Come attivare il tema chiaro su Esplora file su Windows 10



Come attivare il tema chiaro su Esplora file su Windows 10

In questo articolo ti spiegherò come attivare il Tema Chiaro su Esplora File su Windows 10, in modo da personalizzare graficamente con il tema chiaro di Windows l’interfaccia di esplorazione dei files, con la quale puoi visualizzare unità, cartelle e files salvati nei vari dischi del tuo computer.

La finestra Esplora File, anche nota come Esplora Risorse o Risorse del computer è una delle interfacce principali di Windows con la quale l’utente interagisce di più per visualizzare, modificare, spostare e cancellare files all’interno del computer.

Come spostare le cartelle di sistema Documenti Immagini e Download di Windows su hard disk esterno



Come spostare le cartelle di sistema Documenti Immagini e Download di Windows su hard disk esterno

In questo tutorial vedremo come spostare le cartelle di sistema Documenti Immagini e Download di Windows su hard disk esterno, in modo da non occupare spazio sul disco interno dove risiede il sistema operativo Windows, ma liberare spazio dal disco interno e salvare tutti i dati su disco esterno o disco secondario interno.

Se il tuo computer ha un disco interno molto capiente superiore come spazio di archiviazione ad 1 TB, non c’è motivo di preoccuparsi, puoi tranquillamente salvare alcuni dati come documenti e foto e file scaricati da Internet nelle cartelle di sistema: Documenti Download Immagini di Windows.

Se hai moltissimi dati da salvare, come ad esempio migliaia di fotografie e video da scaricare dal tuo cellulare ti consiglio però di non appesantire il disco interno dove risiede il sistema operativo (di solito è l’unità C: in Windows), ma salvare i tuoi dati su un disco secondario interno (se il tuo computer monta un secondo hard disk interno) oppure su un disco esterno USB.

Come spostare le cartelle di sistema di Windows su disco esterno



Come spostare le cartelle di sistema di Windows su disco esterno

In questo tutorial vedremo come spostare le cartelle di sistema di Windows su disco esterno, in modo da non occupare spazio sul disco interno dove risiede il sistema operativo Windows, ma liberare spazio dal disco interno e salvare tutti i dati su disco esterno o disco secondario interno.

Se il tuo computer ha un disco interno molto capiente superiore come spazio di archiviazione ad 1 TB, non c’è motivo di preoccuparsi, puoi tranquillamente salvare alcuni dati come documenti e foto e file scaricati da Internet nelle cartelle di sistema: Documenti Download Immagini di Windows.

Se hai moltissimi dati da salvare, come ad esempio migliaia di fotografie e video da scaricare dal tuo cellulare ti consiglio però di non appesantire il disco interno dove risiede il sistema operativo (di solito è l’unità C: in Windows), ma salvare i tuoi dati su un disco secondario interno (se il tuo computer monta un secondo hard disk interno) oppure su un disco esterno USB.

Come fare backup Windows 10



Come fare backup Windows 10

scritto da Il Mago Del Computer
sito web www.ilmagodelcomputer.com

In questo tutorial vedremo come eseguire un backup su Windows 10, in modo da salvare i dati contenuti nel tuo computer su un hard disk esterno, come seconda copia di backup dei dati, per usarli in caso di malfunzionamenti del computer o del sistema operativo.

Se hai un computer con sistema operativo Windows, sicuramente sarai pratico delle problematiche che questi sistemi possono incontrare, come ad esempio virus navigando su Internet o rallentamenti del sistema dopo un anno di utilizzo dovuti a programmi che fanno conflitto tra di loro.

In caso di malfunzionamenti del sistema operativo e computer non avviabile per colpa di tali problematiche, è sempre opportuno fare un backup dei dati, per tornare a lavorare velocemente una volta formattato il computer e re-installato il sistema operativo.

Ci sono vari programmi per fare una buona manutenzione del sistema operativo Windows, si può essere anche molto esperti e tenere sempre il sistema operativo pulito e ordinato, ma delle volte anche per i programmatori e sistemisti più esperti, la soluzione più opportuna per riportare in vita un computer impallato è formattare il sistema operativo e ricominciare da capo con una nuova installazione di Windows.



In questa guida ti mostrerò tutti i passaggi da effettuare per fare un backup dei dati su Windows 10.

Come alleggerire Windows 10



Come alleggerire Windows 10

scritto da Il Mago Del Computer
sito web www.ilmagodelcomputer.com

In questo tutorial vedremo come alleggerire Windows 10, ossia come rimuovere funzioni superflue e applicazioni superflue dal sistema operativo, in modo da velocizzare l’avvio e le performance in generale.

In questa guida vedremo una serie di consigli per ottimizzare il computer al meglio operando sulle impostazioni di Windows, al fine di personalizzarlo il più possibile per ottenere una performance migliore.

Alcuni programmi per deframmentare dischi su Windows



Alcuni programmi per deframmentare dischi su Windows

scritto da Il Mago Del Computer
sito web www.ilmagodelcomputer.com

In questo articolo ti mostrerò alcuni programmi per deframmentare i dischi su Windows, in aggiunta all’utility di base di Windows per l’ottimizzazione e deframmentazione dischi, già integrata su Windows.

C’è da dire che con la maggiore velocità dei processori quad-core e dei dischi SSD dei computer moderni, deframmentare i dischi non è più necessario come nel ventennio precedente.

Le prime versioni di Windows infatti erano installate su hardware lenti, in particolare processori lenti e dischi lenti rispetto a quelli moderni.

Quindi minimizzare i tempi di accesso alle risorse salvate su disco, costituiva una importante ottimizzazione per ottenere delle performance di lavoro migliori soprattutto per i professionisti che utilizzavano programmi di montaggio audio o video.



Al giorno d’oggi se il tuo computer è dotato di un ottimo processore multi-core e dischi veloci SSD, non noterai grandissime differenze di performance se non effettuerai spessissimo la deframmentazione.

Ti consiglio di impostare l’ottimizzazione automatica dei dischi già integrata in Windows.

In ogni caso in questo articolo ti mostrerò alcuni programmi per Windows per poter deframmentare dischi con maggiore controllo sulle impostazioni di deframmentazione rispetto alla funzione di deframmentazione integrata già sul sistema operativo Windows.

Programmi per deframmentare Windows 10



Programmi per deframmentare Windows 10

scritto da Il Mago Del Computer
sito web www.ilmagodelcomputer.com

In questo tutorial vedremo dei programmi per deframmentare Windows 10, oltre la funzionalità integrata di Windows per l’ottimizzazione e deframmentazione dei dischi.
C’è da dire che con la velocità dei processori e dei dischi moderni, deframmentare un disco non è più necessario come sulle prime versioni di Windows.

Nella maggior parte dei casi va benissimo utilizzare la funzione automatica di Windows 10 per l’ottimizzazione automatica dei dischi.
Se però vuoi provare ad utilizzare dei software specifici per deframmentare gli hard disk, puoi provare e testare i programmi che ti consiglio in questa guida.
In questo articolo affronteremo infatti una recensione dei migliori programmi per deframmentare dischi su Windows 10.

Come deframmentare un disco su Windows 10



Come deframmentare un disco su Windows 10

scritto da Il Mago Del Computer
sito web www.ilmagodelcomputer.com

In questo tutorial vedremo come deframmentare un disco su Windows 10, in modo da ottimizzare il modo in cui sono salvati i dati su un determinato hard disk.
La deframmentazione di un disco è un processo che consente di scrivere i dati su un determinato disco in modo da velocizzarne il più possibile la lettura, per minimizzare il tempo di accesso e lettura dei dati.

 

 

Procedura per deframmentare un disco su Windows 10

La funzionalità per deframmentare un disco su Windows è presente sin da varie versioni precedenti di Windows.
Se hai un hard disk con molti dati salvati e noti che l’accesso al disco per aprire e leggere i files si è rallentato notevolmente ed inspiegabilmente puoi provare ad usare lo strumento di deframmentazione per ottimizzare il modo in cui i dati vengono posizionati sul disco, in modo da velocizzare il più possibile l’accesso in lettura.



Se tutto il computer risulta rallentato, probabilmente il problema non è dovuto ad un disco da deframmentare, ma probabilmente ad un sistema operativo poco ottimizzato.
In questo ultimo caso ti consiglio di fare un backup dei dati e re-installare Windows da capo, riportando in questo modo Windows alla velocità iniziale, come quando hai acquistato il computer.

L’utility di deframmentazione ti permette per prima cosa di fare un check per verificare che il disco esaminato abbia la necessità di essere deframmentato oppure no.

Per lanciare la funzione di deframmentazione dischi su Windows 10 segui i passaggi seguenti:

– clicca il bottone Start di Windows (il pulsante in basso a sinistra sullo schermo)

– nella barra di ricerca di Windows scrivi la parola deframmenta



{IMM – BARRA DI RICERCA deframmenta}

Windows troverà un’app chiamata Deframmenta e ottimizza unità e la mostrerà nel menu come primo risultato di ricerca

– clicca sull’app trovata chiamata Deframmenta e ottimizza unità

{IMM – DEFRAMMENTA RISULTATI DI RICERCA}

– scegli la voce Ottimizzazione unità



Vedrai una schermata chiamata Ottimizzazione unità

{IMM – OTTIMIZZAZIONE UNITA’}

– individua un riquadro che si trova in basso chiamato Ottimizzazione pianificata

Se la deframmentazione automatica è attivata, troverai la scritta Attivata

Questo vuol dire che Windows sta costantemente ottimizzando i dischi del computer in modo automatico, man mano che salva i dati sugli stessi.



{IMM – OTTIMIZZAZIONE PIANIFICATA}

– controlla i dischi elencati sotto il riquadro Stato nella stessa schermata

{IMM – STATO}

 

Nel riquadro Stato trovi elencati i dischi del computer e sotto il campo Stato corrente troverai la scritta Ottimizzazione necessaria in corrispondenza del disco che ha bisogno di manutenzione



PER ANALIZZARE UN DISCO
– per analizzare un disco con stato impostato su Ottimizzazione necessaria:

– seleziona la riga del disco

– premi il pulsante Analizza (subito sotto il riquadro)

{IMM – SELEZIONA E BUTTON ANALIZZA}

 

PER OTTIMIZZARE UN DISCO (DEFRAMMENTANDOLO)

– se la funzione Analizza ha dato come suggerimento quello di deframmentare il disco, premi il pulsante Ottimizza



Windows procederà ad effettuare una ottimizzazione dei dati salvati su disco, in modo da posizionarli in modo da ritrovarli velocemente per l’apertura e lettura successiva.

 

Come cambiare le impostazioni della deframmentazione automatica

Per andare a modificare le impostazioni dell’utility deframmentazione dischi, clicca sul pulsante Modifica impostazioni posizionato in basso a destra nella schermata (come in figura seguente).

{IMM – MODIFICA IMPOSTAZIONI}

Nella schermata Impostazioni:



– metti un check sulle opzioni:
Esegui in base a una pianificazione (scelta consigliata)
Notifica in caso di tre esecuzioni pianificate consecutive non completate 

 

FREQUENZA DELL’OTTIMIZZAZIONE AUTOMATICA DISCHI

Da queste impostazioni è possibile impostare la frequenza con la quale Windows effettuerà in automatico la deframmentazione ed ottimizzazione dei dischi.

Le opzioni selezionabili sono:
– Ogni settimana
– Ogni mese
– Ogni giorno 

Se crei tantissimi file al giorno oppure se scarichi da Internet centinaia di file al giorno e li salvi su uno dei dischi esaminati, ti consiglio di impostare la frequenza come settimanale o mensile.



L’opzione Ogni giorno la scarterei, a meno che tu non salvi veramente una mole di dati giornaliera enorme su disco.

{IMM – MENU A TENDINA FREQUENZA}

– premi poi il pulsante Scegli per scegliere gli hard disk ai quali applicare l’ottimizzazione automatica

Ti consiglio di scegliere i dischi dove salvi spesso molto materiale.

Controllo periodico dell’ottimizzazione dei dischi

Sulle vecchie versioni di Windows, ottimizzare il computer al meglio era davvero importante per ottenere delle prestazioni soddisfacenti da programmi di montaggio audio o montaggio video, e altri programmi che mettono a dura prova hardware del computer.



C’è da dire che onestamente è passato molto tempo dalle vecchie versioni di Windows ad oggi e l’hardware dei computer è cambiato tantissimo ed ha raggiunto ottime prestazioni senza bisogno di accorgimenti particolari di ottimizzazione, che 20 anni prima erano necessari.

Ti consiglio in generale di provvedere alla deframmentazione ed ottimizzazione dei dischi se noti che stai salvando davvero tanti dati su disco e se pensi che l’accesso in lettura e scrittura dei dati si sia rallentato

Ti consiglio di attivare l’ottimizzazione automatica dei dischi

Ti consiglio di andare a fare un controllo periodicamente, magari ogni 6 mesi sullo stato di ottimizzazione dei dischi usati dal tuo computer