori informazioni, ti rimando alla lettura del mio post incentrato in maniera specifica su come scaricare Audacity.

MP3DirectCut (Windows)

IMMAGINE QUI 3

Un altro ottimo software che ti invito a prendere in considerazione per la creazione di nuove suonerie è MP3DirectCut.
È solo per sistemi operativi Windows, è gratis ed è molto facile da usare.
Come intuibile dal nome stesso, permette di editare i file audio in formato MP3.
Le modifiche apportate ai brani vengono salvate senza eseguire una nuova compressione degli stessi.
Inoltre, consente di regolare il livello dell’audio e di applicare effetti vari.
Cosa volere di più?



Per usare il programma, collegati al suo sito Internet, seleziona il collegamento download situato a destra e clicca su uno dei link posti sotto la voce Download mp3DirectCut (es.
fosshub.com).
Nella nuova pagina che si apre, fai clic sul pulsante o sul collegamento per procedere con il download.

Successivamente, apri il file .exe ricavato e, nella finestra che compare sul desktop, clicca sul pulsante Next per due volte di fila.
Se vedi comparire un messaggio d’errore, avvia l’eseguibile con privilegi di amministrazione, facendoci clic destro sopra, scegliendo l’opzione Esegui come amministratore dal menu che si apre e premendo sul pulsante Si nella finestra che ti viene mostrata.



Avvia poi MP3DirectCut richiamando il programma dal menu Start di Windows e, nella finestra che compare, fai clic sul pulsante OK.
Dopodiché seleziona l’Italiano dal menu a tendina per la scelta della lingua e premi sul pulsante Use and restart, al fine di tradurre l’interfaccia del programma.

A questo punto, clicca sull’icona con la cartella posta nella parte in alto a sinistra della finestra del software, seleziona il brano che vuoi editare per creare la tua suoneria e premi sul bottone OK.

Una volta visualizzato il grafico del brano sul desktop, marca il punto d’inizio della suoneria premendo sul pulsante Imposta inizio (situato in basso a sinistra), indica il punto finale della stessa facendo clic sul pulsante Imposta fine (situato sempre in basso a sinistra), riproduci la porzione del file audio selezionata cliccando sul pulsante Play (in basso) e, se ti soddisfa, estrapola la parte in questione dello stesso selezionando l’opzione Salva selezione annessa al menu File.



MP3 Trimmer (macOS)

IMMAGINE QUI 4

Stai usando un Mac e Audacity non ti ha convinto in maniera particolare?
Allora metti subito alla prova MP3 Trimmer, vedrai che non ti deluderà.
Si tratta di un’applicazione disponibile solo per macOS e concepita in maniera specifica per l’editing dei file in formato MP3, come lascia intendere lo stesso nome. È gratis, ma mostra dei banner che invitano ad acquistare la versione completa del software quando si importano o si salvano i file audio.

Per scaricare MP3 Trimmer sul tuo computer Apple, visita il sito Internet del programma, clicca sulla scheda Download posta in alto e fai clic sul pulsante Click to download.



A download completato, apri il pacchetto .dmg ricavato e trascina l’icona di MP3 Trimmer nella cartella Applicazioni di macOS.
Successivamente, facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri per due volte di fila, in modo tale da avviare il software aggirando però le limitazioni di Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Ora che visualizzi la finestra del programma sulla scrivania, fai clic sul pulsante Launch application and try it out for free.
Dopodiché trascina sopra la schermata principale di MP3 Trimmer il file audio che vuoi trasformare in tono di chiamata.



Porta poi l’indicatore sulla timeline all’inizio della porzione del file audio che desideri estrapolare e fai clic sul pulsante Set sotto la voce In-point.
Sposta quindi l’indicatore sulla timeline alla fine della porzione del brano e premi sul bottone Set collocato sotto la dicitura Out-point.
Per ascoltare un’anteprima della porzione scelta clicca sul bottone Play.

Infine, clicca sul menu File posto nella parte in alto a sinistra della barra dei menu e scegli l’opzione Save trim selection.
Aspetta qualche istante affinché il banner pubblicitario scompaia e scegli la posizione sul tuo Mac in cui desideri salvare il file di output.

Make Own Ringtone (Online)

IMMAGINE QUI 5



Non vuoi o non puoi scaricare nuovi software sul tuo computer?
Allora rivolgiti a un bel programma per suonerie online, come nel caso di Ringtone Maker.
Si tratta, infatti, di un’applicazione online gratuita, funzionante da qualsiasi browser e sistema operativo e altamente efficiente.
Permette di creare suonerie partendo da file audio in tutti i principali formati:
non solo MP3 ma anche AAC, FLAC, M4A, OGG, WAV e WMA.
Non necessita di Flash Player o plugin particolari ed è di semplicissimo impiego!

Per usare Ringtone Maker, collegati al suo sito Internet e premi sul bottone Upload files, in modo tale da selezionare la canzone che desideri utilizzare come suoneria.
In alternativa, trascina il brano direttamente nella finestra del browser, in corrispondenza della voce Drop Your Files Here.

Una volta visualizzato il grafico a onda del file audio scelto nella finestra del navigatore, individua l’inizio della porzione che vuoi usare come suoneria, spostaci sopra il cursore verde situato sinistra e poi sposta anche l’altro cursore, quello che trovi a destra, sulla parte finale della pozione. Volendo, puoi impostare i punti di inizio e di fine della parte del file audio da tagliare anche usando i menu Start Time e End Time situati in basso.



Puoi ascoltare un’anteprima della selezione effettuata premendo il pulsante Play, mentre usando il cursore che trovi in corrispondenza della voce Volume puoi regolare il volume della suoneria.
Invece, cliccando sui pulsanti in basso a sinistra puoi scegliere il formato di output: MP3 oppure M4R (specifico per iPhone).

Per concludere, premi sul pulsante Make a ringtone situato a fondo schermo, attendi che la suoneria venga elaborata e clicca sul pulsante Download per, appunto, procedere con il download.

Audio Trimmer (Online)

IMMAGINE QUI 6



Se cerchi una valida alternativa al servizio online summenzionato puoi rivolgerti ad Audio Trimmer.
Si tratta di una pratica Web app che permette di tagliare i file audio e quindi di creare suonerie personalizzate agendo dalla finestra del browser.
È gratis, funziona da qualsiasi navigatore e sistema operativo e supporta tutti i più diffusi formati di file audio.
L’unica cosa da tenere in considerazione è che consente di effettuare l’upload di file aventi una dimensione massima pari a 50 MB.

Per usarlo, recati sulla home page del servizio, fai clic sul bottone Apri file/Scegli file e seleziona il file audio che vuoi trasformare in suoneria presente sul tuo computer.
In alternativa, trascina il file direttamente nella finestra del navigatore.



Ad upload completato, trascina il cursore sinistro presente sul grafico nel punto in cui vuoi far iniziare la suoneria e quello destro sul punto finale.
Pigia poi sul pulsante Play (in basso) per riprodurre un’anteprima della parte audio selezionata.
Se vuoi, puoi aggiungere anche l’effetto dissolvenza all’inizio o alla fine del file audio, seleziona l’opzione che preferisci dal menu a tendina Fade In/Out (in basso).

Indica, infine, il formato in cui vuoi scaricare la tua suoneria personalizzata usando il menu a tendina Output format.
Successivamente, premi sul bottone Crop posto in basso a destra e su quello Download, per scaricare il file finale.

App per suonerie

IMMAGINE QUI 7



Passiamo adesso alle app per dispositivi mobili, quelle di cui puoi avvalerti per trovare e creare suonerie personalizzate agendo direttamente dallo schermo dello smartphone (o del tablet) a colpi di “tap”.
Trovi quelle che a mio modesto avviso costituiscono le migliori della categoria proprio qui sotto.

  • Zedge (Android/iOS) – app gratuita che permette di cercare e scaricare suonerie già pronte all’uso in maniera incredibilmente semplice e veloce.
    Consente di scegliere tra tantissimi toni di chiamata di qualità e appartenenti ai generi più disparati.
  • Audiko (Android /iOS) – applicazione grazie alla quale è possibile effettuare il download di suonerie di ogni genere ed epoca e di crearne di personalizzate partendo dai brani già salvati sul dispositivo.
    Da notare che su Android è gratis (ma offre acquisti in-app a partire da 0,59 cent.), mentre su iOS l’applicazione è a pagamento (costa 1,09 euro).
  • Ringtone Maker di Big Bang Inc. (Android) – app gratuita per soli dispositivi Android che consente di editare i file audio e di creare toni di chiamata direttamente dallo schermo del telefonino (o del tablet).
    Ha un’interfaccia utente gradevole ed è anche abbastanza facile da usare.
    Provare per credere!
  • Garageband (iOS) – applicazione per la creazione di composizioni musicali di casa Apple che consente di editare anche i brani esistenti direttamente da iOS e che può dunque far comodo per lo scopo in questione.
    È gratis e può essere usata sia dagli utenti più esperti che dai meno serrati in materia.

Per approfondimenti riguardo le app summenzionate e per fare la conoscenza di altre risorse utili appartenenti alla categoria oggetto di questo passo, ti rimando alla lettura della mia guida sulle applicazioni per suonerie e del mio tutorial sulle app per tagliare la musica.

programmi per togliere gli occhi rossi



programmi per togliere gli occhi rossi

I migliori programmi per togliere gli occhi rossi dalle foto.

Raccolta Foto

IMMAGINE QUI 1

Incluso nel pacchetto Windows Essentials di Microsoft, Raccolta Foto è un software per la visualizzazione, la gestione e la modifica delle foto a 360 gradi.
Supporta tutti i principali formati di file grafici ed include una serie di funzioni per l’editing automatizzate che permettono anche agli utenti meno esperti di correggere gli errori più comuni presenti nelle foto digitali, come i problemi relativi a luminosità/colore e il fastidiosissimo effetti occhi rossi.
Scarica da qui.



Picasa

IMMAGINE QUI 2

Picasa è la soluzione all-in-one per le foto digitali prodotta da Google e disponibile per tutti i principali sistemi operativi:
Windows, Mac OS X e Linux.
Grazie ad essa, è possibile visualizzare tutti i principali formati di foto digitali, organizzare le immagini in album e molto altro ancora.
Tra le funzioni più avanzate del software ci sono quelle per la correzione degli errori (fra cui l’effetto occhi rossi) e la creazione di slideshow e collage.
È completamente in italiano ed estremamente semplice da usare anche per coloro che non hanno mai usato un programma di grafica.
Scarica da qui.



Paint .Net

IMMAGINE QUI 3

Paint .Net è un programma per il fotoritocco di base che si pone come punto di raccordo fra i programmi di grafica ultra-basilari, come il Paint di Windows, e le soluzioni più sofisticate per il fotoritocco, come Photoshop.
Si presenta con un’interfaccia utente molto curata e semplice da usare (tradotta completamente in italiano) attraverso la quale è possibile modificare le foto digitali usando una vasta gamma di strumenti e filtri.
Fra questi c’è anche il filtro per togliere gli occhi rossi che funziona in maniera completamente automatica e riesce quasi sempre a portare a termine con successo il suo compito.
Solo per Windows.
Scarica da qui.

FastStone Image Viewer

IMMAGINE QUI 4



FastStone Image Viewer è un programma per la visualizzazione delle immagini fra i più popolari di questa categoria.
Deve il suo successo alla vastissima gamma di file supportati (BMP, JPEG, JPEG 2000, GIF, PNG, PCX, PSD, EPS, TIFF, WMF, ICO, TGA, RAW), alla velocità di avvio anche su computer meno dotati sotto il punto di vista tecnico e alla cura dell’interfaccia utente che può essere personalizzata tramite skin.
Come molti altri software per la visualizzazione delle immagini, consente di effettuare alcune piccole operazioni di fotoritocco, come togliere gli occhi rossi.
Scarica da qui.

IrfanView

IMMAGINE QUI 5



IrfanView è uno storico software per la visualizzazione delle immagini disponibile per Windows caratterizzato da un’interfaccia utente estremamente essenziale e da una leggerezza che gli permette di essere eseguito senza problemi anche sui PC più datati.
A dispetto della sua semplicità, supporta tutti i principali formati di file grafici e permette di effettuare alcune operazioni di fotoritocco base:
taglia/ridimensiona le immagini, inserisce scritte sulle foto, regola colori, luminosità, contrasto delle immagini e permette di correggere facilmente l’effetto occhi rossi.
Scarica da qui.

iPhoto

IMMAGINE QUI 6

iPhoto è il programma dedicato alla fotografia di Apple.
Grazie ad esso è possibile importare le foto digitali da dispositivi quali iPhone ed iPad, visualizzare le immagini e catalogarle facilmente in base a vari criteri.
Permette di correggere gli errori più comuni presenti nelle foto digitali, e fra questi naturalmente c’è anche l’effetto occhi rossi.
È disponibile per Mac OS X (spesso lo si trova preinstallato sul computer, altrimenti è disponibile al costo di 11,99 euro) e ne esistono anche delle versioni molto pratiche per iPhone ed iPad.
Scarica da qui.



programmi per unire canzoni



programmi per unire canzoni

Durante l’ultimo concerto della tua band preferita hai effettuato diverse registrazioni audio, in modo tale da poter riascoltare in versione live le canzoni che ami di più anche una volta tornato a casa.
Invece che salvare sul PC i vari audio, hai però ben pensato di unire il tutto in un unico file.
Tuttavia se ora sei qui e stai leggendo queste righe mi pare ben evidente il fatto che tu non abbia ancora capito come fare per riuscirci.

Come dici?
Ho centrato in pieno la questione e vorresti dunque sapere se posso darti una mano oppure no sul da farsi?
Ma certo che si, ci mancherebbe altro.
Ti basta solo ricorrere all’uso di alcuni appositi programmi per unire canzoni ed è fatta.
Se la cosa ti interessa (e date le circostanze direi proprio di si!), continuare pure a leggere.
Trovi indicati quelli che a parer mio rappresento i migliori software della categoria proprio qui di seguito.

Nelle righe successive ho infatti provveduto a parlarti di alcuni tra i più “gettonati” strumenti di cui puoi avvalerti per raggiungere il tuo scopo.
Sono fruibili sia su Windows che su Mac (oltre che per Linux) e sono tutti piuttosto semplici da usare (anche da parte di chi non si reputa un grande esperto in fatto di nuove tecnologie).
Inoltre, i risultati sono assicurati! Insomma, provali subito e vedrai che non te ne pentirai.
Buona lettura!



Indice

  • fre:ac (Windows/Mac/Linux)
  • Audacity (Windows/Mac/Linux)
  • MP3 Tolkit (Windows)
  • Mp3DirectCut (Windows)
  • Shuangs Audio Joiner (Windows)
  • Merge MP3 (Windows)

fre:ac (Windows/Mac/Linux)

La prima risorsa che voglio invitarti ad utilizzare è fre:ac.
Si tratta di un convertitore audio gratuito, open source e funzionante su Windows, Mac e Linux che, appunto, consente  di convertire tra loro tutti i principali formati di file audio.

Data la sua natura, la domanda sorge a questo punto spontanea:
perché te ne parlo in questa mia guida?
semplice:
perché integra anche una speciale funzionalità grazie alla quale è possibile unire gli elementi convertiti in un unico file di output.
Fantastico, vero?



Per scaricare il programma sul tuo computer, collegati al suo sito sito Internet e clicca sul collegamento freac-xx.exe sotto la prima bandierina di Windows (se stai usando Windows) oppure premi sul collegamento freac-xx-alpha-xx-macosx.dmg sotto la “X” nera (se stai usando un Mac).

A download completato, se stai usando Windows apri il file .exe ottenuto e nella finestra che si apre clicca su Esegui, poi su e successivamente su Avanti.
Pigia ancora su , su Avanti per altre quattro volte consecutive e concludi il setup cliccando su Fine.
Avvia poi fre:ac facendo clic sul relativo collegamento che è stato aggiunto al menu Start.



IMMAGINE QUI 1

Se invece stai usando un Mac, apri il pacchetto .dmg appena scaricato e trascina l’icona del software nella cartella Applicazioni di macOS.
Successivamente facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri dal menu che si apre, in modo tale da avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni di Apple verso gli sviluppatori non autorizzati.

IMMAGINE QUI 2



Ora che visualizzi la finestra del programma sullo schermo, trascinaci sopra i file audio da unire e disponili nell’ordine che preferisci.
Spunta poi la casella accanto alla voce Codifica in un file singolo che sta in basso a destra, fai clic sulla freccia accanto al pulsante Play sulla barra strumenti e seleziona l’opzione di codifica che vuoi usare dal menu che si apre (es.
LAME MP3 Encoder, per ottenere un file finale in MP3).

IMMAGINE QUI 3



Nella finestra che si apre, indica il nome che è tua intenzione assegnare al brano unificato da creare, specifica la posizione di output e clicca sul bottone Salva. Prima di creare il file finale, puoi eventualmente regolare le impostazioni avanzate relative alla qualità facendo clic sull’icona dell’ingranaggio, presente sempre sulla barra degli strumenti.

Audacity (Windows/Mac/Linux)

In un articolo incentrato su quelli che sono i migliori programmi per unire canzoni è praticamente impossibile non fare il nome di Audacity.
Si tratta infatti di un potentissimo editor audio gratuito ed open source per Windows, Mac e Linux che permette di lavorare con tutti i principali formati di file audio in maniera facile e veloce.

Utilizzandolo, è possibile tagliare, montare e incollare canzoni, normalizzare il volume dei file audio ed applicare a questi ultimi una moltitudine di effetti speciali che hanno poco da invidiare a quelli inclusi nelle soluzioni a pagamento.



Per servirtene per il tuo scopo, collegati alla pagina di download del programma e clicca sul pulsante Download, in modo tale da avviare lo scaricamento della versione del software adatta al tuo computer.
Se compare un avviso relativo al download dei plugin relativi agli effetti, acconsenti alla cosa.

A download ultimato, se stai usando Windows apri il file .exe ottenuto, clicca su Esegui e poi su Si dopodiché premi su OK per confermare l’uso della lingua italiana, premi su Avanti per cinque volte, su Installa e su Fine.

IMMAGINE QUI 4



Se invece stai usando un Mac, apri il pacchetto .dmg appena ottenuto e trascina la cartella Audacity sulla cartella Applications, tramite la finestra del Finder che è comparsa sullo schermo.
Recati poi nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro sull’icona del programma e scegli Apri per due volte di fila, in modo tale da aggirare le limitazioni di Apple verso gli sviluppatori non “benedetti”.

IMMAGINE QUI 5



Ora che visualizzi la finestra di Audacity sullo schermo, premi su OK per chiudere la schermata di benvenuto dopodiché clicca sulla voce File che sta in alto a sinistra, premi su Apri… e seleziona una alla volta le canzoni che vuoi unire tra di loro salvate sul tuo computer.
Per ciascuno file audio verrà aperta una nuova finestra del programma.

Porta dunque in primo piano la finestra del file audio che vuoi aggiungere all’altro e clicca sul menu Modifica dopodiché premi su Seleziona e su Tutto, in modo tale da selezionare l’intera traccia.
In seguito, recati nuovamente nel menu Modifica e seleziona Copia, per copiare il file.

Adesso, porta in primo piano la finestra in cui hai aperto il file audio a cui vuoi aggiungere l’altra canzone, clicca sull’editor subito dopo la fine della traccia, premi sul menu Modifica e seleziona Incolla, per incollare la parte di audio copiata in precedenza nel punto appena indicato.



IMMAGINE QUI 6

Per concludere, salva il file audio unificato appena ottenuto cliccando sul menu File che sta in alto a sinistra, scegliendo l’opzione Esporta audio…, indicando il formato in cui vuoi salvare il file di output e la relativa posizione sul computer e premendo su Salva.



Tieni presente che per esportare i file in formato MP3, dovrai installare anche il plugin LAME MP3, seguendo le istruzioni che trovi nel mio tutorial su come usare Audacity (unitamente ad altre indicazioni utili su come utilizzare il programma).

MP3 Toolkit (Windows)

Come suggerisce abbastanza facilmente il suo nome, MP3 Toolkit non è solo un programma per unire canzoni ma una vera e propria cassetta degli attrezzi per i file audio che permette di convertire fra loro tutti i principali formati di brani musicali (MP3, WMA, WMV, MP4, WAV, OGG, FLAC e APE), tagliare ed unire MP3, modificare i tag dei file audio, rippare i CD musicali e molto altro ancora.

È completamente gratuito, molto facile da usare e funziona con tutte le principali versioni di Windows.
Insomma, provalo subito e vedrai che non te ne pentirai.



Per usarlo, collegati al sito Internet del programma e clicca sul bottone Download Now!, in modo tale da effettuarne il download sul computer.

A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto, clicca su Esegui, su Si e su Next per quattro volte di fila, poi su Install e porta a termine il setup premendo su Finish.

IMMAGINE QUI 7



Ora che visualizzi la finestra principale del programma sul desktop, premi sul bottone MP3 Merger, clicca sul pulsante Add che sta in alto e seleziona le canzoni presenti sul tuo computer che vuoi unire tra loro.
Se vuoi inserire un’intera cartella contenente i tuoi file audio, premi su Add Folder e selezionala da li.

Posiziona dunque i brani appena scelti nell’ordine che preferisci, selezionandoli prima e servendoti poi delle frecce direzionali che trovi in basso.
Dopodiché intervieni sulle impostazioni del file audio finale servendoti dei menu a tendina che sta a destra.



IMMAGINE QUI 8

Specifica infine la posizione di salvataggio del file di output premendo sul bottone Browse, in corrispondenza della dicitura Output Path: che sta sempre a destra, e premi sul pulsante Merge MP3 Files Now.

Mp3DirectCut (Windows)

Mp3DirectCut è un piccolo programma gratuito che permette di modificare i file MP3 a 360 gradi, tagliandoli, incollandoli uno dietro l’altro e applicando ad essi varie correzioni/effetti audio.



La sua principale caratteristica consiste nell’abilità di salvare i brani modificati “al volo”, ossia senza effettuare una ricodifica degli stessi.
È gratis ed è solo per Windows.

Per usarlo, collegati alla pagina di download del programma, individua la sezione Download mp3DirectCut e clicca su uno dei collegamenti sottostanti (es. fosshub.com).
Clicca poi sul link o sul pulsante per avviare il download (se non parte in automatico).

A scaricamento avvenuto, apri il file .exe ottenuto e premi su Esegui e su Next per due volte.
Se nel fare ciò ti appare un messaggio d’errore o di accesso negato, avvia l’eseguibile con privilegi di amministrazione facendoci clic destro sopra e scegliendo Esegui come amministratore dal menu che appare.



IMMAGINE QUI 9

Avvia ora il programma facendo doppio clic sul collegamento che è stato aggiunto sul desktop, imposta l’uso della lingua italiana tramite la finestra su schermo dopodiché trascinaci sopra il primo file audio, clicca sul menu Modifica che sta in alto e scegli prima Seleziona tutto e poi Copia.



Adesso, apri l’altra canzone trascinandola sempre nella finestra del programma, porta il cursore alla fine del brano, clicca sul menu Modifica e seleziona Incolla.

IMMAGINE QUI 10

Per salvare il file audio finale, clicca sul menu File, scegli Salva file audio… ed indica la posizione di destinazione. Et voilà!



Shuangs Audio Joiner (Windows)

Un altro tra i programmi per unire canzoni che ti invito a mettere alla prova è Shuangs Audio Joiner.
Si tratta di un’applicazione gratuita per Windows che consente di unificare file audio in formato WAV, MP3 e WMA.

Fra le principali caratteristiche del programma è sicuramente il caso di menzionare la sua interfaccia utente molto user-friendly e la capacità di unire file audio che hanno caratteristiche tecniche differenti.

Per servirtene, provvedi in primo luogo a collegarti alla pagina di download del programma presente sul sito Internet di Softpedia ed a fare clic sul bottone Download in alto a sinistra.
Pigia poi sul collegamento Softpedia Mirror (US), in modo tale da effettuare subito il download sul tuo computer.



A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e clicca su Si, su OK per confermare l’uso della lingua italiana e su Avanti.
Seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza e clicca ancora su Avanti per cinque volte di fila, poi su Installa e su Fine.

IMMAGINE QUI 11



Ora che visualizzi la finestra del programma sul desktop, premi sul pulsante Add che sta sulla barra degli strumenti, seleziona i brani audio da unire e premi sul pulsante Join.

IMMAGINE QUI 12

Indica quindi il formato di output che preferisci e premi su Next, regola (se richiesto) le impostazioni relative alla qualità e premi ancora su Next dopodiché specifica la posizione per l’output e premi sul pulsante Join.



Merge MP3 (Windows)

Per concludere, voglio parlarti di Merge MP3.
Si tratta di un programma semplice, compatto e gratuito per Windows che permette di unire canzoni in formato MP3.
Non presenta alcuna limitazione e consente di unire automaticamente i brani in base al numero di traccia, alla data di creazione e altri parametri personalizzabili.

Supporta inoltre i tag degli MP3 e garantisce una velocità di salvataggio molto alta.
Non richiede installazioni per poter funzionare, quindi può essere trasportata su qualsiasi chiavetta USB.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma e clicca sul collegamento Download the latest release here che trovi in corrispondenza della sezione Download.



A scaricamento ultimato, estrai in una qualsiasi posizione del tuo computer l’archivio ZIP ottenuto ed apri il file .exe presente al suo interno.
Clicca quindi su Esegui e ti ritroverai al cospetto della schermata principale del programma.

IMMAGINE QUI 13



Adesso, premi sul pulante con il foglio e il “+” che sta in alto a sinistra e seleziona i brani MP3 che vuoi unire tra loro, premi poi sul pulsante con la nota musicale e i “+” che sta in alto a destra.
Sistema dunque i brani nell’ordine che preferisci usando i pulsanti con le frecce.

Indica infine la posizione di output ed il file finale verrà salvato sul tuo computer.
A processo ultimato premi su OK, in risposta all’avviso che vedi apparire su schermo.

IMMAGINE QUI 14



Se poi prima di salvare il file audio unificato desideri compilarne i tag, spunta la casella che sta in alto a sinistra e compila i vai campi con le informazioni richieste.

programmi per vedere la tv sul pc



programmi per vedere la tv sul pc

Devi trascorrere qualche giorno fuori città insieme ad alcuni amici e, mentre stai organizzando tutti i dettagli del viaggio, ti sei ricordato che proprio in quei giorni trasmetteranno in TV l’ultima puntata della serie televisiva che stai seguendo da mesi.
E ora?
Nel posto in cui andrai, un alloggio low-cost, non c’è la TV, quindi come farai a non perderti la tua serie preferita?
La risposta è presto detta:
puoi utilizzare un programma per vedere la TV sul PC, in quanto scommetto che porterai con te il tuo fido computer portatile.

Come dici?
Lo porterai sicuramente con te, ma non hai idea di quali siano gli strumenti da utilizzare per questo scopo?
Vuoi sapere se ce ne sono alcuni gratuiti?
Non preoccuparti, adesso ci sono qui io e sono pronto a rispondere a tutte le tue domande e a chiarire tutti i tuoi dubbi in merito.
Nel corso di questo tutorial, infatti, ti parlerò come prima cosa di alcuni famosi programmi di IPTV (acronimo di Internet Protocol Television, un sistema che permette quindi di vedere la TV tramite Internet) e poi, successivamente, ti illustrerò delle soluzioni che potresti prendere in considerazione per vedere la TV sul PC senza una connessione a Internet attiva.

Attenzione: la tecnologia IPTV viene spesso utilizzata impropriamente per vedere canali TV a pagamento gratuitamente; ciò è contro la legge e vi sono pene molto severe per chi ne fa un uso improprio.
Utilizza quindi gli strumenti di IPTV di cui ti parlerò in questo mio tutorial soltanto per vedere i canali TV in chiaro, io non mi ritengo responsabile in caso di usi diversi da quelli leciti.
Intesi?
Bene, allora cominciamo!



Indice

  • Programmi per vedere la TV sul PC
    • Kodi (Windows/macOS/Linux)
    • VLC (Windows/macOS/Linux)
    • Plex (Windows/macOS)
    • Altri programmi per vedere la TV
  • Vedere la TV sul PC tramite browser
  • Vedere la TV sul PC senza Internet

Programmi per vedere la TV sul PC

IMMAGINE QUI 1

Prima di parlarti nel dettaglio dei programmi per vedere la TV sul PC, voglio informarti che i software di cui ti parlerò nelle righe che seguono possono essere utilizzati prima di tutto grazie alla tecnologia IPTV. Si tratta di una tecnologia che permette di vedere la televisione attraverso l’utilizzo di una connessione a Internet, per mezzo del protocollo TCP/IP e attraverso l’inserimento di liste M3U o M3U8 che includono i collegamenti utili alla riproduzione dei vari flussi multimediali (quindi i vari canali TV).



Questa soluzione ha enormi potenzialità ma, nel caso in cui cercassi una soluzione che ti permetta di vedere la TV sul PC senza Internet, sarai felice di sapere che alcuni dei programmi per Windows, macOS o Linux, di cui ti parlerò nei prossimi paragrafi, supportano i sintonizzatori che servono vedere il digitale terrestre:
dispositivi USB che si collegano al computer e permettono di captare, tramite antenna integrata, il segnale televisivo senza aver bisogno della connessione a Internet.

Te ne ho parlato nel dettaglio in un questo paragrafo dedicato; adesso però dedichiamoci a vedere quelli che sono i programmi utili per vedere la TV sul PC, come per esempio Kodi o VLC.



Kodi (Windows/macOS/Linux)

IMMAGINE QUI 2

Uno tra i programmi più utilizzati per vedere la TV sul PC è Kodi, un potente media center che, non solo permette di vedere i canali televisivi, ma anche di registrare i contenuti che vengono trasmessi in diretta. È sicuramente uno degli strumenti più utilizzati per guardare la TV tramite Internet, in quanto il suo punto di forza è la compatibilità con numerose piattaforme, quali Windows, macOS e Linux.
È inoltre disponibile come applicazione per smartphone e tablet Android e iOS (solo con i dispositivi dotati del jailbreak) ed è supportato dai TV Box Android.

Per scaricare Kodi sul computer, preleva il file d’installazione dal sito Web ufficiale.
Su Windows, installa l’app dal Microsoft Store premendo sul bottone Ottieni; se invece vuoi scaricare la versione “classica”, dal sito ufficiale, puoi ottenere il file di installazione a 32bit.
Dopo averlo scaricato, fai doppio clic su di esso, poi sui pulsanti , Next, I Agree.
Seleziona i componenti da includere nell’installazione e premi poi sui bottoni Next (per due volte consecutive), Install e Finish per terminare.



Su macOS, invece, scarica il file kodi-17.6-Krypton-x86_64.dmg, fai doppio clic su di esso, dopo il download, e trascina l’icona di Kodi nella cartella Applicazioni.
Per maggiori dettagli, leggi la mia guida su come installare Kodi.

Parlando del suo funzionamento, per quanto riguarda la possibilità di vedere la TV tramite IPTV, è richiesta la configurazione di un addon per il supporto IPTV; ce ne sono tantissimi e quindi, utilizzando questo software, hai la possibilità di configurare quello più adatto alle tue esigenze, in modo da inserire una lista M3U di tua preferenza.



Come già spiegato, per vedere la TV tramite Kodi, bisogna configurare l’addon installato:
seleziona, quindi, la voce TV dalla barra laterale di sinistra, premi sul pulsante Inserisci browser add-ons e scegli uno degli add-on disponibili dalla lista, dopodiché dagli “in pasto” la lista M3U che più preferisci di più.

Una soluzione alternativa che non richiede l’accesso a Internet è quella che consiste nell’utilizzo un sintonizzatore TV compatibile, di cui ti ho parlato in questo paragrafo.
Kodi, infatti, non ha strumenti integrati per la codifica del segnale, ma si appoggia a dispositivi esterni o software di terzi parti, per riprodurre i canali televisivi tramite sintonizzatore TV.

Se hai qualche difficoltà nell’installare o configurare Kodi, puoi far riferimento ai miei tutorial su come funziona Kodi e come configurare Kodi.



VLC (Windows/macOS/Linux)

IMMAGINE QUI 3

Tra i software di cui voglio parlarti in questa mia guida per guardare la TV sul PC vi è VLC.
Questo programma gratuito è conosciuto per essere uno dei più famosi media player disponibili su Windows, macOS e anche Linux.
VLC è inoltre presente su dispositivi mobili in quanto è scaricabile come applicazione per Android e iOS.

Se sei interessato a VLC, scaricalo dal sito Web ufficiale.
Su Windows, al termine del download del file di installazione, fai doppio clic su di esso, premi poi sui pulsanti , OK, Avanti (per tre volte consecutive), Installa e infine Chiudi, per completare l’installazione.
Su macOS, invece, fai doppio clic sul file DMG e trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni.



Anche se solitamente viene utilizzato per riprodurre contenuti multimediali presenti sul proprio computer, è possibile impiegarlo per guardare la TV tramite IPTV, in quanto permette di importare delle liste in formato M3U, attraverso l’utilizzo della funzionalità Apri flusso di rete presente nel menu Media (oppure File > Rete su macOS).

Al di là del suo utilizzo come strumento per vedere la TV tramite IPTV, VLC è senz’altro degne di nota per essere un ottimo media player open source che permette di riprodurre tantissimi file multimediali audio e video senza dover installare codec esterni. Se ti interessa approfondire il suo funzionamento, ti consiglio di leggere questo mio tutorial.



Plex (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 4

Uno tra i migliori programmi per vedere la TV sul PC è Plex, software piuttosto conosciuto e utilizzato come alternativa a Kodi.

Plex è un software utilizzabile gratuitamente come media player (previa registrazione al sito Web tramite Facebook, Google o Email) che permette di organizzare e riprodurre contenuti multimediali; oltre a questo, uno dei suoi utilizzi è relativo alla visione dei canali IPTV tramite liste M3U, che avviene con un plugin adibito a tale scopo.



Inoltre, sottoscrivendo un abbonamento a Plex Pass a partire da 4,99 €/mese, Plex può essere impiegato per la visione dei canali TV senza Internet, in quanto è possibile collegarvi un sintonizzatore TV compatibile (la lista completa di quelli supportati la trovi a questo link).

Se sei interessato a questo programma, raggiungi il sito ufficiale per scaricare la versione compatibile con il sistema operativo in uso sul tuo computer.



Su Windows, per scaricarlo, fai doppio clic sul file e, nella successiva schermata, premi sui bottoni Install e infine Sì, per completare la procedura.
Su macOS, invece, fai clic destro sul file Plex Media Player.app e premi sulla voce Apri nel relativo menu contestuale.
Fai infine clic su Apri e termina l’installazione premendo sul bottone Move to Applications folder.

Sempre per quanto riguarda le sue feature utili per l’oggetto di questo tutorial, Plex supporta una funzione che serve per programmare la registrazione dei contenuti che vengono visualizzati. Tra le altre caratteristiche più importanti di Plex vi è la compatibilità con i device che rendono Smart una TV:
Chromecast, Amazon Fire Stick e Apple TV.

Vi è anche una versione server per Plex che è utile se si vuole creare un server virtuale; in questo ultimo modo può rivelarsi molto utile se si vuole riprodurre contenuti in locale accedendo allo stesso da più dispositivi.



Altri programmi per vedere la TV sul PC

IMMAGINE QUI 5

Hai trovato particolarmente interessante conoscere quelli che sono i migliori programmi per vedere la TV sul PC e vorresti qualche altro consiglio riguardante software simili?
Certamente, posso aiutarti indicandotene altri nelle righe che seguono.
Inoltre, ti invito a leggere un altro mio tutorial nel quale ti ho parlato più nel dettaglio come utilizzare alcuni di questi programmi per vedere IPTV.



  • Emby (Windows/macOS/Linux) – questo media player gratuito è una valida alternativa a Kodi e Plex, in quanto è dotato di numerose funzionalità ed è molto semplice da utilizzare, grazie alla sua interfaccia utente intuitiva.
    Può essere installato e configurato sui principali sistemi operativi per computer, ma anche su server NAS.
    Le altre caratteristiche di questo programma riguardano l’integrazione con i dispositivi per rendere una TV smart come Chromecast, il supporto a Apple TV e Amazon Fire TV, e la sua compatibilità con i dispositivi Android TV.
    Presenta piani di utilizzo a pagamento (prezzi a partire dai 4,99$/mese) che ne estendono le funzionalità permettendo, ad esempio, di registrare i programmi TV.
  • MediaPortal (Windows) – è un altro programma gratuito open source che permette di vedere la TV in IPTV TV anche attraverso l’utilizzo di plugin.
    Presenta le medesime caratteristiche di Kodi e Plex e quindi è anche un ottimo programma per riprodurre organizzare contenuti multimediali.
  • Perfect Player (Windows/Linux) – si tratta di un altro famoso media player che è in grado di riprodurre file multimediali e può essere impiegato per vedere i canali TV tramite IPTV TV.
    È disponibile anche per Android.
  • MyIPTV Player (Windows) – un altro media player gratuito al quale puoi fare riferimento se vuoi vedere la TV su Windows 10 tramite lista M3U; questo software si scarica gratuitamente dal Microsoft Store.

Vedere la TV sul PC tramite browser

IMMAGINE QUI 6

Se i programmi per vedere la TV che ti ho consigliato nel mio precedente paragrafo non fanno al caso tuo, in quanto hai esigenze di base oppure ritieni che siano troppo complessi da utilizzare, ti farà piacere sapere che puoi guardare la TV anche tramite il browser che utilizzi solitamente per navigare su Internet.



Sì, hai letto bene:
Google Chrome, Mozilla Firefox, Microsoft Edge o Safari sono tutti i programmi per la navigazione in Internet che puoi impiegare per vedere la TV gratuitamente su computer, in quanto ti basta recarti sui siti Web delle principali emittente televisive nazionali (in alcuni casi potrebbe essere richiesta l’installazione di plugin per browser come Flash Player o Microsoft Silverlight), per vedere i canali TV in diretta streaming.

Giusto per farti un esempio, i canali Rai, Mediaset e quelli in chiaro di Sky (Cielo, TV8 e SKY TG24) possono essere visti direttamente in streaming su Internet attraverso l’utilizzo del corrispettivo sito Internet ufficiale. In aggiunta, poi, esistono appositi siti Internet, come per esempio TVDream, che raggruppano i collegamenti ai principali canali televisivi nazionali.

Se non sapevi di questa possibilità e vorresti approfondire l’argomento, ti consiglio di leggere la mia guida su come vedere la TV sul PC, nella quale ti ho parlato nel dettaglio di queste piattaforme menzionate.



Vedere la TV sul PC senza Internet

IMMAGINE QUI 7

Una soluzione complementare ai programmi per vedere la TV sul PC è quella che richiede l’acquisto di un sintonizzatore TV USB (chiamato anche Tuner), il quale permette di vedere i canali del digitale terrestre senza connessione a Internet. Questo particolare dispositivo può essere abbinato ad alcuni dei programmi di cui ti ho parlato nel mio paragrafo dedicato; ti ho infatti specificato quelli che supportano tale funzionalità.



I sintonizzatori sono strumenti con prezzi variabili (generalmente si tratta di un costo intorno ai 20€) e che funzionano attraverso delle piccole antenne esterne, solitamente incluse nella confezione di vendita.
Qui di seguito puoi trovare qualche esempio di questi prodotti.

IMMAGINE QUI 8

Andoer® Mini Portatile USB Digital 2.0 Ricevente del Sintonizzatore DA…

Vedi offerta su Amazon

Prima di lasciarti, ti ricordo che, prima di effettuare l’acquisto di un sintonizzatore TV USB è meglio verificare che il prodotto sia compatibile con il programma che si vuole utilizzare per la riproduzione multimediale, che i suoi driver siano compatibili con il sistema operativo del computer in uso e che l’antenna in dotazione sia abbastanza potente da ricevere il segnale del digitale terrestre.



programmi per volantini mac



programmi per volantini mac

I migliori programmi per creare volantini su Mac.

Pages

IMMAGINE QUI 1

Parte della suite iWork di Apple, Pages è un ottimo software per l’elaborazione dei testi e il desktop publishing che consente di redigere testi, creare brochure, poster e volantini su Mac.
Tutto viene reso molto semplice da un’interfaccia utente estremamente intuitiva, dei controlli molto reattivi su tutti i contenuti e, soprattutto, dei template per i volantini pronti all’uso.
L’applicazione è a pagamento, è disponibile sul Mac App Store al prezzo di 17,99 euro.
Ne esiste anche una versione per iPad e iPhone gratuita per tutti i nuovi utenti di iOS (precedentemente costava 8,99 euro).
Scarica da qui.



Swift Publisher

IMMAGINE QUI 2

Swift Publisher è una delle migliori applicazioni per creare volantini su Mac attraverso la quale è possibile realizzare anche fogli di carta intestata, brochure, newsletter e molti altri documenti stampabili.
Presenta un’interfaccia utente molto facile da usare (tradotta completamente in italiano) ed una galleria composta da oltre 180 template pronti all’uso per volantini, brochure e altri documenti.
Si integra con la libreria di iPhoto e con Aperture.
Il software è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.
Scarica da qui.



Microsoft Word

IMMAGINE QUI 3

Microsoft Word non ha bisogno di presentazioni.
Si tratta del software di videoscrittura più famoso al mondo, che è disponibile anche per Mac come parte del pacchetto Office.
Pur essendo disegnato per la stesura di documenti e libri, può essere utilizzato molto efficacemente per realizzare volantini su Mac, merito della sua interfaccia Ribbon (con barre degli strumenti a schede) e dei tanti template disponibili nel programma.
Il software è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.Scarica da qui.

LibreOffice

IMMAGINE QUI 4



LibreOffice è una suite per l’ufficio gratuita ed open source che include al suo interno software per la videoscrittura, il desktop publishing, le presentazioni, i database e i fogli di calcolo.
Si tratta della migliore alternativa free a Microsoft Office e, come tale, rappresenta anche una validissima soluzione per creare volantini.
Purtroppo non include tantissimi template pronti all’uso ma in giro per la Rete se ne possono trovare diversi realizzati da terzi.
È disponibile per Mac, Linux e Windows.
Per tradurlo in italiano, su OS X occorre installare un apposito language pack.
Scarica da qui.

Pagestack

IMMAGINE QUI 5



Pagestack è una validissima applicazione che consente di realizzare poster, depliant e volantini su Mac.
Utilizzarla è semplicissima, basta selezionare uno dei tantissimi template inclusi nel software e cominciare a personalizzarlo usando gli strumenti collocati nella toolbar laterale.
Il software è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni applicando dei watermark sui documenti generati.
Scarica da qui.

Scribus

IMMAGINE QUI 6

Scribus è un software di desktop publishing gratuito ed open source che consente di realizzare una vasta gamma di documenti stampabili, da brochure a volantini passando per riviste e poster.
Gode di un’interfaccia utente molto chiara e facile da usare (tradotta completamente in italiano) ed offre una serie di template pronti all’uso per realizzare vari tipi di progetti.
I template non sono numerosi come quelli di Pages o Swift Publisher, ma in compenso offre un maggior grado di personalizzazione dei contenuti rispetto a questi due.
Scarica da qui.